none_o

All'età di 93 anni (a settembre ne avrebbe compiuti 94) ci ha lasciati il grande scrittore Andrea Camilleri. Era nato nel 1925 a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, in Sicilia, ed è stato anche regista, sceneggiatore, drammaturgo ed insegnante. 

Arpat Toscana
none_a
ASBUC Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
IL VICE P. M. 5S DICE CHE I SINDACATI FANNO UNA SCELTA .....
Leggo sul Fatto Quotidiano, tramite la sezione giornali .....
Da cosa l'ha 'ndovinato il nome Bruno?
Sicuramente non è la segnaletica di una volta l'ho .....
"Io lo vedo così"
none_a
"Io lo vedo così" (il mondo)
Una nuova Rubrica per tutti
none_a
Incontrati...per caso
di Valdo Mori
none_a
Dio arriverà all'alba - Alda Merini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Migliarino
none_a
Migliarino, 3 luglio
none_a
Milano e Cortina hanno vinto
none_a
di Fausto Bomber
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
VECCHIANO
Cerri Massimo:(lista IPV) la raccolta differenziata non basta.

4/5/2011 - 13:25

La raccolta differenziata non basta.


I risultati della raccolta differenziata per il comune di Vecchiano sono molto positivi ma bisogna ricordare che purtroppo continuiamo a produrre troppi rifiuti.

 Questo è il grosso problema. La raccolta differenziata è  ottimalizzata con il porta a porta. Uno degli ultimi dati evidenzia che ogni singolo cittadino produce oltre seicento kg di rifiuti. Dobbiamo ridurre tale produzione, non c’è alternativa. Questo passa attraverso la conoscenza e la sensibilizzazione dei cittadini al problema.

 Anche se differenziato il rifiuto inquina ed ha bisogno di molta energia per essere riutilizzato.

 Bisogna cambiare il nostro modo di vita per migliorarla e cercare una strada per la riduzione dei rifiuti. In questi giorni si sta straparlando di plastica nel nostro mare.

 Vi invito a fare un giro sugli argini del nostro fiume e a guardare il suo letto: vedrete attaccati a rami e canne una miriade di bandierine di diversi colori, sono sacchetti di plastica che se ne andranno presto al mare per non parlare del polistirolo che se fate un giro sul nostro arenile e guardate la sabbia attentamente troverete in maniera massiccia insieme alla plastica.

 Quando i pesci vedono un piccolo pezzetto bianco che si muove gli sembra una preda e lo mangiano e noi poi mangiamo il pesce quindi il risultato è che mangiamo il nostro rifiuto.

 Ma torniamo al rifiuto differenziato: per essere riciclato necessita di lunghi processi di lavorazione che impiegano energia e/o additivi chimici.

 Dobbiamo incominciare a pensare che quando andiamo a fare la spesa si può usare, insieme al carrello, anche il cervello, scegliendo prodotti non confezionati e in modo da stimolare le aziende a ridurre gli imballaggi. Capisco che per molti fare la coda è una gran perdita di tempo ma credetemi lo sfuso crea meno problemi per i rifiuti, niente contenitori e non è poco; si potrebbe anche parlare di differenze di qualità tra sfuso e confezionato, ma lasciamo perdere.

 La messa al bando dei sacchetti di plastica a favore del biodegradabile è una nota positiva ma più positivo è usare sempre la solita borsa. Insomma, più che riciclare dobbiamo cercare di diminuire alla fonte i rifiuti; questo è possibile solo usando il cervello e cambiando, con poco sforzo, il nostro stile di vita.

 Dobbiamo iniziare a  capire cosa vuol dire fare rifiuti e soprattutto dove andremo a finire se ognuno di noi non prenderà  in seria considerazione il problema.

 Dai dati di Legambiente risulta che circa un milioni di animali  e pesci muoiono causa della plastica. Questo può succedere anche all’uomo o forse sta già succedendo, magari invece di mangiarla la stiamo respirando?

 Credo che un attenta riflessione sia doverosa per il futuro dell’umanità.

Cerri Massimo detto Meghe

Fonte: Cerri Massimo - candidato a consigliere comunale nella lista IPV-
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: