none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
TOSCANA - PISA
Caccia, Salvadori: "Troppi cinghiali. La Regione ha fatto la sua parte, ora tocca agli altri"

30/10/2011 - 20:05

TOSCANA - Cresce la preoccupazione per l'eccessivo numero di cinghiali nei boschi toscani, tra cui quelli della provincia di Pisa. L'assessore regionale all'agricoltura Gianni Salvadori ha lanciato un nuovo allarme in questi giorni, per i danni che questa presenza sta provocando alle coltivazioni.

"La presenza degli ungulati - afferma - non è più accettabile, la quantità è tale che produce danni giganteschi all’agricoltura ed incidenti sempre più numerosi per i cittadini, è il momento di un intervento drastico da parte di tutti i soggetti coinvolti, dalle Province agli Ambiti territoriali di caccia (Atc), fino a singoli cacciatori".

Secondo Salvadori la Regione ha già fatto la sua parte, dotando gli enti preposti alla gestione del territorio degli strumenti necessari, come le nuove norme che consentono di intervenire ovunque e in tutti i periodi dell'anno.

"Occorre adesso che Province, Atc e perfino i singoli cacciatori facciano la propria parte".

Continua Salvadori: "Abbiamo approvato la nuova legge in materia di caccia già dal febbraio 2010 e quest’anno è stato varato il regolamento di attuazione, mentre è in fase di predisposizione il Piano Faunistico Venatorio regionale che aggiungerà altri criteri, indirizzi e obiettivi per una sempre migliore gestione della fauna in Toscana".

Le nuove norme fissano densità sostenibili di cinghiali, caprioli, cervi e daini. E questo consente alle Province di intervenire in due modi. Durante la stagione venatoria può essere elaborato un piano di gestione che assegni precisi obiettivi all'attività di prelievo. Quando invece la caccia è chiusa, si possono consentire battute mirate su tutto il territorio con azioni di controllo da parte della polizia provinciale.

"Ma non basta – precisa l’assessore regionale – la nuova legge sulla caccia divide il territorio regionale in aree "vocate" alla presenza degli ungulati, dove valgono le norme già descritte, e zone "non vocate", dove la presenza del cinghiale e degli altri ungulati non è compatibile con lo svolgimento delle attività agricole e dove le Province adottano forme di gestione non conservative delle specie".

Secondo Salvadori le nuove norme toscane costituiscono un esempio che molte Regioni stanno seguendo in materia di gestione degli ungulati.

"E’ tempo – conclude Salvadori – che gli Enti ai quali la legge regionale delega la gestione mettano in atto in maniera ancora più incisiva le procedure che abbiamo elaborato in pieno accordo con tutte la parti interessate da questo fenomeno. In questo contesto, anche le squadre di caccia al cinghiale ed i cacciatori di selezione devono impegnarsi per raggiungere in maniera completa gli obiettivi assegnati."

Bernardo Magli

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: