none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
. . . è il corvo. Invece i citrulli che minimizzano .....
. . . l'uccellaccio del malagurio? corvo o condor?
. .....
Molti sindaci, a mio avviso previdenti, hanno impedito .....
. . . del mestiere sono stati tratti in inganno da .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
Vicopisano
none_a
Tirrenia, Bagno degli Americani
none_a
Marina di Pisa, 14 agosto
none_a
Tirrenia, 14-15 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
GIOVEDI 13 AGOSTO LA SESTA TAPPA
none_a
Pontasserchio, 7-8-9 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Di Marlo Puccetti
none_a
#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
SAN GIULIANO
SAN GIULIANO CONCEDE LA CITTADINANZA ONORARIA AI MINORI STRANIERI

30/5/2013 - 9:03

Domenica 2 giugno, in occasione della festa della Repubblica Italiana, per il secondo anno consecutivo e con cerimonia pubblica, l’Amministrazione Comunale conferirà la cittadinanza onoraria a circa 100 fra  bambini e bambine da zero a cinque anni nati da genitori di diversa nazionalità residenti nel territorio comunale.
 
“L’azione è del tutto simbolica – precisa il Sindaco Paolo Panattoni – e non ha alcun valore giuridico ma  è importante per il messaggio che intende trasmettere: i bambini  e le bambine di diversa nazionalità che crescono, giocano e studiano insieme ai figli dei sangiulianesi sono anch’essi cittadini sangiulianesi.” “Inoltre – continua Panattoni – con questo gesto il Comune di S. Giuliano, come tanti altri Comuni italiani, vuole sottolineare l’urgenza della riforma della cittadinanza che renda italiani anche per legge i figli degli immigrati.”
 
“Alla base di questa iniziativa – interviene anche l’Assessora alle Politiche Sociali e Vicesindaca  Fortunata Dini – c’è un nuovo approccio all’integrazione che deve essere intesa come arricchimento, un vantaggio della differenza che veda  i migranti come risorsa per l’economia locale e per lo sviluppo sociale e culturale della comunità e non solo come gruppi vulnerabili che necessitano  di assistenza e servizi o, peggio, come una minaccia alla coesione sociale”:
 
“E’ per questa convinzione – conclude Fortunata Dini – che il nostro Comune è entrato a far parte  del Network delle città del dialogo interculturale  il cui programma è promosso dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea; si tratta di una rete di 23 città italiane  con base a Reggio Emilia che collaborano  e si scambiano buone prassi sui temi  e sulle politiche dell’immigrazione perché per rinforzare la democrazia non esiste una sola strategia ed è fondamentale che l’integrazione  avvenga con il coinvolgimento e la partecipazione delle Associazioni e di tutta la cittadinanza”.
 
 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/6/2013 - 23:28

AUTORE:
Leonardo

E' bravissima questa Amministrazione a promuovere una solidarietà di facciata.

Recenti fatti di cronaca che hanno afflitto in maniera pesante alcuni concittadini non hanno trovato alcun aiuto e nemmeno alcuna solidarietà umana da parte di questi politici che tanto si occupano e tanto spendono in "Donne & Salute".

30/5/2013 - 19:04

AUTORE:
H.Bosch

....se diventano cittadini Italiani sarà più difficile,da parte di altri Italiani, sfruttarli....
P.S. I Rom, così come i Sinti, sono già per larga parte cittadini Italiani anche se tendiamo a scordarlo....

30/5/2013 - 16:17

AUTORE:
cittadino

E chi puo'non condividere che due bambini sitano insieme anche con colore diverso della pelle o appartenenti ad etnie o stati non italiani ? Nessuno !
Ma da li ad auspicare una cittadinanza ai figli di immigrati per legge, ce ne passa eccome se ce ne passa !!!
La cosa che mi infastidisce di piu' e' pero' l'ipocrisia di certi politici, che pensano che cio' rappresenti una loro consacrazione progressista, e con questo gesto si rifanno una verginita' ormai seriamente compromessa.
Vorrei a loro ricordare che prima di battersi per la cittadinanza ,affrontassero il problema di come questi immigrati vivono nel nostro paese , come sono sfruttati senza diritti e salari adeguati, vorri che facessero un giro al mercato dove bambini rom sono costretti all'accattonaggio , o a qualche semaforo dove bambine rimangono incinte da 15 16 anni e ogni 9 mesi sono perennemente incinte.
ma queste persone non sono visibili dai politici, le vedono solo i cittadini.
allora risolviamo nel piccolo del nostro comune questi problemi, poi affrontiamo la cittadinanza