none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Non so se hanno pagato per il suolo pubblico o se fosse .....
Caro Amico che ti firmi affamato forse sei affamato .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Ripafratta
La storia della Rocca di Ripafratta alla Stazione di S.Giuliano

2/12/2013 - 17:18

    La storia della Rocca di Ripafratta alla Stazione di S.Giuliano

Un evento per conoscere meglio la storia del nostro territorio e di uno dei monumenti che più lo rappresenta: la Rocca di Ripafratta.
E' quanto propone l'associazione "Salviamo la Rocca", che per sabato 7 dicembre organizza, presso la sala convegni della Stazione FS di San Giuliano Terme, un evento dedicato al celebre castello del territorio sangiulianese, da tempo in attesa di messa in sicurezza e recupero.

Saranno esposte le fotografie del Gruppo fotografico di Ripafratta, che hanno come oggetto i dettagli segreti del castello e le testimonianze del suo abbandono. L'associazione racconterà la storia e l'architettura della Rocca (grazie ad un modellino in scala e ad alcune proiezioni) e il lavoro che si sta facendo per far ripartire il difficile processo di recupero.

"E' la prima volta che portiamo un'iniziativa di questo genere fuori da Ripafratta - dicono dall'associazione -. Vogliamo che quello della Rocca diventi sempre meno un problema locale e sempre più una risorsa di tutto il territorio. Ecco perché è necessario farla conoscere. San Giuliano è solo la prima tappa di un percorso itinerante: vogliamo raccontare la storia antica e recente della Rocca in tante altre realtà".

L'appuntamento è per sabato 7 dicembre a partire dalle ore 16 presso la sala convegni, al piano terra della Stazione FS di San Giuliano Terme (PI). Al termine sarà offerto un aperitivo ai presenti.



Fonte: Ass. "Salviamo la Rocca" Ripafratta
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




3/12/2013 - 15:14

AUTORE:
Giovanni L.

La rocca... di Ripafratta.


Mi acquieto su poltrona del balcone, la sera in agosto per brezza intercettare, all’afa dell’estate dar la tregua, l’intenzione...

membra al venticello esposte a rinfrescare, a nulla penso se non a canicola scampare, al massaggio del vento che lieve le tende sulla testa fa vibrare.

Assecondo quel piacere sottile e mi immagino sollievo non reale, per di evocazion la forza e suggestione, che tale diviene in impressione.

Ed ora quieto, alzo il guardo innanzi all’imbrunire ormai imminente, vedo dei monti la verzura, il profilo che si staglia all’orizzonte , la gran mole del maggiore di questi incombe, dando pace ed illusion serena.

Volgendo di poco gli occhi, sotto di quello ai piedi, sulla cima del Vergaio monte, altra solenne mole opera d’uomo non di natura il risultato, è la Rocca, imponente grava sull’agglomerato del villaggio che oltre Auser si stende.

Appollaiata solida e fiera sul dirupo, come aquila temibile allarga le ali maestose, gli occhi acuti e severi perlustrando la valle ora silente e quieta.

Poderoso del becco rostro protende, non dimentica di lotte, travagli, ferocia belluina, cui partecipe in gran parte si è prestata, dar man forte all’una o l’altra fazion armata.

Immota, severa, accusatrice, ci guarda con sprezzante giudizio ed impietoso, ora che l’arme tacciono, con loro le passioni,
l’ardimento, il sacrificio e il sangue più non scorre nella stretta gola, cagion di quello strazio.

Or che siete in pace e convivete con profitto, non vedete quanto vane e insulse e inutili e stupide le vostre ambizioni.

Pisa dominar Lucca, e viceversa convinti sull’avversa sponda, non intendendo quei propositi sbagliati che a rovina e vantaggio di Firenze vi han condotti...

Mill’anni non son bastati ad illuminar di luce e semplice buon senso vostre vuote teste nemmeno con barlume?

fine

2/12/2013 - 19:03

AUTORE:
Giovanni Lossi

Iniziativa encomiabile per la riscoperta delle comuni radici culturali e storiche di un territorio ricco di testimonianze di un grande passato, forgiato dalle lotte e dalle passioni civili, conflitti splendori e miserie di una terra in cui gli uomini sono da sempre abituati ad essere artefici del loro destino.

La Rocca di Ripafratta è uno dei primi anelli del sistema difensivo e di avvistamento al confine tra Pisa e Lucca, città a lungo rivali, nell'unico tratto agibile della frontiera, dove per 5 secoli si sono affrontate in guerre e conflitti sanguinosi.

Sistema di difesa contrapposto a quello avversario ed altrettanto imponente, articolato in fortezze e castelli, oggi per lo più in rovina, e un gran numero di torri che ubicate opportunamente erano in grado di segnalare in tempo reale i movimenti degli eserciti avversari.

Grande ricchezza storica ed interesse architettonico, ma anche profonda elegia , devozione e sentimenti d'affetto per i racconti di mio nonno, che mi narrava le scorribande e le incursioni fatte da bambino entro le sue mura possenti, raggiunte percorrendo uno dei cunicoli superstiti nella collina che mettevano in contatto la Rocca con le rive del fiume, per permettere il rifornimento idrico agli assediati.

Scorribande e giochi di bimbi d'altri tempi che tuttavia testimoniano il profondo rapporto che lega gli abitanti del borgo al monumentale simbolo del paese, capace nei secoli di trasfondere un preciso spirito e fierezza identitaria, impersonificando con l'arcigna silhouette il carattere spigoloso ma franco dei luoghi, caratteristico della Toscana.

Nato all'ombra della Rocca, come molti ho a lungo ignorato il passato delle sue vicissitudini storiche finchè, da buon appassionato, non ho deciso di scrivere un libro, con vicende romanzate che però mi permettesse di narrare le vicende in un contesto storico coerente.

"fratelli ed estranei,,, fratelli" il titolo del libro, scritto senza altra ambizione che la devozione e l'amore sviscerato per i luoghi, costituisce il mio personale omaggio a quelle che ritengo anche le mie radici, retaggio comune di una terra gloriosa.

Inquadrando la Rocca di Ripafratta insieme al Castellaccio di Filettole, le fortezze di Castiglione e del Cotrone, la torre segata o dell'Aquila, del Centino, quelle scomparse a Ripafratta, del Fiume lato Lucca e l'analoga inserita nella cinta difensiva del borgo lato Pisa.

Lodevole iniziativa per sensibilizzare le coscienze e rivalutare insieme alle vecchie mura, la nostra stessa identità e dignità di cittadini e custodi di uno splendido passato.

giovanni.lossi.um4i@alice.it