none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umbero Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Mara Carfagna, ministro per il Sud (a cura di BB, red VdS)
none_a
Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
VECCHIANO
Una pagina della nostra storia

28/10/2011 - 21:01

“I bambini ci guardano” è un film del 1943 diretto da Vittorio De Sica e tratto dal romanzo “Pricò” di Cesare Viola.

 

Il mulino di Avane, la piazza Garibaldi di Vecchiano ed altre vie dello stesso paese,  in piena guerra, nel 1943, furono luoghi ripresi dalle telecamere del grande regista.

All’epoca, per girare la sequenza che vi riproponiamo, furono “reclutati” bambini della zona e quindi quelli che oggi possiamo vedere nel filmato erano bambini nostrani, bambini dei nostri paesi, di Vecchiano, Avane, Pontasserchio….

 

Ma chi sono?Qualcuno si riconosce?

Qualcuno riconosce il proprio papà da bambino? Il nonno, lo zio, l’amico, il vicino…..

Qualcuno ha forse una volta sentito raccontare di questo evento?

Oppure si ricorda quei giorni in cui le telecamere riprendevano i nostri luoghi?

Aiutiamoci a ricordare un pezzo della nostra storia.

Chi ricorda o chi sa per sentito dire lo racconti…....


 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

20/11/2011 - 16:30

AUTORE:
Memoria storica

Il nome del bambino non ancora riconosciuto dovrebbe essere
Barsuglia Luciano e come secondo nome Fiorenzo (con cui tutti lo chiamavano)

12/11/2011 - 22:53

AUTORE:
Memoria storica

Così racconta la "memoria storica" a cui ho chiesto notizie:

"I bambini erano tutti di Vecchiano e furono appositamente scelti di qualche anno maggiori del piccolo protagonista alfine di farlo sembrare ancora più piccolo.Il bambino appena terminavano le riprese non giocava con i compagni di scena ma cercava sempre qualche coetaneo.Le riprese durarono molti giorni.
I nomi di altri 2 bambini sono:
Grassini Renzo e Lorenzoni Carlo(nati circa negli anni 1930-31)
L'uomo anziano con l'asino si chiamava Menotti Chiari"

29/10/2011 - 18:07

AUTORE:
P.C.

Subito dopo la scena del cane i due bambini a destra sono vecchianesi: Icilio Palla, il penultimo e Remo Viti, l'ultimo.