none_o

 

 


Questa volta Finalmente domenica! la scrive Bruno Ferraro, il nostro inviato speciale a Auckland, nel caso ci fosse qualche appassionato/a velista tra i lettori e le lettrici di questa rubrichetta o, se non ci fosse, per gli amanti di spiagge e di isole vulcaniche.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Qualcuno sostiene che la Boschi è in realtà un anziano .....
. . . e giornalisti.
Non sempre sono Da-Cordo con .....
. . . . . . . . . . . . 1 perchè Renzi è un bagliniano. .....
Tanti saluti da parte di Franca al caro Sergio Mattarella. .....
La Mossa del cavallo
none_a
MdS Editore
none_a
Siamo nuovamente aperti, per voi!
none_a
Sabrina Banti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordie d'Italia
none_a
Triste evento a Pontasserchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli
“Alla scoperta del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli”

11/9/2013 - 13:21

“Alla scoperta del Parco di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli”: un opuscolo presenta l’offerta di turismo ambientale nell’area protetta
 
Valorizzare tutte le tenute del Parco, con i relativi centri visita e i servizi, le oasi e le riserve naturali, i sentieri più significativi e i progetti di educazione ambientale: è questo l’obiettivo del nuovo materiale informativo che racchiude tutte le informazioni essenziali per visitare l’area protetta regionale.
 
Dalla veste grafica e dai contenuti completamente rinnovati rispetto al passato, la brochure che sarà distribuita su tutto il territorio del Parco e nelle zone adiacenti – disponibile anche in formato digitale all’indirizzo: http://www.parcosanrossore.org/eventi/opuscolo-alla-scoperta-del-parco  – intende fornire a cittadini e potenziali visitatori le informazioni necessarie per conoscere tutte le opportunità per scoprire la vasta offerta, anche in termini di turismo naturalistico, passando in rassegna le varie parti del territorio del Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli e le relative proposte di visite guidate e di educazione ambientale.


Nella terza di copertina, è anche presente un tagliando – un vero e proprio voucher promozionale – da ritagliare e consegnare presso uno dei centri visita del Parco o le altre strutture convenzionate per avere diritto a sconti o gratuità e che potrà essere utilizzato secondo le modalità indicate.
 
È un territorio ricchissimo e complesso quello racchiuso nel perimetro del Parco naturale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli: organizzato storicamente in “tenute”, ovvero porzioni di territorio con peculiarità naturali, storiche ed architettoniche diverse le une dalle altre, ma collegate in modo vitale al resto dell’area protetta e quindi parte di un “sistema” organico e di una visione unitaria di più ampio spettro, il Parco si estende infatti per oltre 23.000 ettari sul territorio di due province e cinque comuni, e comprende anche alcune riserve naturali e oasi la cui gestione è affidata ad alcune associazioni ambientaliste.
Nel fascicoletto si comincia dalla Tenuta di Tombolo con le Oasi del WWF della Cornacchiaia e delle Dune di Tirrenia sul litorale pisano e il Sentiero dei tre pini con partenza da San Piero a Grado, all’Oasi Lipu di Massaciuccoli nella Riserva del Chiarone e all’interno del Padule meridionale, fino ad arrivare alla Tenuta Borbone e Macchia lucchese col centro visite sul viale dei Tigli nella storica Villa Borbone, che propone escursioni guidate a piedi e in bicicletta.
Spazio anche a quelle che saranno le altre “porte del Parco” nel territorio sia pisano che lucchese, con il centro visite che sarà allestito nella Villa Medicea, all’interno della Tenuta di Coltano, e quello che sarà ospitato a “La Brilla”, tra Massaciuccoli e Massarosa, nell’edificio un tempo utilizzato per la pilatura e il ricovero del riso e recentemente ristrutturato dall’Ente Parco.
La parte finale dello stampato è dedicato alla Tenuta di San Rossore, con i numerosi e variegati servizi, gestiti da soggetti privati, che permettono di visitare e fruire il Parco. Si parte col Centro visite di Cascine Vecchie, che garantisce tutto l’anno visite guidate a piedi, in bicicletta, in pullman e con trenino ecologico, e collegamenti tra le Stazioni di Pisa San Rossore e Pisa Centrale, oltre al servizio di noleggio di biciclette, ciclocarrozzelle e macchine elettriche; a offrire visite guidate a cavallo e percorsi didattici tra i pascoli di San Rossore è il Centro di equitazione naturale “Equitiamo”, in località La Sterpaia, da dove partono anche le visite di “San Rossore in Carrozza” con i cavalli da Tiro Pesante Rapido allevati nella tenuta. Presenti anche tutte le informazioni per accedere ai servizi di “Dormire nel Parco” e pernottare così nel cuore dell’area protetta regionale: possibilità che si estende anche ai soggetti diversamente abili, per i quali sono previsti percorsi dedicati sia all’interno della Tenuta di San Rossore, sia in altri punti del parco regionale.
Grazie alla sua ubicazione geografica fortunata sia dal punto di vista climatico sia da quello della raggiungibilità, il Parco regionale di Migliarino, San Rossore e Massaciuccoli può essere vissuto e fruito durante tutte le stagioni: anche per il periodo autunnale e invernale le attività all’aperto – come ad esempio il Walking Festival – e le proposte dei singoli centri visita o delle associazioni proseguono, grazie a eventi e iniziative del tutto particolari, lungo percorsi più noti o alla scoperta di sentieri che, invece, rimangono ancora autentiche “perle” da esplorare.
E nel resto della stagione non possono mancare le gite in battello sull’Arno o sul Massaciuccoli, le escursioni in canoa, il birdwatching, il trekking, i laboratori per avvicinarsi al mondo dell’equitazione.
 
«Il contributo che un parco può dare in generale alla collettività – ricordano nella presentazione dell’opuscolo il Presidente del Parco, Fabrizio Manfredi, e il Direttore Andrea Gennai – non può limitarsi all’attuazione di azioni tese alla salvaguardia di ambienti naturali, ma deve anche indirizzarsi allo sviluppo della conoscenza del territorio e alla sua promozione, oltre che allo svolgimento di attività di educazione e di sensibilizzazione, in grado di coinvolgere le comunità locali che vivono vicino ai suoi confini e che traggono beneficio diretto dalla presenza di una vasta area protetta. Per tutelare la natura in modo efficace, è infatti indispensabile farla conoscere ed apprezzare, sviluppando nel visitatore, piccolo o adulto, turisti o scolaresche, una sensibilità rispetto ai temi ambientali.
 
Le attività che l’Ente Parco propone ogni anno alle scuole, attraverso i soggetti privati e le associazioni ambientaliste più attive, che grazie ad apposite convenzioni operano all’interno di alcuni porzioni di territorio all’interno del Parco – spiegano Manfredi e Gennai – hanno raggiunto col passare degli anni un buon livello di visibilità e di gradimento sia localmente, sia in ambiti più vasti, ma l’obiettivo per il futuro è aumentarne ancora la portata, cercando di sensibilizzare e far partecipare attivamente alle proprie iniziative le comunità locali e di coinvolgere i turisti nell’esperienza unica di scoprire uno dei pochi territori della Toscana che ancora mantengono pressoché immutate le caratteristiche di un tempo.»

 

Foto di Michele Alderighi

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: