none_o


Il 16 luglio 1969 il lancio dell’Apollo 11, una delle più grandi imprese di esplorazione spaziale mai avvenute. Mezzo secolo tra storie, ricordi e promesse di ritorni

Arpat Toscana
none_a
ASBUC Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Leggo sul Fatto Quotidiano, tramite la sezione giornali .....
Da cosa l'ha 'ndovinato il nome Bruno?
Sicuramente non è la segnaletica di una volta l'ho .....
In quanto a segate Ultimo non lo batte nessuno. Chiede .....
"Io lo vedo così"
none_a
"Io lo vedo così" (il mondo)
Una nuova Rubrica per tutti
none_a
Incontrati...per caso
di Valdo Mori
none_a
Dio arriverà all'alba - Alda Merini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Migliarino
none_a
Migliarino, 3 luglio
none_a
Milano e Cortina hanno vinto
none_a
di Fausto Bomber
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
STORIA
IL conflitto arabo-israeliano

22/11/2012 - 9:44

 

Articolo di Antonio Candeliere

 

Le cause degli scontri ai quali stiamo assistendo oggi nel conflitto arabo-israeliano, vanno ricercate nella seconda metà del secolo scorso.

 

Sono molti gli elementi di imprevedibilità e di confusione che hanno spiazzato tutti i protagonisti politici di allora e che hanno lasciato intravedere in maniera duratura ed irrisolvibile il futuro della regione. La logica coloniale inglese, anche quando venne a cessare, sembrò incapace di cogliere le dinamiche complesse di quelle società arabe che si affacciavano all’indipendenza.

 

 La guerra aveva modificato in profondità una realtà che a partire dalla dichiarazione Balfour del 1917, si era sviluppata in modo molto contraddittorio fino al Libro Bianco del 1939, in cui gli inglesi avevano ribadito la volontà di dar vita ad uno stato indipendente a maggioranza araba entro 10 anni, restringendo nello stesso tempo l’immigrazione ebrea in Palestina.

 

La risposta ebraica, si tradusse in un intreccio di illegalità, violenza e diplomazia. La distruzione da parte nazista degli ebrei i cui superstiti furono ammessi negli USA ed in Gran Bretagna, favorì l’ipotesi sionista di una Palestina indipendente. Ma fu soprattutto la necessità morale dell’Occidente di risarcire in qualche modo la Shoah che accelerò i passi in quella direzione.

 

Una proposta anglo-americana nel 1946 di divisione della Palestina in una zona araba ed una ebraica fallì, come in seguito anche la Conferenza di Londra del 1947. Il problema venne affidato allora all’ONU dove un’apposita commissione discusse l’argomento. Si giunse nel novembre dello stesso anno alla Risoluzione 181 che prevedeva gli Stati Indipendenti arabo ed ebraico ed il regime internazionale speciale per Gerusalemme.

 

Gli scontri iniziarono prima del ritiro delle truppe britanniche, dando luogo a conflitti armati, assalti, azioni terroristiche. L’obiettivo della violenza ebraica era quella di accelerare la fuga araba dai territori che costituiranno lo Stato di Israele e cercare di ampliare i confini previsti; lo scopo di quella araba era impedire la nascita dello Stato ebraico nella loro terra.

 

Dunque, il 14 maggio del 1948 nasceva lo Stato di Israele e la stessa notte ebbe inizio la prima guerra arabo-israeliana.

 

Nel giro di un anno vengono cacciati dai propri territori oltre il 60% della popolazione, che benché superiori numericamente, gli eserciti arabi erano molto scoordinati e con la Conferenza di Rodi nel 1949, quello che avrebbe dovuto costituire lo Stato Arabo-Palestinese, viene spartito tra i vincitori senza che le Nazioni Unite riconoscevano questa nuova realtà.

 

 Da allora ad oggi, sembra non essere cambiato nulla in termini di scontri, a parte la cartina geografica dell’Area, (come si evince dalla cartina sopra illustrata) dove l’Antica Palestina è stata quasi interamente annessa dagli israeliani.La questione palestinese quindi, che l’Occidente aveva creduto di poter sciogliere nell’arco di decenni, ancor oggi risulta fortemente provvisoria ed instabile.

 

Se rimane abbastanza chiara la natura conflittuale, meno lo sono le prospettive future. Continuiamo ad assistere ad uno scenario dove le grandi potenze, l’Occidente, si muovono senza una strategia ed un orizzonte di riferimento. Certo è, che stiamo soprattutto assistendo ad una tragedia umanitaria in quell’area, ad una guerra se cosi si può definire, o forse ad un massacro.

 

Nessuna guerra è giusta, ma credo anche che non si possa nemmeno parlare di guerra tra due parti, quando dall’una muoiono 10 soldati e dall’altra migliaia e soprattutto bambini e civili, come denunciato anche dal CICR (Croce Rossa Internazionale) che si è vista ritardare, nei primi giorni di guerra, l'accesso ai soccorsi nella Striscia di Gaza, da parte delle autorità Israeliane, e numerosi feriti sono stati abbandonati a loro stessi, persone che hanno avuto solo la sfortuna di trovarsi in quei territori senza aver mai preso parte al conflitto.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




28/3/2019 - 23:07

AUTORE:
Buo

ISRAELE è nato nel dopoguerra, 1948, anche contro il volere degli Inglesi che controllavano quei territori.
Facendo un bel salto di tempo, dove c'è stato di tutto, si arrivò agli accordi di Oslo, presidenza americana di Clinton, tra Arafat, capo della Palestina, e Rabin, primo ministro Israeliano. In quegli accordi si diceva: un territorio, 2 stati. Nessuno ha comprato, nessuno voleva indietro . Era un accordo per mettere fine ad una guerra infinita. Poi Rabin fu ucciso da un estremista Israeliano, Hamas ha preso il sopravvento su Arafat. E di PACE non si parla più.
Al tempo di Cristo in quelle terre c'era la Palestina e la Giudea, ripassa, non sei molto preparato.

28/3/2019 - 21:38

AUTORE:
Italo

A parte il fatto che gli ebrei si sono comprati la terra dagli arabi, terra arida incolta, che non voleva nessuno, gli ebrei l' hanno fatta diventare un "paradiso" ed adesso la rivogliono... Poi se andate a prendere i libri di storia, i palestinesi ERANO gli ebrei!

STUDIATEEEE!

28/3/2019 - 9:23

AUTORE:
Lettore

Carmelo, visto che sembri preparato sull’argomento, ti consiglierei di leggere un libro che sicuramente ti è sfuggito “Perché ci odiano” di P.Barnard così scoprirai le nefandezze degli USA non solo in America Latina, dove continuano, ma anche in medio oriente.

26/3/2019 - 11:34

AUTORE:
carmelo

ancora gira questa falsa mappa... una menzogna creata ad arte dai "palestinesi"...