none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Mara Carfagna, ministro per il Sud (a cura di BB, red VdS)
none_a
Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
none_o
Piccole storie di paese

3/11/2011 - 22:50



La Storia, una storia, è storia, ma che storia è?


Tutta la nostra vita è una storia, piccola o grande o ritenuta tale e la Storia si fa con piccole storie e, a volte, anche con storielle che non sono da scambiare con le “bischerate”!
Tutta la concentrazione di quest’anno è per Quella italiana, scioccamente  vista Grande solo perché fa scena il numero: 150 oppure 150°, ma gli anni, tanti (?), non contano certo per amare la Patria, questo è “lavoro” di tutti i giorni.


La mia “storia” è cercar le “storie”e per questo dedico tempo ed energie partendo dai luoghi natii o viciniori.

Tutto mi interessa: persone e fatti, natura e ambiente, scritti e foto, terra e cielo, vento e acqua e quando dico acqua non ci sono lontano come nel gioco della ricerca, ma ci sono dentro metaforicamente e fisicamente.
La mia acqua è il Serchio ed ho riassunto il suo significato in una dedica che scrissi sul mio primo libro a Lui dedicato (scusate la ripetizione), Dai ponti al mare:

 “Chi dice che - il sangue non è acqua -  non conosce quella di Serchio!”

 

Un lavoro che mi tenne occupato per mesi fu quello poi di fare un dvd sul Serchio, partendo dalla sorgente ed arrivando al mare, con ponti e affluenti, renaioli e  lavandaie, canzoni e filmati, foto e diagrammi.
Fu presentato al Teatro del popolo di Migliarino in occasione del Maggio migliarinese del 2009 ed ora lo ritengo inutile per la mancanza della tragedia di Natale.
Vi erano però degli spezzoni di alcuni film dove appare il nostro Fiume e non poteva certamente mancare quello che riguarda Vecchiano, quello inserito nelle flash di questo giornale che però tralascia il Serchio saltando, anzi interrompendosi prima, la scena dove si vede il molino di Avane con la grande ruota che gira. (foto1)
Anche quella è Storia, storia di un manufatto, di un ambiente ora scomparso.


Ringrazio Capitan Sesto che nel forum ha evidenziato il mio articoletto sul Milite di Avane e rimarcato la presenza e continuità della storia anche in temi diversi.
Per rimanere nel tema “film”, mio padre mi raccontava sempre che “sotto i ponti” (per i non vecchianesi i ponti sono quello di muro e quello di ferro di Migliarino) era stato girato un film dove c’era il Gobbo maledetto (lo chiamava lui) e avevano usato la barca di mio nonno,che faceva il renaiolo, per la scena finale.


Complice la rete, sono risalito al titolo, alla copia del film e acquisto (negli USA) del ricordo di quei tempi:
Rigoletto” di Carmine Gallone con Anna Maria Canali - Giulio Neri - Lina Pagliughi - Marcella Govoni - Mario Filippeschi - Tito Gobbi. Anno 1947.
Un breve riassunto: il duca di Mantova fa rapire Gilda e la restituisce disonorata al padre Rigoletto. Per vendicarsi il deforme buffone assolda un sicario perché ammazzi l'infame, ma al suo posto è pugnalata la fanciulla. Rigoletto piange la morte della figlia caricata sulla barca  di mio nonno e se ne va tragicamente verso il mare partendo dai ponti di Migliarino, il primo viaggio documentato di “dai ponti al mare”, viaggio che sarà poi preso festosamente a simbolo di un modo e uno stile di vita paesana. (foto 2-3-4)


Ritorniamo al pezzo di “I bambini ci guardano”, quello della piazza e della ragazza che cerca il piccolo attore principale.
Nella ricerca di cartoline dei nostri paesi, in un convegno numismatico a Firenze, mi sono imbattuto in quella che vi mostro e che ebbe un simpatico scambio di battute con il venditore (di Bologna).
Lui non dava peso alla cartolina di una località che non conosceva e che non considerava nemmeno tanto ricercata ed io rincarai la dose dicendogli che era un falso e che  valeva poco o niente.
Alla domanda di come avevo fatto a vedere che era una patacca, risposi che io ero di quel paese e quei culi che si vedevano al centro, non erano culi di ragazze vecchianesi.
La pagai poco e la mia battuta fece il giro del palazzo tanto che l’anno successivo, quando ritornai al convegno, il bolognese mi riconobbe  e mi chiese se era cambiato qualche lato b in paese! (foto 5)
Questa è una storiella, ma guardate il retro della cartolina e scoprirete una piccola storia comunale:
cartolina di Vecchiano, fotogramma di un film girato in Avane, scritta a Nodica, spedita da Migliarino!
Ditemi se non è storia  (minuscola) anche questa. (foto 6)


Siamo andati oltre, ma questa è un’altra storia…
 
Scusate il ripetitivo riferimento al mio lavoro, ma non potevo non riportare le notizie senza esserne coinvolto.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

9/11/2011 - 13:54

AUTORE:
Fabio Ceccherini

Proprio la foto della barca con Rigoletto mi ricorda la scena che fu girata diverse volte. La barca veniva trainata a mano, da non so chi, immerso nell'acqua e nascosto dalla parte della prua.Ti ringrazio carissimo Chiube,ormai non sei più una sorpresa ma una piacevolissima realtà

6/11/2011 - 9:41

AUTORE:
P.G_

...caro Umberto, è proprio il tuo
coinvolgimento che fa importante e interessante questa rubrica!
Non sarebbe così se dentro non ci fosse l'amore e la passione: sono loro il valore aggiunto delle tue storie.
Un caro saluto.