none_o

 

 

 

 

 

Tentativo di risposta alla domanda di un mio ex alunno, leggendo gli articoli che più mi hanno colpito in questa settimana, ripensando ad alcune poesie che si studiano anche in terza media e immaginando un altro mondo possibile.

Purtroppo è così, l'Italia pare dividersi in furbi .....
Meno male che ci pensa la Regione, sui divieti alle .....
. . . un 3% di "imbechilli" c'erano già al tempo del .....
Enrico Rossi, giustamente, ha detto che oggi fara'un'ordinanza .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Giulia Baglini
none_a
Baragli: "Export quasi cancellato, serve liquidità ora o non ripartiremo"
none_a
Libri
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
La pesca nel lago
(1976)

Ugo:- Come è ita Dreino?

Drea:- Dai 'n occhiata,
con venti nasse .....
Ottima la raccolta degli stralci a Migliarino da parte di Geofor. Brava l'Amministrazione che ha sollecita il servizio precedendo la richiesta di numerosi .....
SAN GIULIANO
SPI-CGIL: I pensionati non possono essere sempre il Bancomat contro la crisi

30/11/2011 - 14:25

I pensionati non possono essere sempre il Bancomat contro la crisi
 
“Ma ci toccano anche le pensioni? Ma io che devo andare in pensione il 31/12 ci vado? Ma noi che abbiamo le pensioni al minimo non avremo più alcuna riduzione delle tariffe?.”
Queste sono solo alcune delle domande e delle preoccupazioni delle persone che vengono nelle sedi sindacali, o che incontriamo nelle assemblee o per strada.
A questa situazione, gia difficile va ad aggiungersi, in questo fine anno l’arrivo delle bollette di luce acqua gas rifiuti, telefono, passi carrabili, che comporta l’esborso di quasi tutta la tredicesima mensilità..
Inoltre deve essere tenuto in considerazione che anche a livello locale, nella fase di stesura dei bilanci comunali, quando va bene le cifre per i servizi alla persona rimangono invariate rispetto allo scorso anno, senza tenere conto dell’aumento del costo della vita, ma in molti casi, ed in particolare i servizi socio sanitari e scolastici, c’è un aggravamento.
I “ricchi” che ancora una volta dovrebbero farsi carico della crisi, cioè i pensionati hanno una medie delle pensioni di 1.050 € le donne che sono in maggioranza hanno una pensione ancora più bassa..
Dicono che deve esserci un patto generazionale, ma già oggi le pensioni dei nonni servono per i nipoti, solo chi è miope o in mala fede non si accorge di questa situazione.
Ci dicono che i costi della previdenza sono troppo alti, ma non dicono che sotto la voce previdenza, viene sostenuta anche l’assistenza, che invece dovrebbe essere a carico della fiscalità generale come previsto dalle riforma del 1995
C’è una grande preoccupazione ed un senso di solitudine ed ingiustizia delle  persone più deboli della nostra società.
Si discute a sproposito e male del sistema pensionistico italiano. Perché non si cerca di intervenire davvero la dove sono i privilegi.
Con gli ultimi interventi  nel sistema previdenziale del precedente governo prima che si dimettesse, dal 2010 al 2050 ci saranno 400 miliardi in meno al sistema pensionistico, una cifra che viene pagata da chi ha lavorato una vita e non andrà più in pensione coi 40 anni, non basteranno più i 65 anni  per la pensione di vecchiaia, le pensioni anche dei piu giovani saranno più basse. Che fine faranno questi danari? Serviranno per la crescita?
Ma se chiedono di allungare l’età pensionabile, di ridurre le uscite dal lavoro, tutte quelle persone che oggi sono in età lavorativa e sono in mobilità o a cassa integrazione, verranno assunti di nuovo?
Altrimenti come facciamo a dire, si va in pensione piu tardi e chi è senza lavoro rimane disoccupato.
In molti, troppi pensano che lo stato sociale, quel sistema di norme e regole che tutela i più deboli, è solo un costo e deve essere eliminato, non rendendosi conto che cosi facendo si ve verso una profonda regressione ed ineguaglianza della nostra società con costi altissimi soprattutto per i più giovani perché si pregiudica il futuro..
Si intervenga eliminando i privilegi, si faccia pagare chi non ha pagato, il 47% della ricchezza lo possiede il 10% delle famiglie e queste continuano ad essere privilegiata, questo è davvero intollerabile. Il nuovo governo dia sostanza alla affermazione che ha fatto al suo insediamento di voler operare con equità, se cosi è, saremmo come sempre sensibili, ma se l’equità permane una parola vuota di contenuti ed a pagare saranno solo e soltanto le fasce sociali più deboli, è giusto opporci con la mobilitazione delle pensionate e dei pensionati e dei lavoratori tutti.


 Franco Marchetti
Spi CGIL San Giuliano T

Fonte: Franco Marchetti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: