none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
none_o
passa passa, ma quanti siete?

6/8/2011 - 8:57


    Guarnito D’Appiano, vissuto a Pisa fra il 1200 e il 1255, diede origine ad una discendenza che, dalla città natale, si allargò dominando fino in Aragona, Piacenza e Piemonte e, vicino a noi, a Piombino, Populonia, Suvereto, Buriano, Scarlino, Vignale, l'Elba, Pianosa e Monte Cristo.

Nel 1392 un discendente, Jacopo, capo della fazione dei Raspanti in Pisa, fece uccidere a tradimento Pietro Gambacorti, signore della città, ed avvelenò i suoi due figli, capi della fazione dei Bergolini, insieme alla consorteria dei Lanfranchi acquisendo la signoria di Pisa per quasi un decennio (e questa è storia locale).

 

Vi fu una lunga serie di Appiani, i più di nome Jacopo, che fecero il bello e il brutto nei possedimenti pisani sulla costa, fino ad una serie di mosse sbagliate che ne estinsero la  potenza e il destino la stirpe.

 

Jacopo VI nel 1548 fu scacciato da Piombino poiché l'imperatore Carlo V aveva ceduto il principato a Cosimo I, insoddisfatto di come l'Appiano difendeva le sue coste dai pirati.

Con la morte del nipote Jacopo VII, la casata degli Appiano si estinse in linea maschile primogenita nel 1603.

 

Ricapitoliamo: il distretto di Ferraio all’isola d’Elba era pisano; Portoferraio, chiamato oggi così, fu fondata per volere di Cosimo I dei Medici, granduca di Toscana, dal quale la città prese il primo nome, "Cosmopoli", nel 1548, e fu concepita come presidio militare con lo scopo di difendere le coste del Granducato e dell'isola.

Dall’altro lato della grande baia a ferro di cavallo (non deriva da qui il toponimo, ma dal minerale da sempre estratto e lavorato!), si ergeva, ed ancora oggi domina, il Castello del Volterraio, posto sulla sommità di un ripido colle e che si vanta, se non per la maestosità dell’opera e del panorama che si può osservare, per il fatto che non è mai stato vinto dai tanti nemici, siano stati essi dei romani od etruschi, barbareschi o greci, austriaci o francesi od anche da, purtroppo, genti della stessa isola che aveva, nella vetta, il confine fra Granducato di Toscana e Ducato di Piombino.

 

Due parole sul nome e poi basta: il nome Volterraio non deriva dalla possibile origine etrusca e quindi legata alla grande città sul “continente”, ma da colui che lo restaurò  nel 1281,  Vanni di Gherardo Rau, per adeguarla alle esigenze difensive dell'epoca.

Gherardo era di Volterra e Vanni lo chiamavano "il volterraio"!

 

Poveri pisani, è vero tutto quello che si dice sulla vostra poca “svegliezza”!

Essere padroni di una delle più belle isole italiane, avere la possibilità di controllare l’enorme flusso di turisti e quindi di denaro e voi vi mettete nelle mani di un discendente di Guarnito, guarnito di cosa poi non si sa!

 

Ma a consiglialli, ‘io rivortrato!,  o un cerin  stati Leo der Vinci co Roberto e co Massimo, che la conoscevin bene la storia der “quantiseicosaportateunfiorino” ?

O quanti n’averebbero ‘ncassati di fiorini colle barche barchine barcotte traghetti e tragotti da tutti che dovevin passà di sotto ‘r Vortraio che l’averebbero ri…vortrati vai se  fussen stati guidati da…sverto e non da…ppiano!!!

e piangevin sì, 'io feraio; artre e piange'! c'era da picchià ma la 'iorba ner muro e mi sa che 'r castello lo sfenno 'osì!



 

/p>
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: