none_o


Con questo articolo termina, dopo un percorso durato più di un anno, l'analisi che Franco Gabbani ha fatto su un duplice piano, la storia della Famiglia Salviati, e di Scipione in particolare, e sinteticamente il contesto sociale e gli avvenimenti succedutesi nel corso del 1800 nel territorio di Vecchiano, come anche in Toscana, in Italia e in Europa.Anche in questa conclusione viene trattato un tema di primaria importanza, quello dell'istruzione nel 1800. 

Un amico mi ha fatto una domanda ed io voglio riportarla .....
. . . tempo fa ti esprimevi come uno di destra ed ora .....
Il PD a queste condizioni non può esistere Mazzeo .....
Per quanto mi riguarda per "sinistra" io intendo le .....


  Conversazione tra due amiche

Intervista di Paola Magli. 


Un nuovo trasloco. La poesia, l’autunno caldo


Ana Lins dos Guimarães Peixoto Bretas, poeta che fu conosciuta come Cora Coralina


A noi donne, per non essere più vittime.

di Silvia Cerretelli
VERSO IL CONGRESSO PD
none_a
Galletti e Noferi (m5s)
none_a
Vecchiano e le sue nuove mezze commissioni consiliari
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Intervista di Giancarlo Bosetti (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Io, Medico
none_a
di Ezio Di Nisitte
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Quel suo viso
L'altra faccia della luna
La mia vita, la mia voce
Quella luce, a primavera
Come un vento caldo su di me
Sono creta, sotto le sue mani
Lei .....
Buongiorno,

queste mie parole sono per evidenziare il menefreghismo di un ente del Comune di San Giuliano Terme che ad oggi non mi ha risposto ad .....
PISA
ATO2: Da rivedere il prolungamento della concessione al gestore Acque SpA

12/12/2011 - 18:53


ATO2: Da rivedere il prolungamento della concessione al gestore Acque SpAMartedì 6 dicembre l'assemblea dei sindaci dell'ATO2 dell'acqua, convocata in seduta straordinaria, ha deciso di allungare la concessione al gestore Acque SpA, in scadenza il 2021, di altri 5 anni portandola al 2026. Questa decisione stride in modo evidente  con la vittoria dei SI ai referendum sull'acqua.

 Deve essere rivista, per recuperare la necessaria conformità con il quadro giuridico delineato dai referendum e la volontà espressa dalla maggioranza degli italiani. Partiamo dalla raccolta firme per la richiesta dei referendum “dell'Acqua” che è stata una delle più partecipate di sempre. In pochi mesi sono state raccolte il triplo delle firme richieste. Ai banchetti la gente firmava con convinzione e si lamentava di questo modello di gestione. Lo spirito referendario era ampiamente condiviso e tutti riconoscevano che l'acqua deve essere un diritto e non un bene o un servizio su cui fare lucro. Questo chiaro segnale, è stato ampiamente riconosciuto e sottoscritto, nel voto del 12 e 13 giugno da circa 26 milioni di cittadini. Un successo senza precedenti.

 Agli uffici elettorali, abbiamo incontrato persone che andavano a chiedere la tessera elettorale, dichiarando che erano stati assenteisti cronici alle urne, ma per questi referendum, sarebbero andati a votare, perché erano troppo importanti. E' indubbio che c'è stato un segnale democratico fortissimo, che vuole una gestione totalmente pubblica nell'erogazione di un servizio che sia prima di tutto garante di un diritto vitale. Sul piano degli effetti giuridici, questo referendum, ha portato alla cancellazione dell'obbligo di alienazione al privato e dell'obbligo di remunerazione del capitale investito.

E' evidente che questo richiede un cambio di modello di gestione non indifferente e non possiamo ignorare che questo coinvolge anche il piano politico nella scelta della nuova modalità. In Regione, si è iniziato un percorso per andare incontro a questo cambiamento, con il processo legislativo per la costituzione di un ATO unico regionale per l'acqua con nuove caratteristiche di “terzietà” come dimostra la nomina del direttore non più lasciata all’esclusiva responsabilità dei Sindaci, che sono anche azionisti, insieme al privato gestore. Non riteniamo corretto che in una fase di chiusura di una gestione e di traghettamento verso un nuovo modello, si possa prolungare un modello di concessione che appartiene al passato.

 Se ci sono degli investimenti effettuati o in corso, questi hanno sicuramente un controvalore patrimoniale, che verrà riconosciuto al momento del passaggio. Non si può non riconoscere, i punti fissati in modo inequivocabile dal risultato referendario. Si deve partire da quello spirito, che ha spinto 26 milioni di italiani ad andare a votare, invece di andare al mare, il 12 e 13 giugno scorsi. Si può e si deve trovare un modo condiviso per il raggiungimento di un obiettivo comune. C'è un percorso politico di rispetto degli esiti referendari, oltre che giuridico, che impegna i politici e le amministrazioni rappresentate nell'ATO.

 Pisa, 12 dicembre 2011Italia dei Valori, Luigi Buoncristiani

-documento condiviso tra Italia dei Valori, SinistraEcologia Libertà e Partito Rifondazione Comunista.

Fonte: Luigi Buoncristiani
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

13/12/2011 - 12:16

AUTORE:
Cittadino come pochi

Prima il comitato promotore del referendum , effettua la raccolta firme, riesce a convincere la maggioranza degli italiani e vince, a quel punto il PD esulta come se la vittoria gli appartenesse , va bene mi verrebbe da dire meglio tardi che mai. Adesso che è il momento di attuare quanto i cittadini hanno chiesto ecco che il PD-L viene fuori in tutte le sue contraddizioni e connivenze, ma fino a quando gli elettori continueranno ad ingoiare il rospo?

12/12/2011 - 23:48

AUTORE:
penultimo

puntualmente i partiti della coalizione di centro sinistra
(sel,psi,idv,fs)dissentano dal PD
che comunque va avanti da solo giocando tre parti in commedia