none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
IL LIBRO
Perchè gli OGM
di Elio Cadelo

1/10/2011 - 20:07


Da Internet un articolo interessante su un libro che tratta un argomento molto controverso e che fa riflettere. (ndr)

 

Ogm: perchè il mondo non può farne a meno, libro sfata tabù

(AGI) - Roma, 29 set. - Le superfici coltivate nel mondo con piante geneticamente modificate hanno raggiunto nel 2011 quota 150 milioni di ettari. Al primo posto gli Stati Uniti, seguono Canada, Sud America (Argentina, Brasile e Paraguay), India, Cina, e Sud Africa. Sono economie consolidate ed emergenti il cui Pil cresce tra il 4 e il 10 per cento ogni anno.

 

Secondo la Fao e la Banca Mondiale e' stato grazie all'agricoltura Ogm che molti Paesi poveri hanno allontanato lo spettro della fame ed hanno potuto aprirsi alla crescita economica. Cio' nonostante in Europa e in particolare in Italia gli Ogm sono ancora un tabu' con gravi ricadute non solo sulla ricerca pubblica e privata ma anche sull'economia in generale.

 

'Perche' gli Ogm' (Palombi Editore) a cura del giornalista scientifico del Giornale Radio Rai Elio Cadelo e' il primo libro documento che spiega perche' gli Ogm sono decisivi per la nostra societa' che oramai non ne puo' piu' fare a meno.

 

I saggi contenuti nel volume spiegano sotto il profilo economico, dell'ambiente e della salute tale necessita' di rinnovamento dell'agricoltura per far fronte alle esigenze di una crescente umanita', alle richieste in termini di quantita' e qualita' non solo di prodotti alimentari, ma anche per la produzione di farmaci e quale fonte di energia alternativa.

 

Sfatando anche luoghi comuni, come quello che vede il nostro paese totalmente Ogm-free: pochi sanno che almeno da 40 anni in Italia si usa il grano Creso - modificato geneticamente grazie all'uso dei raggi gamma nei laboratori dell'ENEA - per fare pasta e il pane; che il pomodoro 'ciliegino' non e' che un ibrido costruito nei laboratori israeliani e coltivato oggi in tutto ilmondo, ementre il San Marzano che era una nostra produzione tipica, e' quasi scomparso perche' l'unica pratica di difesa dal virus che lo ha decimato sarebbe un intervento di ingegneria genetica, vietato in Italia.

 

'Perche' gli Ogm' presenta gli scritti dello psichiatra Vittorino Andreoli, dei genetisti Luigi Rossi, Roberto Defez, Rosella Franconi, degli economisti Giovanni De Caro e Dario Frisio, dei biologi Alessandro Vitale e Giuliano D'Agnolo, del giurista Luca Simonetti, di Bruno Mezzetti dell'Istituto Superiore di Sanita', di Corrado Clini Direttore generale del Ministero dell'Ambiente e del teologo Gonzalo Miranda.

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: