none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . . . . . . . . . . Mattarella ha dato, con .....
Il vero problema attuale che dovrebbe attuare la politica .....
C'è un paesone, in Puglia, Lesina provincia di Foggia, .....
Fattori Tommaso 39. 667 Toscana a Sinistra 46. 270 2, .....
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
Pisa, 20 settembre
none_a
Marina di Pisa, 18 e 19 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
di Giacomo Sanavio

Il processo alla scienza e le responsabilità d...

23/1/2013 - 20:31


Dopo la trasmissione di Iacona sulla condanna di primo grado dei membri della Commissione Nazionale Grandi Rischi per i fatti del terremoto de L'Aquila.

Ho avuto modo di esprimermi sul significato della sentenza di primo grado all’indomani della sua lettura (ottobre 2012), non ho cambiato opinione: ritengo semplicemente assurdo mettere sotto processo la scienza, in termini generali. Nel caso specifico, per l’impossibilità ad esprimere quello che e resta un parere tecnico su di un evento naturale da tutti ritenuto imprevedibile.
Sulla vicenda giudiziaria e sul ruolo della pubblica opinione: mi spaventa l’inclinazione irrazionale che gli esseri umani riescono a seguire quando gli vengono indicati un “colpevole predestinato” ed alimentata la sua sete di “giustizia sommaria”. Mi spaventa ancora di più, quando questi sentimenti vengono agitati ad arte per far cadere nell’oblio altre e più certe responsabilità…  E qui irrompe la parte politica: non dimentichiamo infatti l’intera vicenda del terremoto de L’Aquila: le risate telefoniche notturne dei membri della “cricca”, che si fregavano le mani pensando agli affari d’oro della ricostruzione; alla voluta spettacolarizzazione del terremoto come palcoscenico internazionale su cui rilanciare in grande stile il “berlusconismo di governo”, sentendo lo scricchiolio della grande crisi che non si poteva più tenere nascosta.
Si, credo che gli scienziati siano una sorta di “vittime del sistema”. Un sistema malato e corrotto alla vigilia del suo decadimento che cerca di gettare il fango su incolpevoli servitori dello Stato. Dispiace che opinione pubblica e pubblici funzionari si possano esser lasciati “convincere” dalla messa in scena…
Credo che ci possa essere il tempo e la “ragione” per rimediare a questo grosso danno nei livelli successivi di giudizio. Me lo auguro e lo spero. A noi compete tenere alta un’attenzione critica ed un dibattito pubblico:facciamolo!
Credo anche che l’occasione non possa che farci ragionare su quanto sia urgente e non rinviabile una riflessione pubblica più ampia su questo nostro Paese, sul suo futuro, sulle reali priorità. Proprio la campagna elettorale in corso dovrebbe servire a questo, ma, come da troppo tempo, non accede neanche in questa occasione. Eppure il tema sta tutto lì, nell’idea di territorio che abbiamo, nel suo uso e nella sua cura. Il piano nazionale per la messa in sicurezza degli edifici a rischio sismico ne è una parte fondamentale. La messa in sicurezza dal rischio sismico e da quello idrogeologico E’ L’UNICA GRANDE OPERA di cui abbiano bisogno questo paese e la sua economia! E’ un serio governo del territorio (con al centro la sua pianificazione) ciò che serve all’Italia. Anche per provare a guarire da un sistema politico-economico “ammalato” che si nutre unicamente della speculazione che sgorga dalla mammella di un’economia basata su un’edilizia di rapina, connivente e distruttrice di vite umane e di paesaggio.

Giacomo Sanavio


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/1/2013 - 23:00

AUTORE:
C.R.

Meno male è arrivato un "Punto di vista" meno povero.