none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
SAN GIULIANO
San Giuliano: ritorno alla normalità

15/7/2013 - 10:55

Approvato lo scorso 11 luglio in consiglio comunale il bilancio di previsione del comune termale.  Dopo la conferma del trend positivo dei conti ottenuto nel 2012 che ha visto  il pieno rispetto del patto di stabilità, il completo ripiano del disavanzo e la forte diminuzione di molte categorie di spese con 18 voti favorevoli e 7 contrari l’assemblea comunale ha licenziato i prospetti contabili in cui si attesta che le priorità per il 2013 sono  i servizi all’istruzione e per il sociale, in modo particolare per le fasce meno abbienti della popolazione, con il rifinanziamento del fondo di solidarietà comunale.
“ Si tratta di un bilancio su cui bisognerà mettere di nuovo mano a settembre quando saranno sciolti i nodi da parte del Governo Centrale in relazione all’Imu, ai trasferimenti statali ed alla Tares” Commenta  il sindaco Paolo Panattoni. “ E’ un bilancio rigoroso ed austero, in cui abbiamo cercato di garantire il maggior numero possibile di servizi compatibili con le risorse che abbiamo a disposizione. Le piorità negli investimenti, che le norme vigenti ancora limitano in modo consistente, saranno i lavori da effettuare nei cimiteri, nella manutenzione delle scuole e nella viabilità pubblica”
I numeri del bilancio 2013 garantiscono il rispetto del patto di stabilità e grazie ai recenti provvedimenti sui pagamenti nelle pubbliche amministrazioni si potranno effettuare importanti pagamenti di fornitori di parte corrente e relativi agli investimenti già effettuati. Di rilievo resta  il livello dei servizi pubblici,  erogati direttamente dal comune o tramite  la società partecipata Geste per la quale si prevede un altro bilancio in attivo dopo quello del 2012.
“ Continuerà per il 2013 un’accorta politica di risparmio e di gestione delle spese.” Continua Panattoni “ Concentreremo la nostra attenzione su progetti di contenimento delle spese per consumi e utenze nell’indirizzo di operare in un modo sempre più ecologico ed allo stesso tempo perseguendo il contenimento dei costi. E’ prevista un’ulteriore riduzione del parco auto ed inizieremo una importante e significativa riduzione della struttura organizzativa che passerà  dagli attuali cinque settori a due macroaree (una relativa alla gestione del territorio e delle opere pubbliche, una relativa a finanze, amministrazione e servizi)  diminuendo a regime il numero dei dirigenti e delle responsabilità intermedie.”
Superati i momenti di difficoltà degli anni passati l’approvazione del bilancio 2013 certifica il ritorno alla normalità per il comune termale. “ I servizi erogati negli ultimi anni dal nostro comune erano sovradimensionati rispetto alle nostre possibilità e superiori come quantità rispetto  a quelli di altri comuni limitrofi in quanto erano finanziati  da importanti risorse  statali. Venuti meno questi finanziamenti a causa della riforma della finanza pubblica ci  stiamo riposizionando progressivamente in base esclusivamente alle nostre capacità di spesa locali. Per portare a termine questa operazione servirà ancora un po’ di tempo nel quale applicheremo azioni concrete per la riduzione delle imposte locali già a partire da quest’anno.”

 

 
Fonte: comune San Giuliano Terme
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/7/2013 - 13:49

AUTORE:
Maurizio

Tra i pregi e difetti delle persone ne possiamo parlare per secoli,di segni particolari idem, ma difendere Berlusconi e i suoi 40 seguaci BO! Consigliere Maini mi sembra alquanto offensivo per un uomo come Lei acuto.
Lei è tanto acuto, che deve aver scambiato il nostro Sindaco per Silvio Berlusconi, i suoi Assessori per Alfano, Bondi, Bonaiuti ecc

I Consiglieri per Sallustri e la Santacche', Fede, la Ruby, Minetti ecc.
Consigliere Maini è vero è caldo vi è umdita' o forse come Silvio Lei viene frainteso?


Mi faccia sapere, perche la sua opposizione in questa calda estate mi sembra alquanto annebiata.


Cortesi saluti Maurizio

15/7/2013 - 17:35

AUTORE:
Antonio

Forse non c'è nessun attacco al nuovo premier per il semplice motivo che la situazione sta leggermente migliorando da quando non c'è più berlusconi. Che con berlusconi eravamo nel baratro tutti è un dato di fatto, che monti ci ha ridotto all'osso per i danni di berlusconi è un altro dato di fatto, che adesso con letta si cerchi di tornare a respirare è ovviamente una speranza.

15/7/2013 - 16:30

AUTORE:
Alessio Niccolai

Guarda ganzo: vendere le scuole rende bene! A questo Maini mi riferivo nel nostro precedente dibattito quando parlavo di «Cappio di Stabilità». Per il resto, non ci crederai forse, ma chi è davvero di Sinistra non potrà che essere d'accordo con il tuo intervento, contrastando con tutto il fiato in gola la leggerezza con cui Martinelli parla di percorsi partecipativi - nella radiazione patrimoniale della Materna di Orzignano - «partecipati».

15/7/2013 - 15:00

AUTORE:
Riccardo Maini

Il Principe di San Giuliano Terme SIR Paolo Panattoni e i suoi fidi cavalieri (Assessori) hanno ricevuto il pieno consenso sul bilancio di previsione 2013 dai 17 baronetti presenti in consiglio; il contado ha naturalmente votato contro. Questa volta sono mancati al primo Cittadino gli odiati avversari (Berlusconi e Monti) che gli hanno permesso di scaricare, in passato, su questi due personaggi tutte le responsabilità, tentando così di giustificare la propria incapacità gestionale ai propri concittadini.
Nessun accenno diretto al primo ministro Letta, un timido e rispettoso riferimento alla possibilità di rimettere mano al bilancio quando il Governo Centrale avrà risolto alcuni nodi, ma nessun attacco al nuovo leader.
Ci vuole coraggio per affermare di essere ritornati alla normalità a San Giuliano, sembra che SIR Panattoni viva in un'altra realtà, che non si sia ancora reso conto dei danni irreversibili che Lui e la sua Giunta hanno fatto.
Il bilancio 2013 è una massa informe di dati, senza alcun vero progetto che possa rilanciare il paese, non vi è un solo settore dove i sangiulianesi possano trovare speranza di miglioramento.
Le frazioni, tutte, sono abbandonate e il degrado, l'incuria e la sporcizia regnano sovrane, ma va bene così e nessuno osi lamentarsi.
Lunga vita al Principe.
Con deferente rispetto cons. Riccardo Maini