none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Angori Sindaco-Questa mattina un evento tragico a Marina di Vecchiano
none_a
Notizie dal Comune
none_a
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
A parte che in questo momento le cuffie sono uno strumento .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli
Il miele di edera va ad aggiungersi alle produzioni tipiche del Parco

2/3/2013 - 17:59


Il miele di edera va ad aggiungersi alle produzioni tipiche del ParcoFrutto di una sperimentazione ai confini dell’area protetta, il nuovo tipo di miele va ad affiancarsi a quello di spiaggia e al millefiori.Si è conclusa da alcune settimane, nel Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli, la prima produzione di un prodotto agroalimentare del tutto particolare: il miele di edera. Tale pianta, noto rampicante spesso coltivato anche per finalità ornamentali nelle nostre case, e presente in alcune zone del Parco, in particolare nell’area di Campaldo, ai margini della Tenuta di San Rossore, fiorisce nei mesi autunnali, con piccoli fiori bianchi che rilasciano nell'ambiente un profumo intenso.

La fioritura dell’edera, una delle ultime della stagione, è di vitale importanza per l'alveare poiché permette alle api di raccogliere un nettare ed un polline fondamentali per la costituzione delle scorte invernali, senza mettere a repentaglio la loro sopravvivenza.

Quando il raccolto è abbondante, le api, dopo aver immagazzinato il miele nelle loro “cantine”, riescono a produrre un miele molto aromatico, con persistenti note arboree, dal colore chiaro tendente al bianco, con una consistenza molto compatta, con un sapore ed un profumo ineguagliabili.La principale difficoltà nella sua produzione è da ricondurre all'elevata ricchezza di glucosio, che può raggiungere anche il 70% e fa sì che in condizioni particolari come le basse temperature – molto frequenti nel periodo in cui tale miele viene prodotto – esso possa cristallizzare dentro il melario, rendendone di fatto impossibile l’estrazione e vanificando molto lavoro.

Da quest’anno il miele di edera va ad aggiungersi alla lista di prodotti di altissima qualità – che include già da vari anni il miele di spiaggia e quello millefiori – che aziende come Mieleria Toscana producono all'interno dell’area protetta: un fronte, assolutamente aperto, che vede il Parco come volano di un modello di sviluppo sostenibile a partire dalla valorizzazione dei prodotti zoo-tecnici, dell’agricoltura biologica e degli altri prodotti tipici come grano, pinoli e, appunto, miele.Sono oltre duecento le imprese agricole all’interno del Parco, che grazie ad esso vivono: «Il fatto che in passato non si sia riusciti a trovare un modo affinché tali aziende potessero fregiarsi di un titolo che darebbe un valore aggiunto a se stesse e ai propri prodotti, e al contempo far conoscere la denominazione del Parco anche al di fuori del territorio regionale e dei confini nazionali – commenta il Presidente Fabrizio Manfredi – è certamente una criticità che deve essere superata, ma le istanze che provengono dal settore agro-zootecnico sono costantemente all’ordine del giorno dell’agenda dell’Ente Parco».La produzione del miele di edera, molto laboriosa rispetto alle altre varietà, è ad opera di “Mieleria Toscana” (www.mieleriatoscana.it), un'azienda giovane condotta da due giovani apicoltori, Luca e Sara, che produce anche diverse varietà monofloreali di miele: dalla pianura alla collina fino alla montagna, dalla macchia mediterranea prodotta dei boschi che contraddistinguono il panorama toscano, al miele di acacia e castagno dell’Appennino toscano, al miele di sulla, girasole, millefiori prodotti lungo la costa.

 

-Il comunicato stampa integrale è disponibile anche in allegato e ai link:

http://www.parcosanrossore.org/ente-parco/ufficio-stampa/comunicati-stampa/il-miele-di-edera-va-ad-aggiungersi-alle-produzioni-tipiche-del-parco
http://www.parks.it/parco.migliarino.san.rossore/dettaglio.php?id=20790

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: