none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

Angori Massimiliano
none_a
Comune di Vecchiano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . è il mio suggerimento .....
. . . ancor di più se avessi il tuo indirizzo mail, .....
. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
bit.ly/segre2020-"Il mare nero dell'indifferenza",
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
"Che tempo che fa"
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
OSWIECIM (Polonia)
Quattro ore sotto la neve, nel campo senza fine di Birkenau

28/1/2013 - 23:37

Quattro ore sotto la neve, nel campo senza fine di Birkenau

 

Scritto da Walter Fortini lunedì 28 gennaio 2013 alle 19:14OSWIECIM (Polonia) –

 

Nelle quattro ore sotto la fitta neve che cade sul campo di Birkenau, il paese del bosco delle betulle dove sette villaggi furono rasi al suolo per far posto al più grande campo di sterminio nazista, è la vastità che per prima ti colpisce.

Cammini dentro, non vedi la fine da una parte all’altra e questo sconvolge i ragazzi ma anche i meno giovani. Birkenau, progettato per ospitare fino a 200 mila persone alla volta, si estende infatti come 350 campi da calcio. Con Auschwitz, Monowitz e tutti i sotto campi si arriva addirittura a quaranta chilometri quadrati.Fa freddo nel primo giorno in Polonia dei 557 ragazzi toscani del treno della memoria. Ma durante la guerra faceva ancora più freddo, raccontano le guide: anche 35 o 40 gradi sotto zero, con indosso una divisa leggera ed un paio di zoccoli. I ragazzi ascoltano, prendono appunti, scattano foto. Ma metro dopo metro il cuore si stringe, gli sguardi si alzano al cielo e i visi si corrugano. Cercano risposte e non le trovano.

Difficile del resto trovarle. Qualcuno si fa coraggio e chiede alle sorelle Bucci cosa hanno provato.I numeri di Birkeanu sono da brivido. Settanta anni fa c’erano 300 baracche: 244 in legno, stalle da campo trasformate in alloggi. Ognuna con una stufa, prevista dal regolamento, ma che il regolamento non obbligava ad accendere. E la notte dai vetri rotti e gli spifferi frequenti cadeva acqua e neve. C’era anche uno spicchio più ‘umano’, ‘specchio per le allodole” nel caso di ispezioni della Croce Rossa che mai ci furono.

E i suoi ospiti furono tutti uccisi, come i 23 mila Rom e sinti del campo famiglia, abitato da 11 mila bambini.Attraversare i lunghi sentieri di Birkenau per quattro ore o avvicinarsi ai vagoni bestiame piombati ancora sui binari – a destra la morte sicura e a sinistra (forse) la speranza di sopravvivere – dà solo una timida e parziale rappresentazione delle crudeltà e della vita in un campo di sterminio.

La mostra fotografica al termine della ‘sauna’, con decine e decine di foto di famiglia trovate in una valigia rimasta sepolta chissà come nel fango, offre un volto e un nome a parte del milione e mezzo di persone che dall’intero complesso di Auschwitz sono uscite col fumo dai camini. E’ poco. Ma è abbastanza perché ti venga un groppo alla gola. O per provare rabbia e vergogna.

O per comprendere come molti, presi dalla disperazione, non ce l’abbiamo fatta e si sono suicidati prima: contravvenendo al regolamento, andando incontro al filo spinato elettrico che con 16 mila pali in cemento circondava dentro e fuori il campo, uccisi prima il più delle volte dalle sventagliate delle guardie sulle torrette.



Fonte: Toscana Notizie
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri