none_o

In questo periodo di grande confusione una guida medica per chi è malato o pensa di esserlo perché ha avuto, o pensa di aver avuto, un contatto con un positivo al Covid. Un contributo della Voce per fare chiarezza.
 

Massimiliano Angori
none_a
Arci Servizio Civile Pisa
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Confraternita Misericordia di Vecchiano
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . è il mio suggerimento .....
. . . ancor di più se avessi il tuo indirizzo mail, .....
. . . t' accontento. Una cosa giusta l'hai detta : .....
Un vecchianese; un pole di la sua ricalcando un pensiero .....
Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Franca
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
Di Matteo Cannella
none_a
La bellezza è negli occhi di chi guarda
di Luigi Polito e Sandro Petri
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Elezioni del PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA
none_a
Alberto Zangrillo - covid
none_a
Circolo Arci Vasca Azzurra Nodica
none_a
Comelico Superiore, Veneto
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Accade a volte
che in sere con orli d'autunno
il ricordo sovvenga di quando
sul finire di scale e cortili
cosparsi nel vento
folle divenni,
senz'altro .....
Con grande dispiacere e soltanto casualmente in questi giorni sono venuta a conoscenza della morte del Dottor Assanta. Ritengo sia stato un esempio di .....
Tenuta di San Rossore
Tenuta di San Rossore, asta pubblica per la vendita di equini “da vita” e bovini da carne

15/11/2013 - 13:35


Tenuta di San Rossore, asta pubblica per la vendita di equini “da vita” e bovini da carne

 

C’è tempo fino al 25 novembre per far pervenire all’Ente Parco, secondo le modalità previste dall’apposito bando, le istanze per partecipare per l’asta pubblica relativa alla vendita di 61 capi bovini e equini allevati nei terreni della Tenuta di San Rossore utilizzati storicamente per le attività agro-zootecniche.

Gli animali che saranno aggiudicati al miglior offerente sono 49 bovini da carne di età varie

 – appartenenti a tutte e tre le razze presenti a San Rossore, ossia mucco pisano, chianina e limousine

– e 12 equini

– 10 cavalli T.P.R.  e 2 “Monterufolini”

– “da vita”,  ossia non destinati alla macellazione.La vendita dei capi avverrà mediante asta pubblica in più lotti con il sistema delle offerte segrete; il bestiame potrà essere visionato presso le strutture dell'Ente Parco nella Tenuta di San Rossore in località Sterpaia, previo appuntamento telefonico con il Sig. Cesare Manetti al cell. 360 491582.

 

Tutti gli atti relativi all’asta sono disponibili sul sito web dell’Ente Parco (www.parcosanrossore.org), sia nella homepage, sia nella sezione “Amministrazione trasparente” -> “Bandi di gara e contratti” -> “Bandi di gara”. Nei terreni agricoli della Tenuta di San Rossore, che si estendono per circa 490 ettari, da oltre dieci anni vengono condotta attività agro-zootecniche di tipo biologico; all’incirca 300 ettari sono occupati da prati pascolo utilizzati per l’allevamento brado degli animali (bovini e equini).

L’allevamento da carne biologico ha una consistenza di circa 190 vacche di razza “limousine”, “chianina” e “pisana” ed è condotto allo stato brado, con una produzione annua di circa 150-160 vitelli, una piccola parte dei quali è destinati all’ingrasso interno, mentre i capi restanti sono destinati alla vendita come vitelli da ristallo con età compresa tra i 7 e i 12 mesi.

 

Grazie ad una simile impostazione, l’attività produttiva a San Rossore, gestita dall’Ente Parco, non ha mai costituito un problema di impatto ambientale, poiché è in grado di utilizzare le risorse del territorio senza depauperarle, in perfetto equilibrio con il delicato ecosistema di un ambiente protetto.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri