none_o


Evento davvero memorabile a san Giuliano Terme il 25 luglio a partire dalle ore 18, all'interno del Fuori Festival di Montepisano Art Festival 2024, manifestazione che coinvolge i Comuni del Lungomonte pisano, da Buti a Vecchiano."L'idea è nata a partire dalla pubblicazione da parte di MdS Editore di uno straordinario volume su Puccini - spiega Sandro Petri, presidente dell'Associazione La Voce del Serchio - scritto  da un importante interprete delle sue opere, Delfo Menicucci, tenore famoso in tutto il mondo, studioso di tecnica vocale e tante altre cose. 

Che c'entra l'elenco del telefono che hai fatto, con .....
Le mutande al mondo non le metti ne tu e neppure Di .....
Da due anni a questa parte si legge che Putin, ovvio, .....
È la cultura garantista di questo paese. Basta vedere .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
di Matteo Renzi, senatore e presidente di IV
none_a
Da un'intervista a Maria Elena Boschi
none_a
Di Mario Lavia
none_a
di Roberto Sbragia - Consigliere provinciale di Pisa Forza Italia
none_a
Copmune di Vecchiano - comunicato delle opposizioni
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Di Fabiano Corsini
none_a
Una "Pastasciutta antifascista"
none_a
Pontasserchio, 18 luglio
none_a
Pisa, 19 luglio
none_a
di Alessio Niccolai-Musicista-compositore, autore
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Legambiente Pisa: Il Parco difende la qualità del territorio.

4/10/2011 - 9:24


Il Parco difende la qualità del territorio.

 Qualcuno preferisce meno alberi e più auto

Le file estive per il mare preoccupano operatori e investitori della costa, che temono l’abbandono dei turisti, come hanno dichiarato in una recente assemblea pubblica a Tirrenia. Ma non preoccupiamoci: il colpevole è trovato, la soluzione pronta. Il colpevole è il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli che impedisce la soluzione indicata dalla Amministrazione Comunale nella stessa assemblea: fare più strade per portare più auto sul litorale.

 Ma questa “soluzione” non è una soluzione: l’esperienza insegna che alla crescita del numero delle automobili, favorita dalla costruzione di nuove strade, corrisponde un aumento del traffico, non una sua diminuzione.

Si sostiene che è lo sviluppo che richiede nuove strade e nuovi parcheggi, ma questa parola, spesso imbellettata con l’aggettivo “sostenibile” utilizzato a sproposito, nella realtà diventa sinonimo di consumo del territorio in nome di interessi economici immediati che erodono il capitale naturale, patrimonio comune di tutti e vero motivo di attrazione per i turisti.

Se è vero, come si è denunciato nell’assemblea, che il traffico scoraggia il turista, è ancor più vero che senza qualità dell’ambiente naturale il turista neanche arriva.

 E il turista vero è quello che non usa (e getta) il territorio che lo accoglie, ma colui che rispetta la natura e la salute propria e altrui.

Non è quindi con nuove strade e nuovo traffico che si risponde alla richiesta di migliore viabilità, ma con soluzioni intelligenti, che rispettino l'ambiente, come il Parco cerca di fare combattendo contro le proposte di brevissimo respiro proposte dall'amministrazione.

Secondo il sindaco Filippeschi, il Parco si rifugia «dietro un quadro normativo complesso», cioè vorrebbe far rispettare le norme vigenti; l’accusa è di non voler sacrificare alberi e spazi verdi per far posto all’asfalto delle strade con il conseguente corredo di parcheggi e nuovi edifici.

 Insomma l’accusa al Parco, che dovrebbe «darsi una mossa», è quella di … voler essere il Parco.

Legambiente Pisa ritiene invece sbagliato governare il territorio inseguendo gli interessi degli investitori e la pressione di una crescita irrazionale e insostenibile, capace di danni e incapace di soluzioni. L’aumento di insediamenti residenziali e turistici deve essere proporzionato ai limiti della capacità di carico del territorio e il problema della mobilità conseguente deve essere affrontato e risolto al momento della pianificazione urbanistica perché una volta riempito il territorio la soluzione non si trova.

Pensiamo al nostro litorale dove sono in costruzione numerose unità residenziali per migliaia di residenti e turisti: gli edifici sono stati pianificati ed autorizzati senza definire un piano di viabilità.

Pare un sogno (o un incubo) quello di asfaltare le strade nel bosco «per una viabilità stagionale»: poi, finita l'estate, togliamo l'asfalto?

 Prevedere un enorme aumento della pressione antropica, residenti e turisti, e poi imporre soluzioni che intaccano pesantemente la qualità ambientale del territorio non è certo un esempio di saggia amministrazione.

Non servono nuove strade per consentire un apparentemente comodo trasferimento dal garage di casa al parcheggio del bagno al mare.

 Serve l’intelligenza e l’immaginazione per pensare finalmente a un sistema efficiente di mezzi pubblici e, dovendo incassare la difficoltà della congiuntura finanziaria, anche una maggiore elasticità da parte dei cittadini.

 Lo dimostrano esperienze di altre luoghi: è possibile migliorare un servizio senza intaccare il paesaggio, territorio e salute dei cittadini.

 

Legambiente Pisa si augura che il Parco voglia e sappia esercitare la sua funzione di difensore e gestore del prezioso patrimonio comune che la collettività gli ha affidato, anche quando, prossimamente, Regione ed Enti locali rinnoveranno gli organismi dirigenti.

 

Legambiente Pisa (comunicato del Direttivo della Associazione, presidente Marco Ricci, responsabile della trasmissione Roberto Sirtori 3291917287 – 050553435)

Fonte: Legambiente Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

5/10/2011 - 12:38

AUTORE:
penultimo

il progetto cervellati prevedeva
un parco dotato di notevoli infrastrutture per farne una cosa viva e quindi in continua trasformazione . la gestione vera del parco si è distinta da una parte con il blocco ventennale di quelle previsionie una aperura di fatto ad interventi di impatto significativo. il parco svolgerà la sua funzione solo se si decidera dopo un immobilismo 20 ennale ad attuare il progetto fondativo

5/10/2011 - 0:33

AUTORE:
Riccardo

Sono d'accordo che è inutile fare nuove strade e nuovi parcheggi, le spiagge sono le stesse e affollate è inutile congestionarle, è altrettanto vero che il parco non è tenuto bene come il parco della maremma ex parco dell'uccellina, quindi inviterei legambiente a vigilare la manutenzione del nostro parco.