none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

Si sa che Colombo, il suo uovo, l'ha rotto!

Ma .....
Come spesso succede nessuno ci aveva pensato ( nemmeno .....
sicuramente la strizza in emilia romagna l'hanno sia .....
. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
L'Associazione "La Voce del Serchio" ed MdS Editore
none_a
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
A Palazzo Roncioni
none_a
Volterra, 9 febbraio
none_a
Poste Italiane
none_a
Pisa, 31 gennaio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
CSI Pisa
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Moschini
none_a
PISA-Provincia
PROVINCIA DI PISA MESSA IN GINOCCHIO DALLA SPENDING REVIEW

17/7/2012 - 14:20

PROVINCIA DI PISA MESSA IN GINOCCHIO DALLA SPENDING REVIEW
Andrea Pieroni: “Nel 2013 azzerata la capacità di spesa per i servizi ai cittadini”
 
 
“Con la spending review il Governo ha di fatto “abolito” tutti i servizi pubblici della nostra Provincia e questo inverno rischiamo di non poter accendere i riscaldamenti nelle scuole e presto non avremo fondi per il trasporto pubblico locale”.  
 
E’ allarme a Palazzo delle Aquile a Pisa: la drastica riduzione di risorse per i “consumi intermedi” previsto dal Decreto legge approvato dal Governo avrà un impatto devastante sulla capacità di spesa dell’Ente. La parte non vincolata delle uscite, infatti, sarà di fatto spazzata via dal taglio, stimato nel 2012 in quasi 5 milioni e mezzo di euro e nel 2013 in circa 11 milioni di euro.
 
“La riforma delle Province non può avere luogo se cancelliamo la nostra capacità di erogare servizi stabiliti per legge – attacca il presidente Andrea Pieroni – Abbiamo ridotto la spesa comprimibile quest’anno già di 5 milioni di euro. Nei prossimi mesi dell’anno si volatilizzerà una cifra analoga e il doppio il prossimo anno. Poiché per le spese vincolate, a partire dagli stipendi dei dipendenti, non abbiamo spazi di manovra, nel 2013 la capacità di spesa della Provincia di Pisa sarà sostanzialmente azzerata!”.
 
“Per manutenzioni degli edifici scolastici, manutenzioni stradali, carburanti, centri per l’impiego, manutenzioni degli immobili, utenze di energia, acqua, telefono, ecc – incalza Pieroni – già da quest’anno mancheranno circa il 75% delle risorse. E’ evidente che si tratta di tagli indiscriminati e non di un efficientamento della spesa, come ci si sarebbe aspettato. Parametrare il taglio ai consumi intermedi attesta di fatto la volontà di  non voler  tenere conto né della razionalizzazione già avviata e realizzata da parte di alcuni enti, né della incapacità di individuar  effettivamente quella ancora  da fare”.
 
Il Presidente della Provincia di Pisa avanza un’ipotesi: “Il Governo sembra di non avere intenzione di avviare un vero processo di riordino delle Province, ma di voler, attraverso la stretta finanziaria, svuotarne il significato, in linea con l’art. 23 del Decreto Salva Italia dell’anno scorso. Un strategia che colpisce i cittadini e che finalmente sta emergendo con chiarezza dopo anni di facile demagogia nei nostri confronti”.
 
  Scheda di approfondimento.
 
Il parametro di riferimento: i consumi intermedi
Con il decreto legge n.95/12 il Governo ha assegnato per l’anno 2012 alle Province 500 milioni di euro  di riduzione di risorse, al pari dei comuni che hanno consumi intermedi otto volte superiori.
 

REGIONI (esclusa sanità)

5.728.702.570

COMUNI
25.896.336.502

PROVINCE
3.748.194.917


Fonte Siope – spese correnti interventi 2,3,4
 
Per le Province i consumi intermedi ammontano a circa 3,7 miliardi di euro, ovvero la spesa corrente (8,45 miliardi)  cui sostanzialmente viene detratta la spesa per il personale (2,223 miliardi) e i trasferimenti  correnti ad altri soggetti della PA (1,51 miliardi), oltre agli interessi passivi.
 
 
Per “consumo intermedio” si considerano le seguenti voci (valori nazionali):
 
 Contratti di servizio per trasporto

1.134.092.057,89
Altri corsi di formazione
367.644.864,69
Manutenzione ordinaria e riparazioni di immobili
243.070.520,38

Queste tre voci prese ad esemplificazione (e che assommano a circa la metà dei consumi intermedi), rappresentano servizi ai cittadini, non sprechi aggredibili:
 
-       stiamo infatti parlando di trasporto pubblico locale e di formazione professionale, ovvero di due rilevanti funzioni assegnate da quasi tutte le Regioni alle Province con propria legge;
-       ma stiamo anche parlando di manutenzione degli immobili ovvero degli  oltre 5000 edifici scolastici nonché dell’intero patrimonio immobiliare delle Province.
 
 UFFICIO STAMPA                             
Piazza V. Emanuele II, 14 - 56125 Pisa
tel. 050/929428, 050-929237 - fax 050/929340

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




26/7/2012 - 15:48

AUTORE:
Ludmilla

... che sciolgono le Province e gli Enti inutili, dove metteranno i "trombati"?

21/7/2012 - 12:29

AUTORE:
massimo

la degenerazione della seconda repubblica sta procedendo a passi da gigante .quello che è certo che alla fine del nuovo regime arriveremo in condizioni peggiori rispetto al 1992.
Ogni membro della "ditta" o delle Ditte se si preferisce si ritagnano il sistema che fa al caso loro.
PS La bussola in questo capo sembra essere la collocazione futura

19/7/2012 - 2:04

AUTORE:
amaro giuliani

ragazzi a noi il lavoro e lo stipendio buono rimane a voi chissà.....

18/7/2012 - 14:34

AUTORE:
vero

Ma non vi vergognate a scrivere questi articoli, prima o poi tutto doveva finire e anche i vs stipendi doppi e tripli dovranno cessare d'esistere

17/7/2012 - 19:18

AUTORE:
Don Bairo (il cappellano degli onanisti)

...però scommetto che i vostri stipendi, i vostri gettoni, le vostre diarie, le vostre indennità non siano state azzerate, vero, caro il mio burocrate autoreferenziale?