none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
. . . si assuma la responsabilità di esporsi con nome .....
Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
PISA-Provincia
ACCORDO TRA LA PROVINCIA DI PISA (OSSERVATORIO SOCIALE)
E LE “SOCIETA’ DELLA SALUTE”

13/4/2012 - 16:25

ACCORDO TRA LA PROVINCIA DI PISA (OSSERVATORIO SOCIALE)
E LE “SOCIETA’ DELLA SALUTE” 
 
Un ruolo di primo piano nella programmazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. La Provincia di Pisa è capofila del processo di innovazione voluto dalla Regione Toscana attraverso il coinvolgimento degli Osservatori sociali provinciali nell'elaborazione e costruzione del cosiddetto "Profilo di Salute" (PIS) dei territori, propedeutico alla costruzione partecipata dei "piani integrarti di salute della zone socio sanitarie".
 
La Provincia, dopo la firma di un accordo specifico con la Sds pisana, ha sottoscritto oggi, insieme ai Comuni di Pontedera, San Miniato e Volterra, gli accordi quadro con quelle del Valdarno, Valdera, Alta Val di Cecina.
 
"Questo accordo – spiegano la vicepresidente della Provincia di Pisa Alessandra Petreri  e l’assessore al sociale Anna Romei –  ha ricadute concrete sui cittadini poiché il lavoro di raccolta e analisi dei dati è fondamentale per individuare le priorità in termini di risorse che saranno assunte dalle Società della Salute rispetto ai servizi erogati per anziani, non autosufficienti, famiglie, ecc. Dall'osservazione dei fenomeni socio-sanitari è infatti possibile disegnare non solo gli scenari attuali, ma anche quelli futuri, al fine di rendere più efficace e incisiva la programmazione delle politiche locali e regionali in materia sociale e sanitaria, in un periodo di crisi e di forte riduzione delle risorse pubbliche".
 
Nello specifico, la legge regionale toscana del 24 febbraio 2005, n.41, prevede che le Province concorrano alla programmazione in ambito zonale e curino il coordinamento con le politiche settoriali e si occupino del sistemi di osservazione dei fenomeni sociali. Quest'attività è propedeutica alla realizzazione dei PIS e consente di definire il profilo epidemiologico delle comunità locali gli obiettivi di salute e benessere tenendo conto del profilo di salute e dei bisogni sanitari e sociali delle comunità stesse.  Con l'accordo odierno, Provincia di Pisa, Società della Salute e le aziende USL 5 e USL 11 condividono - in sintonia con gli indirizzi politici regionali – “di giungere ad una visione globale che assume come finalità la promozione della salute intesa come insieme di interventi sui fattori ambientali, economici e sociali che concorrono a determinare lo stato di benessere degli individui e della collettività". I soggetti coinvolti condivideranno quindi dati e informazioni per la loro analisi all'interno di un gruppo di lavoro tecnico-operativo, composto da tecnici designati dai soggetti firmatari e coordinato dall'Osservatorio sociale della Provincia di Pisa, che renderà inoltre disponibile tutte le informazioni attraverso la sua banca dati on-line georeferenziata.
 
 
 
 
UFFICIO STAMPA                             

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/4/2012 - 15:07

AUTORE:
Napolitano Francesco

... avrebbe camcellato anche questo "consorzio", ma la Regione Toscana a fatto ricorco alla Corte Costituzionale e ha perso. Eminenti politici spesso affermano che le sentenze vanno rispettate, evidentemente questa no. Ciò che fa la SdS possono farlo tranquillamente i comuni e le usl ma, si sa, la volglia di poltrone è più forte. Fa un certo senso leggere sul sito della SdS che "... si innnesca un meccanosmo di economie di scala grazie al quale si riducono i costi del personale e si opera in ambito di dimensione ottimale per la gestione dei servizi", e poi vedere una "società" pletorica: basta leggere sul sito che c'è una struttura e uffici, e quanti soggetti e gruppi ci "lavorano".

13/4/2012 - 16:47

AUTORE:
massimo

prima di tagliare i servizi tagliare le società della salute
una per provincia basta ed avanza