none_o

Poche righe, molto concrete, che non lasciano spazio ad altre interpretazioni o strumentalizzazioni.
Liliana Segre, la senatrice a vita sopravvissuta all'olocausto e oggetto, nelle ultime settimane, di numerosi attacchi sul web, ha declinato in maniera netta la proposta, partita dal mondo del giornalismo e poi ripresa anche da diversi esponenti politici, di essere candidata al ruolo di Presidente della Repubblica. 

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Leggo da Repubblica che il Pd si lamenta ed è stanco .....
. . . . strada alla destra”
"Scusa, Nicolì, .....
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
Le squadre di Val Di Serchio
di Marlo Puccetti
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Enti di Promozione Sportiva
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
Bbc Fornacette diventa Banca di Pisa
Ferrucci (Pd): “Un cambio di nome per un sempre maggiore sostegno del territorio”

12/11/2013 - 14:24

Bbc Fornacette diventa Banca di Pisa, Ferrucci (Pd): “Un cambio di nome per un sempre maggiore sostegno del territorio”
 
 
“Condivido e apprezzo la scelta fatta dall’istituto bancario, una scelta naturale e necessaria, visti i numeri e vista la presenza sempre più forte nel territorio. Il cambio del nome rappresenta un passaggio ineludibile nel segno di una strategia che la banca ha intrapreso già da tempo, una linea di sviluppo che la vede sempre più legata alle istituzioni e alle realtà più importanti del pisano. È  positivo che in un momento così complesso a livello economico e sociale, un istituto bancario rappresenti un forte elemento di sostegno per le imprese e i cittadini: sono convinto che anche a seguito di questa scelta questo supporto sarà sempre più importante e consolidato”.
 
Così Ivan Ferrucci, consigliere regionale Pd e segretario Pd Toscana commenta il cambio di nome della “Banca di Credito Cooperativo di Fornacette”, diventata “Banca di Pisa e Fornacette – Credito cooperativo”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/11/2013 - 23:50

AUTORE:
Maunvorpiove

A nessuno caro Alessio è impedito metter su una banca cooperativa; purtroppo ci provarono in Jugoslavia a lavorare in cooperative e poi...poi in tanti con i vicini Albanesi son venuti da noi con barconi rugginosi a farsi "sfruttare" dalle nostre banche ed han messo di buone radici quì da noi; qualcosa vorrà dire o no!

Ps, noi contadini del Salviati negli anni /50 si dette vita alla "comunella" per non essere soggetti a disgrazie improvvise ed avere un capitale comune disponibile senza inginocchiarci al feudatario.
Evisto non ci vuol micha Rothschild, Rochefeller o Cuccia.

13/11/2013 - 23:24

AUTORE:
Alessio Niccolai

Ma c'è un problema: la questione non è soggettiva o di malaffare.
Il sistema bancario ha depredato la democrazia dell'esercizio di sovranità popolare, permettendo agli organismi di governo europei di trasferirla ai mercati.
Il punto quindi è un altro: non c'è banca per cui esista motivo di apprezzamento, se non quella nazionalizzata o, meglio ancora, lasciata affogare nel suo brodo, senza cioè rimpinguarne le casse con risorse dovute a scuola, sanità, spesa sociale, sistema previdenziale, trasporto pubblico, etc. o, insomma «lasciata fallire».

13/11/2013 - 20:50

AUTORE:
Ludmilla

Mi resta difficile pensare ad un politico che non abbia una visione privilegiata nei confronti delle attivita', anche economiche, di appartenenti al suo stesso partito. Mi appare altresi' abnorme applicare una specie di manuale Cencelli ai cda delle banche: non sarebbe meglio affidare la finanza ai "mugnai" finanzieri ed evitare che il politico entri in contatto con la "farina"? Non bastano le centinaia di esempi negativi, Verdini tanto per citarne uno?

13/11/2013 - 17:23

AUTORE:
Cittadino politicamente rappresentato

Dicci tu a cosa deve interessarsi la politica.

13/11/2013 - 13:47

AUTORE:
Ludmilla

I politici dovrebbero astenersi dall'esprimere apprezzamenti nei confronti degli istituti di credito, cosi' come dovrebbero astenersi dall'appartenere ai vari CDA o Fondazioni.

12/11/2013 - 16:39

AUTORE:
Lettore della VdS

...è che al sig. Giulio Mascagni se scrive così non è interessato leggere sui giornali che son prodighi a condannare subito il "presunto troiaio" MPS ma che poi dopo pochi mesi hanno messo i soliti giornali, la notizia in ottava pagina dicendo chi il PD non c'incastrava un cavolo; così come l'assoluzione piena del presunto troiaio combinato dal Sindaco di Napoli e poi governatore della Campania Bassolino.

Ed ancora,; per i vari sig. Mascagni, le banche devono essere coacervi di vipere pronte a morderci e non a servizio della comunità così come pensavano dei poliziotti della celere: tutti fascisti perchè picchiavano nel groppone ai gruppuscoli facinorosi che sfaciavano vetrine durante le manifestazioni di sciopero, salvo poi magari non dire niente di chi è stato condannato in terzo grado.

12/11/2013 - 14:43

AUTORE:
Giulio Mascagni

Da quando in qua un segretario di partito tira via a commentare una roba di questo tipo ? Non c'è bastato il troiaio del Monte dei Paschi? Non se ne vorrà mica riprodurre uno in piccolo?
Ivan stacci lontano dalle banche, dai retta a me.