none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
FRANCO MARCHETTI
SEGR GEN LEGA SPI-CGIL SAN GIULIANO T
La riunione dello SPI con le forze politiche: importante iniziativa politica e sociale

27/9/2012 - 23:36

Una importante iniziativa politica e sociale per il nostro futuro

 

Stiamo attraversando uno dei periodi piu bui della nostra esistenza, dalla fine della guerra. Ci sono stati altri momenti molto difficili per il nostro paese, con situazioni di crisi, non solo italiana ma internazionale. Per non andare molto indietro basta ricordare la crisi petrolifera dei primi anni 70 , l’attacco terroristico alla democrazia, fu un momento tremendo per il nostro paese. Anche gli scandali, purtroppo non sono una novità. Gia Enrico Berlinguer sollevò la questione morale come una necessità primaria rispetto al degrado e alla deriva di chi allora governava.  Ma ciò che oggi preoccupa è che a fronte di una crisi finanziaria, molto forte e prolungata, che sta distruggendo le basi stesse della nostra economia reale, si accompagna ad un degrado delle pubbliche istituzioni, divenute per troppi faccendieri terreni di conquista personali a scapito della collettività, non da tutte le parti e cosi, ci sono anche persone oneste nelle istituzioni che fanno il loro lavoro con serietà . Ciò che però manca oggi, rispetto agli anni precedenti, è la reazione dell’insieme della collettività, non ci indigniamo più, anche perché le forze politiche, soprattutto quelle a noi piu vicine, come dire, sono in mezzo al guado e non riescono fino in fondo a interpretare e tradurre in iniziativa quotidiana il malessere presente nella società. Penso che ora come non mai ogni persona onesta deve assumersi la sua responsabilità, indipendentemente dal ruolo in cui si trova e ribellarsi e agire, sapendo le difficoltà che ci sono. Pensiamo che si possa ancora fare buona politica in modo disinteressato, coinvolgere le persone e discutere dei problemi reali presenti nella società.
Come SPI-CGIL ci crediamo e in questo senso proviamo a portare il nostro contributo. Parte da qui da queste considerazioni, da questi intendimenti, l’iniziativa che abbiamo organizzato presso la casa del popolo di Metato il 26 settembre scorso . Abbiamo invitato i segretari delle forze politiche di centro sinistra, e sono venuti il segr prov di Rifondazione comunista, il coordinatore di SEL, la nuova responsabile dell’IDV e successivamente il resp Prov, era presente il PSI.  Purtroppo non sono venuti rappresentati del PD e del PDCI. Erano presenti in quel pomeriggio oltre 80 persone, per discutere delle preoccupazioni dei timori e delle prospettive del nostro comune, non sono mancate le critiche, ma tutto è avvenuto con l’intendimento di voler costruire e non distruggere. Una discussione dove i segretari dei partiti hanno esposto le loro posizioni, hanno ascoltato gli interventi di donne e uomini intervenuti, manifestando lo stato di difficoltà e preoccupazioni. Ha chiuso la discussione il segretario generale dello SPI-CGIL.

Ribadendo due questioni di fondo tra le altre. Che le forze che si richiamano al centro sinistra, trovino una sintesi unitaria almeno sulle cose che condividono, per creare una alternativa reale, e la seconda questione, ribadita con forza, è che cosi come dice la nostra carta costituzionale, se si vuol combattere l’antipolitica, se davvero vogliamo incentivare la partecipazione delle persone, la rappresentatività generale non può che avvenire tramite i partiti, certo non cosi come oggi sono. I movimenti di per se sono anche importanti e possono portare contributi significativi, ma se viene meno la rappresentatività istituzionale, tramite i partiti viene meno un pilastro della democrazia. L’impegno è stato quello di incontrarci ancora, per proseguire questo confronto.
Ecco pensiamo che con iniziative come queste si sia voluto dimostrare due cose, la prima riguarda noi della CGIL perché cosi facendo abbiamo voluto affermare la nostra autonomia come soggetto politico sociale, non partitico, in difesa dei piu deboli, il secondo messaggio che abbiamo voluto evidenziare, è che se ci sono le volontà la buona e pulita politica nell’interesse delle persone si può fare. È giusto evidenziarlo perché pensiamo che possiamo invertire questo stato di cose, se malauguratamente passasse l’idea che orami non c’è più niente da fare, toglieremmo ogni speranza di futuro sopratutto ai piu giovani. Il senso di responsabilità, la capacità politica ed il ruolo di dirigenti della società non si dimostrano quando tutto va bene, sono in situazioni come quella che oggi viviamo, che deve essere dimostrato il grado di capacità e responsabilità.

Noi nel nostro piccolo e come ci riesce, ci proviamo.
 
FRANCO MARCHETTI
SEGR GEN LEGA SPI-CGIL SAN GIULIANO T

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: