none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

BASE MILITARE A COLTANO
. . . . . finalmente la Provincia .....
La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Dal blog di Fulvia Ferrero (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Zelensky a sorpresa al Festival di Cannes (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme
none_a
San Giuliano Terme, 20 maggio
none_a
Giovedì 26 Maggio h. 18,00 Circolo Arci Pisanova
none_a
San Giuliano Terme, 20 maggio
none_a
Teatro del Popolo Migliarino
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
TRIONFO PER IL CONCERTO DEGLI AUGURI ALL’OLIMPIA.
(vedi foto dell'evento di Carlo Alberto Magno e di Luca Moretti)
Tutto esaurito e decine di persone fuori. La grande musica saluta l’anno nuovo.

3/1/2013 - 17:18



TRIONFO PER IL CONCERTO DEGLI AUGURI ALL’OLIMPIA.


Tutto esaurito e decine di persone fuori. La grande musica saluta l’anno nuovo.
 
VECCHIANO.

Il Concerto Degli Auguri, l’evento organizzato domenica scorsa dall’Accademia de’Concerti con sette musicisti d’eccezione al teatro Olimpia, ha registrato il tutto esaurito. La capienza del teatro è risultata insufficiente per contenere la marea di pubblico accorsa, e diverse decine di persone hanno dovuto tornare a casa senza poter assistere al concerto. C’era molta attesa a Vecchiano per questo concerto, che proponeva alcuni tra i più affermati musicisti italiani in campo internazionale con una evidente attenzione ai talenti locali: Sandro Ivo Bartoli, pianista vecchianese famoso nel mondo e direttore artistico dell’Accademia de’Concerti; Andrea Dell’Ira, avanese, Prima Tromba Solista del Maggio Musicale Fiorentino; Marco Fornaciari, già Primo Violino de I Solisti Veneti e mostro sacro del concertismo italiano; Paolo Ognissanti, docente di Violoncello al conservatorio Paganini di Genova; Debra Fast, già Primo Violino dell’Orchestra dell’Opera di Vancouver, e poi Anne Lokken alla viola e Fabrizio Petrucci al contrabbasso, entrambi dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino.

Una compagine così prometteva grandi emozioni, ed i musicisti non hanno mancato di dimostrare il loro talento con esecuzioni degne di teatri ben maggiori dell’Olimpia.

Marco Fornaciari ha – letteralmente – sbalordito l’uditorio con le diaboliche variazioni sul Carnevale di Venezia di Paganini, un brano irto di difficoltà che sgomentano ma che il violinista livornese ha eseguito con disinvoltura ed eccezionale maestria.

L’assolo del trombettista Andrea Dell’Ira alla fine della prima parte ha suscitato l’ovazione del pubblico per la magnifica interpretazione: fraseggio nobile e intonazione perfetta, segni d’una musicalità di prim’ordine come la sua fama giustamente conferma.

Sandro Ivo Bartoli ha dato inizio alla seconda parte con il Concerto MAlèdiction di Liszt, altro lavoro infestato da difficoltà tremende, che ha suonato con piglio ardito e attenzione agli aspetti più prettamente musicali del brano.

Il concerto è terminato con il Settimino Op.65 di Saint-Saens, un capolavoro di fine Ottocento dove tutti gli strumenti si sono alternati in un fraseggio raffinato ed elegante. Tutti i protagonisti si sono prodotti in una esecuzione straordinaria, piena di spunti di lirismo eccezionali e di momenti di forte intensità espressiva.

Alla fine, la lunga ovazione del pubblico ha giustificato gli sforzi degli organizzatori. Il teatro così colmo non si era mai visto prima, segno evidente che all’offerta di grande qualità il pubblico risponde con entusiasmo.

L’augurio per il 2013 è di avere più manifestazioni di questo livello, che fanno onore al nostro territorio ed ai suoi musicisti.

Fonte: foto Carlo Alberto Magno e di Luca Moretti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

9/1/2013 - 9:16

AUTORE:
uno

Questo si che è stato un bel lavoro.
Mica come quell'altra roba che voi avete così pubblicizzato der 23 dicembre scorso. Per amor del cielo bravi eh, ma questi son professionisti è tutta un'altra roba.

5/1/2013 - 15:57

AUTORE:
J.P.D.

Egregio signor/signora italianista, siamo stati cattivi? comunque l'intevento di Mirco è apparso come una CACOFONIA e come tale spuzzzzaaa...

5/1/2013 - 12:56

AUTORE:
Italianista

Dovere è un verbo servile e i verbi servili si chiamano così perché "servono" il verbo all'infinito a cui sono accompagnati. La regola generale dice che l'ausiliare da usare con i verbi servili è quello richiesto dal verbo all'infinito.
Dunque, il verbo all'infinito che il verbo "dovere" serve è TORNARE.
Tornare ha come ausiliare il verbo ESSERE.
Non si dice "hanno tornate" ma "sono tornate"
Quindi "hanno dovuto tornare" è sbagliato.
mirco ha fatto notare l'errore. Non c'era davvero bisogno di aggredirlo in quel modo!

4/1/2013 - 23:22

AUTORE:
Lettore

Allora signor mirco ce li dici o non ce li dici gli errori che hai trovato nell'articolo sullo spettacolo musicale all'Olimpia??? Io e Ultimo non li abbiamo trovati ma mi sa tanto che tu li hai detti tanto per fare il sapientone perchè gli errori li trovi solo te

4/1/2013 - 15:26

AUTORE:
J.P.D.

O Mirco ma te la musia la leggi o l'ascorti?? o terza voce der trilemmma !!!.
Io un c'ero e me ne dispiace ma a vede tutti l'arnesi un mi sembravan de pellai e se tanto mi da tanto è venuto un bel lavoro da ascoltare, te che sei bravo a scive in italiano prova a scrive le partiture come dio comanda e non sbaglià le lunghezze delle corone se no son pattoni.

4/1/2013 - 10:35

AUTORE:
Ultimo

........ perchè mirco vi boccia. Sarà cheunmen'entendomaiounhovistoerrori ........ ma mirco si!!!!!!
P.S. Buon per lui che non sbaglia mai ...... ma è pignolo e severo! ...... Ultimo

4/1/2013 - 9:51

AUTORE:
Lettore

Quali sono gli errori che hai trovato?
Indicaceli anche a noi che dobbiamo imparare.
Grazie.

4/1/2013 - 9:10

AUTORE:
mirco

attenzione all'italiano quando si scrive.grazie