none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . È ad emettere la sentenza "inappellabile" .....
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
PISA
PRC Pisa - Tutti i giorni deve essere la "Giornata dalla memoria"

26/1/2012 - 14:13


Tutti i giorni deve essere la "Giornata dalla memoria"
 

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari...”.

 Iniziava così una celebre frase dedicata alla tragedia della Shoa, sterminio nazista del popolo ebraico, le cui vittime proprio domani verranno ricordate nella Giornata della Memoria.

Un'iniziativa che simbolicamente vuole ricordare quei tragici eventi nell'anniversario dell'abbattimento dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz il 27 Gennaio 194 ad opera dell'Armata Rossa.Un'opera che con scientifica banalità portò degli uomini a condannare milioni di persone ad una fine orribile, che riguardò insieme agli ebrei anche molte altre categorie “sbagliate”, "eversive", "inaccettabili".

 Zingari, antifascisti, slavi, omosessuali, testimoni di Geova, disabili. Pezzi di umanità che troppo spesso anche in occasione di questa ricorrenza non vengono adeguatamente ricordate.
 
Quel giorno in cui il mondo conobbe il più terrificante volto del nazifascismo dovrebbe però, anche oggi, essere ricordato per quello che effettivamente fu: un faccia a faccia della cultura europea con se stessa. E' infatti in auge da un po' di tempo un'operazione culturale atta a ridurre quel tragico periodo a mera conta delle vittime.

 Un pericoloso revisionismo storico, portato avanti spesso dai media e dalle classi dominanti, che tenta di isolare la Shoah dall'Antifascismo e dalla Resistenza. Una mezza verità che rischia di gravare come un macigno su una ricorrenza che dovrebbe portare alle giovani generazioni il monito tanto degli effetti che delle cause di quell'oblio. Questa grave mancanza, oggi come ieri, si traduce in una serie di atti che rendono quella dell'antifascismo una questione assolutamente attuale.

Una risposta doverosa ai tanti effetti di queste mistificazioni, che si fanno sentire in un sempre verde fenomeno neofascista, con annessi i gravi casi di violenza perpetrati a scapito di organizzazioni e militanti antifascisti (di cui la Roma degli ultimi anni ci da una triste casistica) o quelli ancor più pericolosi perpetrati come effetto di ambienti culturali nefasti (la Firenze macchiata del sangue di due senegalesi).

Tutto questo senza dimenticare le sempre attive infiltrazioni nel mondo giovanile di organizzazioni come Casa Pound che oggi cercano di mascherare la loro natura con improbabili restyling, fino ad arrivare alle pericolose aberrazioni che periodicamente riguardano gli ambienti più “alti”, finanche il parlamento, con tentativi di equiparare i partigiani con i mercenari della Repubblica di Salò.
Per tutti questi motivi noi pensiamo che il Giorno della Memoria dovrebbe essere più che altro il culmine simbolico di un'attività quotidiana di lotta a questo genere di fenomeni. Un momento in cui fare il punto su quello che siamo e vogliamo essere come cittadini di quella Repubblica intessuta nella trama dell'antifascismo.
Luca Barbuti
segretario PRC Pisa
Luca Panicucci
coordinatore Giovani Comunisti Pisa

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: