none_o


La Settimana della Lingua Italiana nel Mondo è l’evento di promozione dell’Italiano come grande lingua di cultura classica e contemporanea, che la rete culturale e diplomatica del Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale organizza ogni anno, nel mese di ottobre, intorno a un tema che viene declinato tramite la realizzazione di conferenze, mostre e spettacoli, incontri con scrittori e personalità.

P.A. (sezione di Migliarino).
none_a
A.S.B.U.C. di Migliarino
none_a
Piazza Garibaldi-Vecchiano
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . alla pacatezza di MATTIA .....
Nella mia vita è accaduto una volta che, dovendo .....
MA SE RENZI PRENDE TUTTI QUESTI SOLDI E CREDO CHE I .....
Mi tocca fare ulteriori precisazioni, nonostante la .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Giuseppe Pierozzi
none_a
Racconto breve di: Giuseppe Pierozzi
none_a
RITROVATO A PISA L'ARON PIU' ANTICO DELLA TOSCANA
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
ALLE OFFICINE GARIBALDI DI VIA GIOBERTI
none_a
SECONDA CATEGORIA.
none_a
Il CONI nazionale conferisce
none_a
Vola danza fiocca lenta
giù dal cielo lieve lieve
tutto intorno presto imbianca
il candore della neve.
Il silenzio la magia
ogni bimbo sa incantare
ed .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
PISA
PRC Pisa: Sosteniamo la "Giornata europea per le domeniche libere dal lavoro"

2/3/2012 - 8:04

PRC Pisa: Sosteniamo la "Giornata europea per le domeniche libere dal lavoro", evitiamo acquisti il 4 marzo.


È l’invito che la federazione pisana di Rifondazione Comunista fa a sostegno della “Giornata europea per le domeniche libere dal lavoro”.
In nome dei dettami europei per la libera concorrenza il Governo Monti ha introdotto una norma, per noi inaccettabile, che liberalizza gli orari e le aperture festive dei negozi.
Le attività commerciali possono stare sempre aperte, in barba alle esigenze dei dipendenti della grande distribuzione, dei piccoli commercianti e dei clienti.
Nonostante l’aumento delle persone che a stento arrivano a fine mese, il Governo ci propina la possibilità di acquisti anche nei giorni festivi, con l’intento di rilanciare le produzioni attraverso l’aumento dei consumi.
Si svuotano così i portafogli e non si mettono in campo azioni che rilancino la produttività delle nostre aziende, che si indeboliscono sempre di più affannando per la difficoltà di accesso al credito e per la competitività con articoli di importazione, prodotti senza nessuna tutela sindacale, che le costringono a ribassi eccessivi.
Le aziende chiudono, i disoccupati aumentano, il potere di acquisto diminuisce, e si può pensare che liberalizzando le aperture dei negozi si possano rilanciare i consumi?
Se abbiamo solo 10 euro e li spendiamo di domenica non li potremo spendere certo il lunedì.
Che qualità di vita garantiscono queste scelte governative alle famiglie dei lavoratori del commercio, e ai precari che sostituiranno i lavoratori licenziati? Nonostante il governo Monti si giustifichi dicendo di aver recepito la normativa europea, l'Italia era comunque già il paese con le ore più lavorate in questo settore (Berlino qui; Francia qui; Spagna qui, Inghilterra qui) e con un tasso di precairtà elevatissimo, pertanto le occasioni per spendere i soldi, quei pochi che abbiamo, erano più che sufficenti senza andare a ledere ancor di più i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori e a costringere i negozianti di vicinato a passare le poche ore libere nei propri negozi, per cercare di mitigare la sproporzionata conconrrenza della grande distribuzione.
Non potremo essere ciò che consumiamo, ma solo quello che produrremo; per questo Rifondazione Comunista sostiene le rivendicazione dei sindacati delle associazioni ed invita gli Enti Locali a sostenere queste battaglie delle lavoratrici e dei lavoratori del commercio, affinché la loro vertenza raggiunga l'obbiettivo della cancellazione delle norma “24/365” e invita tutta la cittadinanza alla solidarietà evitando di fare acquisti il 4 marzo.

Segreteria PRC Pisa

Venerdi 2 marzo 2012Partito della Rifondazione Comunista -Sinistra Europea Federazione di Pisa. Via Battichiodi 6, 56127. PISA Tel.050/9711526 Fax 050/3136119 cell 3388855704 e-mail info@rifondazionepisa.it www.rifondazionepisa.it

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: