none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

Poverannoi, è andato ormai. Lo usano sulla 7 di .....
. . . che ne capisce più di te. Fattene, anzi fatevene .....
. . . giorni sta prendendo dei punti la Raggi. . . .....
. . . . . . . . . . . . . . . . l'ha capito? La DaD .....
Greenpeace
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vecchiano
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


di Marlo Puccetti
none_a
la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
PISA
La Provincia di Pisa ricorda l'anniversario dello Tsunami del 26 dicembre 2004

27/12/2011 - 23:05




La Provincia di Pisa ricorda l'anniversario dello Tsunami del 26 dicembre 2004Sette anni fa, il 26 dicembre 2004, un violento maremoto a circa 160 chilometri a est di Sumatra scatenò un'onda anomala che travolse le coste thailandesi e indonesiane, quelle indiane e dello Sri Lanka: lo Tsunami.

 

Il bilancio delle vittime è impressionante: sono oltre 230.000 quelle accertate in quattordici Paesi del Sud-Est asiatico; ed è stata la sesta calamità naturale della storia. Chi paga il prezzo maggiore è l’Indonesia: soltanto lì si contano 180 mila morti. Poi ci sono i 40mila dello Sri Lanka, i 18mila dell’India, i 5.400 (più 3.000 dispersi) della Thialandia; ma come come per tutte le grandi catastrofi, il bilancio definitivo non sarà mai completato.“Nel settimo anniversario della sciagura – ricorda il presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni –

il pensiero corre a Mary Yuranda, la ragazzina indonesiana che dopo sette anni ha ritrovato la sua famiglia e i suoi affetti. Mary è forse il simbolo di una tragedia che in pochi istanti ha travolto e cancellato migliaia di famiglie, che oggi tornano di nuovo a vivere insieme. La cooperazione e la solidarietà internazionale in questi sette anni, e fin dai primi giorni, non hanno mancato di aiutare quei Paesi, attraverso un lavoro prezioso che continua ancora oggi, lontano dai riflettori della cronaca e dei mezzi di comunicazione.

 La Provincia di Pisa, tramite l'Istituzione Centro Nord-Sud è stata protagonista di questa grande operazione voluta dalla Regione Toscana”.All'interno del progetto che la stessa Regione Toscana ha messo in campo per le popolazioni colpite dalla Tsunami, aggiunge l'assessore provinciale alla cooperazione Silvia Pagnin,

 "siamo intervenuti in Sri Lanka e abbiamo operato nel distretto di Hambantota. Nello specifico abbiamo ricostruito gli edifici del centro di formazione professionale della cittadina di Ranna. Oggi i lavori sono terminati ma prosegue la nostra attività e per il 2012 siamo impegnati nell'attuazione del progetto, promosso dal Tavolo Asia della Regione Toscana, 'Non abbandoniamo la terra: rafforziamo la coesione sociale e sviluppo comunitario in Sri Lanka ed India'

. L'iniziativa, attraverso un approccio differenziato a seconda dei contesti, si pone l'obiettivo di consolidare appunto la coesione sociale e la stabilità economica delle popolazioni che hanno dovuto, in seguito allo tsunami, riallocarsi in luoghi diversi e creare nuove condizioni di vita. Nello specifico lavoreremo per potrenziare servizi sociali, economici e organizzativi delle comunità danneggiate dal maremoto".

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: