none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
PONTASSERCHIO-SABATO 7 LUGLIO
Festa brasiliana: "Arraial di San Ranieri"

5/7/2012 - 16:34

"Arraial di San Ranieri" : il 7 luglio la 6° serata di Pisa incontra il Brasile

 

Di Giulia Baglini

 

L’associazione Culturale Italo Brasiliana “Encontro”,  promuove la sesta serata del Progetto Pisa Incontra il Brasile, “Arraial di San Ranieri”.

Si tratta di un invito alla scoperta dei ritmi del nord-est del Brasile, con il quale sarà celebrata una delle massime espressioni  della cultura popolare brasiliana e in particolare del folclore contadino:  le Festas Juninas.

 

La festa nel puro stile “PIB” avrà luogo sabato 7 luglio al Nuovo Circolo Rossini di Pontasserchio: qui, come si evince dal titolo che è stato dato alla serata, sarà ricreato un arraial, cioè il luogo  deputato alla celebrazione delle Festas Juninas, con baracchine che serviranno cibo e un palco per la musica da ballo. 

 

Venerdì 6 luglio ci sarà anche una coinvolgente anticipazione: il centro Nagual ha  infatti riservato a tutti gli appassionati di danza la possibilità di partecipare ad una lezione della durata di due ore basata sull’apprendimento dei due principali balli che animano le Festas Juninas, ovvero il forrò e la quadriglia.

La lezione, ad ingresso gratuito,  si terrà presso il Circolo Arci Cep (Via Boccherini 14, Pisa) dalle 21 alle 23 e sarà condotta da Tércio B.C.Terencio e da Maria Aparecida Oliveira.

 

Anche il sabato, come già è stato felicemente sperimentato nell’ultima serata “Amore bandito” fin dal tardo pomeriggio si comincerà a entrare a piccoli passi nel clima della festa: a partire dalle 18 e fino alle 20 si svolgerà infatti un doppio laboratorio dedicato ai bambini.

Il polistrumentista David Domilici accompagnerà i piccoli alla scoperta degli strumenti musicali tipici del forrò, aiutandoli a prendere confidenza con la zabumba, il triangolo, il pandeiro, ma anche con dei piccoli cocchi da usare come percussioni, mentre  l’educatrice Danila Onano, insieme a Maria nella doppia veste di maestra di danza e insegnante di scuola primaria, guideranno i bambini nella creazione degli addobbi  tipici delle Festas Juninas, coinvolgendoli anche in una divertente seduta di trucco ispirato allo stile contadino del sertão brasiliano.

Gli organizzatori si raccomandano quindi con i genitori e con i presenti perché diano il buon esempio: è consigliato un abbigliamento in puro stile “caipira”, con cappelli di paglia o in cuoio e camice a quadri  per i signori e ampie gonne e capelli raccolti in lunghe trecce per le signore.

 

Intorno alle 20.30 tutto sarà pronto per entrare nello spirito dell’arraial, con il quale sarà ricreato un piccolo angolo di Brasile in terra italica: da  quattro baracchine posizionate nel cortile del circolo saranno serviti cibi di strada da gustare in piedi o ai tavolini.

Ci saranno il cachorro quente (hot-dog), quibão e pimenta (polpettone di grano saraceno piccante), pipoca (pop corn), pasta fritta e bolo de fanta (dolce all’arancia).

Tutti cibi tipici del periodo junino, con il grano appena raccolto a fare da protagonista principale.

 

Musica e danza torneranno protagoniste in due momenti:  con una esibizione di danza afro a cura del Centro Nagual, che vedrà in scena il gruppo di allieve del corso di danza africana condotto da Nahi Landry Wilfried, accompagnato dalle percussioni di Nicola Testi e con il concerto dal vivo del progetto “Pisa na fulô”, che ha già coinvolto un vasto pubblico lo scorso 18 maggio, sempre negli spazi del Nuovo Circolo Rossini.

Anche stavolta ci sarà l’occasione di ballare il forrò , il popolare ballo di coppia simbolo delle Festas Juninas e la novità sarà rappresentata dalla quadriglia, una danza in cui si creano vere e proprie competizioni di squadre che si sfidano nell’elaborazione delle coreografie più originali e coinvolgenti .

Tutti coloro che vorranno entrare “nella roda” avranno  ancora a disposizione i maestri Tercio e Maria, che chiameranno i passi e dirigeranno le varie coppie che si avvicenderanno nei balli.

A completare la serata una serie di animazioni rivolte a grandi e piccoli, sempre ispirate allo spirito delle Festas  Juninas e il gran finale con le estrazioni  della  sottoscrizione interna e i tre premi da assegnare ai vincitori.

Una parte dell’incasso della serata sarà destinato al sostegno nei confronti delle popolazioni emiliane colpite dal terremoto, in accordo con la campagna che la Coop sta svolgendo in tutti i suoi supermercati.

L'Associazione Encontro ringrazia fin da ora tutti i sostenitori: il Nuovo Circolo Rossini che ospita la festa, il Centro Nagual che ha sempre dato valore aggiunto alle serate mettendo a disposizione competenza e passione per il ballo e la sezione soci Coop di Cisanello per il sostegno alle loro iniziative. 

 

Per informazioni e prenotazioni:

Galo Preto (Stefano) 3480446520 galopreto78@gmail.com
Niccolò 3286484280 bionicco@gmail.com
http://www.facebook.com/events/256258427809648/

 

 



 Perché Festa Junina? Una prima spiegazione potrebbe essere data dal fatto che la festa viene celebrata durante il mese di giugno. Ma l’origine europea e l’impronta cattolica della festa riconducono il nome a San Giovanni (São João). Infatti all’inizio era chiamata festa joanina. La festa, esportata dai gesuiti durante il periodo coloniale, risentì di tutte gli elementi culturali presenti in quell’epoca, sia di stampo europeo, che di stampo asiatico : infatti i francesi  portarono la danza “marcada”, caratteristica tipica delle danze nobili  e che in Brasile influenzò molto le quadriglie; dalla penisola iberica sarebbe arrivata la danza con i nastri e infine dalla Cina arrivarono i fuochi d’artificio. Tutti questi elementi culturali, con il passare del tempo, si mescolarono agli aspetti culturali indigeni e afrobrasiliani. Le festas juninas sono celebrate in tutto il Brasile ma è nel nordest del paese che hanno la loro più autentica espressione. Il mese di giugno, nel calendario cattolico, è riservato alle celebrazioni in onore di tre santi : San Giovanni, San Pietro e Sant’Antonio. La regione nordestina è afflitta dal problema della siccità e quindi onorare questi santi è anche un modo per propiziare l’arrivo della pioggia. A giugno si raccoglie il grano e dunque gran parte dei cibi cucinati durante queste feste contengono grano. Vengono accesi dei falò per essere il centro delle coreografie tipiche della quadriglia; anche le lanterne fanno parte di questo scenario, ma vengono usate sempre meno per via del rischio legato a possibili incendi. Nel nord est del Brasile i gruppi danzanti si spostano di casa in casa e gli abitanti lasciano a disposizione cibo e bevande. Nel sud est chiese, scuole, sindacati e imprese organizzano delle vere e proprie kermesses con baracchine dove viene venduto il cibo tipico. Il 13 Giugno viene distribuito il pane di Sant’Antonio, il santo dei matrimoni: le ragazze che desiderano sposarsi ne mangiano una fetta.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: