none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

Angori Massimiliano
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . è il mio suggerimento .....
. . . ancor di più se avessi il tuo indirizzo mail, .....
. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
bit.ly/segre2020-"Il mare nero dell'indifferenza",
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
"Che tempo che fa"
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
VECCHIANO-Roma
Lettera del dr. Rodolfo Pardini già Sindaco di Vecchiano al Presidente del Consiglio dei Ministri

3/2/2012 - 17:54

   Al Presidente del Consiglio dei Ministri
Sen. Mario Monti
 
Senatore Monti mi rivolgo a Lei per le affermazioni gratuite fatte dal Presidente Barroso sulla questione dell’insediamento Ikea a Pisa.Io ho avuto l’onere e l‘onore di fare il Sindaco nel Comune di Vecchiano per gli ultimi 10 anni, eletto in entrambe le occasioni con oltre il 60% dei voti, ed ho gestito la questione dell’insediamento commerciale al Migliarino.
 Mi preme sottolineare che le risposte ci sono state ma non sono state gradite dai proponenti l’intervento che ha preferito continuare imperterrito a proporre la propria versione sino ad utilizzare tutti gli strumenti mediatici a propria disposizione che sono incomparabilmente più grandi e dispendiosi di quelli a disposizione di un Amministratore di un Comune di 12'000 abitanti. Il risultato sono le affermazioni del Presidente Barroso.
 
In sintesi la questione è questa:
nel febbraio 2006 Ikea Italia ed altri presentano un’osservazione al Piano Strutturale adottato in cui si chiedeva di inserire un’area agricola nei pressi dell’uscita Autostradale A11 di 500'000 mq per realizzare un centro commerciale, una galleria commerciale, un punto vendita Ikea e una serie di abitazioni per un complessivo di circa 100'000 mq coperti e una volumetria di  oltre 700'000 mc. Dopo le elezioni nel dicembre dello stesso anno 2006 il Consiglio Comunale respinge all’unanimità l’osservazione e decide di fare un percorso pubblico di approfondimento della proposta di insediamento.
 Nel gennaio del 2007 viene presentato la proposta di insediamento in una riunione pubblica e in quella sede vengono messe in evidenza, soprattutto da singoli cittadini, una serie di problematiche  come la vicinanza dell’intervento al centro abitato di Migliarino pisano, il fatto che si inserisce un nuovo attrattore di traffico veicolare sulla via Aurelia che in quel tratto è interessata da un flusso medio giornaliero di oltre 23'000 veicoli al giorno senza interventi infrastrutturali che risolvono tale problema, la completa violazione della normativa regionale sulla grande distribuzione.
 L’Amministrazione Comunale fa una serie di approfondimenti sul progetto e sulle osservazioni effettuate e alla fine all’inizio del marzo 2007 il Consiglio Comunale boccia la proposta progettuale dell’insediamento evidenziando come la pianificazione di quell’area possa avvenire solo dopo aver pianificato il superamento dell’attuale assetto infrastrutturale che interessa ANAS, Società Autostrade e Regione Toscana e con un forte ridimensionamento dell’area commerciale sostanzialmente per l’insediamento solo di Ikea.
 A questa risposta Ikea si è limitata a tagliare circa un 10% dell’area interessata ed hanno cominciato a predisporre soluzioni progettuale apertamente in contrasto con  quanto indicato dal Consiglio Comunale ma facendo delle campagne pubblicitarie sui quotidiani in cui si presentava il nuovo progetto e quindi specie sulla stampa la questione non si è mai chiusa.
 La cosa strana è che il centro commerciale nelle varie ipotesi elaborate ha sempre presentato strutture commerciali pari al doppio di Ikea senza che fossero mai presentati le aziende che si volevano insediare insieme ad Ikea.
 Inoltre alle richieste di realizzare solo il punto vendita Ikea a circa 800 mt dall’area agricola da loro individuata all’interno di un’area produttiva esistente con spazi disponibili per alloggiare la struttura Ikea la risposta è sempre stata negativa perché Ikea da sola non si poteva installare sul territorio.
Dopo le elezioni Amministrative del maggio 2011, in cui ha vinto di nuovo lo schieramento che aveva portato alla mia elezione nel 2001 e nel 2006, Ikea annuncia di abbandonare la proposta di insediarsi in questo Comune ma poi a settembre sceglie di insediarsi, da sola nella periferia di Pisa all’interno di un’area cantieristica che il Comune di Pisa si impegna a modificare affinché possa ospitare il punto vendita Ikea.

