none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
none_o
di Alessio Niccolai
...se vogliamo mettere a nudo le contraddizioni del sistema INVALSI non..

8/5/2013 - 10:28

 ...se vogliamo mettere a nudo le contraddizioni del sistema INVALSI non serve essere contrari alla valutazione complessiva del rendimento di una scuola.

Come Rappresentante dei Genitori in un Consiglio d'Istituto - è bene premetterlo - sono perfettamente in sintonia con i COBAS e allineato al Tavolo Regionale per la Difesa della Scuola Statale: dopo 9 anni di attività volontaria in questo settore squalificato e devastato a suon di tagli, politiche compressive della partecipazione e maldestri e malcelati tentativi di privatizzazione e/o di svilimento a vantaggio delle scuole private, credo di potermi permettere questo genere di riflessione!

Ma ammettiamo per purissima ipotesi che sia anche legittimo giudicare l'operato delle componenti di ogni singola scuola: entriamo nel merito di questi benedetti INVALSI e cerchiamo di capire che cosa valutino, prima di glorificarne e santificarne l'esistenza.

Si tratta di una goffa sequela di quiz sul modello anglosassone da far impallidire per stupidità e nozionismo il test Minnesota cui un tempo ci si sottoponeva in occasione della visita militare: ciò che al massimo può essere misurato con questo mare di carta sprecato, è la prontezza di riflessi di chi vi si sottopone e, al massimo, la capacità mnemonica.

Per quanto concerne la capacità di elaborazione, il raziocinio, la creatività, l'opinione e, dunque, in ultima istanza, la personalità e la libertà di espressione, buio totale.

L'onanismo casca con gli INVALSI a pennello: si tratta cioè di interrompere il "coito dell'intelletto", la fecondità creativa di una generazione per ridurla ad una larva omogeneizzata e senza idee, condannandola cioè ad una sostanziale non-esistenza intellettiva, ad una spersonalizzazione di chiara ispirazione aziendalistica; sembrerebbe una chiarissima inclinazione politica.

C'è poi da capire a chi dovrebbe essere affidato il delicato compito di «valutare», perché qui si gioca una partita molto interessante: prendiamo ad esempio un fervente sostenitore della teoria-INVALSI, l'ex-Ministro Mariastella Gelmini; un suo Decreto che avrebbe dovuto regolamentare appunto il sistema di votazioni scolastiche, è stato rigettato dal Consiglio di Stato per un'immane ed indecente quantità di errori grammaticali (confusioni nell'uso di congiuntivi e indicativi).

A voler essere cattivi si potrebbe leggere in quel provvedimento un ulteriore tendenza all'anglosassonizzazione della scuola, visto che l'Inglese - dimentico dell'Old English - non ammette l'esistenza dei congiuntivi, ma sarebbe pretendere dalla Gelmini un'intelligenza strategica fin troppo al di sopra delle sue millantate e miserabili capacità e competenze.

Tutto questo per dire che cosa? Sarebbero le «elezioni politiche» a dover determinare chi giudica e con quali strumenti?!? Mi sembra un po' eccessivo.

In fondo poi mi pare che la scuola abbia dato di sé stessa una valutazione abbastanza emblematica: passi l'aver comminato a Vasco Rossi una laurea honoris causa in comunicazione (con molto bicarbonato, ma si può digerire), ma al suo omonimo Valentino? In che cosa avremmo dovuto comminargliene una? In Sciammia, Gremigna e Gingillometria, o direttamente in Evasione Fiscale?!?

Sembrerebbe un'ammissione di colpa... ma per essersi orientata verso un modello scolastico che niente ha a che fare con le nostre plurimillenarie cultura e storia, non certo perché qualcuno ancora persegue un'idea di formazione memore di Leonardo da Vinci, anziché di Abramo Lincoln!

Quindi di cosa stiamo parlando? Per dare respiro alla martoriata economia, c'è bisogno di puntare alle uniche industrie che l'Italia abbia veramente nelle sue corde: il Turismo e l'Agricoltura, e affinché ciò accada, c'è bisogno di una scuola in grado di sviluppare attaccamento al territorio, competenze storiche e umanistiche molto profonde... per farla breve, c'è bisogno di temi e non di telequiz.

Ma se vogliamo continuare a sfornare abulici ingegneri e/o altri generi di licantropi dell'intelletto, facciamo pure: abbiamo trasformato la Terra di Galileo, di Leonardo, del Leopardi & C. che potrebbe vivere soltanto di reperti e paesaggio, in una fucina di villette a schiera.

Riflettiamo sugli INVALSI... possiamo arrivare a comprendere molto della nostra martoriata società!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

12/5/2013 - 17:00

AUTORE:
Alessio Niccolai

Sentiamo quale dovrebbe essere 'sto benedetto criterio di valutazione e da chi dovrebbe essere formato l'organismo giudicante.
Vorrei ricordare che in questo paese una certa persona da vent'anni sbraita per non essere giudicata e per ergersi al di sopra degli altri cittadini.
Ma non è l'unico: chi giudica l'operato delle banche? Chi giudica l'operato di Guarguaglini o dei patron di ILVA? Chi giudica l'operato dei super-manager? Pare che troppo spesso si usino due pesi e due misure...

12/5/2013 - 15:12

AUTORE:
Don Bairo (il cappellano degli onanisti)

Negli occhi dei COBAS, spalancati, si legge il TERRORE che possa essere introdotto un pur minimo criterio di valutazione dei loro iscritti.

Che dire? l'ItaGlia funziona così.

11/5/2013 - 23:34

AUTORE:
Alessio Niccolai

Si parla di errori, ma mi sono tardivamente accorto di averne commesso uno anch'io: ho scritto «un ulteriore tendenza», ma avrei dovuto scrivere «un'ulteriore tendenza».

Pardon!