A questo punto non capisco dove siano le lunghezze burocratiche se non il fatto che una multinazionale non abbia accettato una risposta negativa ad un’operazione di speculazione edilizia aldifuori di qualsiasi logica pianificatoria.
In allegato metto il resoconto integrale con indicati i relativi atti amministrativi di tutta la vicenda.

Capisco che è molto impegnato ma visto che questa vicenda, sta diventando un esempio di inefficienza italiana è bene che abbia un quadro corretto di tutto quanto è avvenuto affinché possa spiegare al Presidente Barroso che la questione è un po’ più complessa.
 
Distinti Saluti
Dr. Rodolfo Pardini


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

4/2/2012 - 14:25

AUTORE:
ciop

i democratici riprovano a valorizzare l'ovaio
due valorizzazioni sono meglio di una

4/2/2012 - 13:53

AUTORE:
C.I.P.

...Francesco Bertolini ed omette di dire che alla domanda fatta con quel molto parziale questionario che in tanti di noi appartenenti a comitati ed organizzazioni contro ulteriore consumo di territorio non rispondemmo per non dare valore a quelle risposte (ma sbagliammo) perchè i cittadini non organizzati risposero all'83% che erano favorevoli ad altro sviluppo e non ad un'invadente ed unitile ulteriore Centro Commerciale in un piccolo paese.
La domanda era: se ci fosse un'altro progetto alternativo a quello del CTC nella zona Ovaio...appunto risposero all'83% di si; avrebbero preferito altro.

Ps. vada sul motore di ricerca del suo pc e clicchi sul nome Fracesco Bertolini e se è capace di discernimento capirà il prondo pensiero dell'Eminente prof. della Bocconi.

Ripiesse; gli studi per quella zona li fanno anche chi ha da vendere se stesso o se stessa alzando sempre di più la gonna e tutto più essere relativo pur di vendere roba obsoleta.
Guardiamo avanti per favore, i buoi sono scappati e chiudere la stalla ora a nuove entrate si rischia solo compromettere una nuova vita. I buoi ora sono in attesa al Navicello; buona fortuna.

4/2/2012 - 13:00

AUTORE:
Rita Ve

Psrdini in perfetto stile comunista omette di di raccontare molti particolari della vicenda. Gli studi dei professori pagati da noi cittadini? Esposti in sala consiliare nell'anno 2010? Bertolini dava come unica destinazione dell'Ovaio quella commerciale, né turistico-ricettiva, né direzionale. Rammentiamocelo questo studio. E i consigli comunali del maggio 2009 (sviluppo dell'Ovaio) e del giugno 2010 (comparto produttivo nell'Ovaio) inviato al Piano Strutturale d'Area prevedono uno sviluppo del terreno dell'Ovaio. O Pardini lo ha scritto anche nel libro rosso che hai mandato a tutti i cittadini a fine legislatura come resoconto di quel che hai fatto in 10 anni. Ikea Itali fa anche una osservazione al Regolamento Urbanistico a febbraio 2011. Di quella non parli? Dillo che c'è uno studio di Ikea Italia che evidenzia gli errori macroscopici della proposta dell'Amministrazione Comunale nella zona industriale

3/2/2012 - 19:09

AUTORE:
eugenia

la lunga vicenda ikea testimonia non solo l'inefficienza del dirigismo partitico dell' apparato "democratico" ma anche la sua capacità di produrre le localizzazioni peggiori dal punto di vista urbanistico ed ambientale
(sempre di aurelia si parla e di area vicino al parco