none_o


Reparto di Oncologia dell’ospedale di Pisa. Davanti all’edificio molti persone in attesa perché l’ingresso è riservato ai soli pazienti oncologici. Ero fortunatamente un accompagnatore e sono rimasto educatamente fuori come tutti gli altri. Devo dire che eravamo tutti con la mascherina, non so se per paura del contagio o per rispetto degli altri ma la situazione era appagante, come quando si vede il rispetto delle regole da parte di tutti i cittadini.

. . . . . . . . . . . . è iniziata i primi giorni .....
. . . la ragione non sta mai da una sola parte ed aggiungo .....
Sono convintissimo della sua buona fede, ci mancherebbe, .....
Non ho alcuna presunzione o velleità, esercito semplicemente .....
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
San Giuliano Terme, 23 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 24 ottobre
none_a
Molina di Quosa, 25 ottobre
none_a
Teatro Nuovo Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 25 ottobre
none_a
Marina di Pisa, 17 ottobre
none_a
Sabato 17 ottobre al Grand Hotel Duomo
none_a
SAn Giuliano Terme, 18 ottobre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


la ZONE di Pisa
none_a
CSI – Centro Sportivo Italiano-
none_a
Coppa Toscana Juniores sotto la Torre
none_a
open day 20 ottobre palestra Proscaenium
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Se non si capiva niente prima, come pretendere che si capisca qualcosa oggi?

Qualcuno dice che non intende usare i 40 miliardi del MES, perché in .....
C'è un posto che uno sente suo?
Si! credo proprio di si!

8/12/2013 - 10:02

A scommessa nessuno dei partecipanti alla cena di presentazione del libro "autoctono" - Verso la foce del Serchio-  nel salone delle Feste della Casa del Popolo di Migliarino  nella serata di sabato 7 dicembre avrebbe lasciato il suo "posto a tavola" ad uno in lista d'attesa che purtroppo la sala non poteva contenere il gran numero di richieste per quel ritrovarsi tutti insieme, lettori e scrittori della nostra "Voce del Serchio".

 

Cultura dello stare bene insieme, pane, frutta, pasta, cucina, giornale, libri ed attori/scrittori/pittori addiritttura a chilometro zero

"mapperò" disponibilissimi al confronto mondiale con tutte le genti e di tutte le idee e cose che circolano liberamente.

Un ritrovarsi e trovarsi così contenti di noi, credo sia la molla giusta per far scattare di un bel balzo avanti quella che io chiamo "la Nostra Gente".

 

Un grazie a tutti da parte della Redazione del giornale VdV e da parte del gruppo dirigente della ormai Grande "Associazione Culturale La Voce del Serchio".

bb

Fonte: Testo e foto di Bruno Baglini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/12/2013 - 12:17

AUTORE:
amalia

serata molto piacevole e persone squisite, un saluto a lara

9/12/2013 - 1:53

AUTORE:
Iacopo Bertoni

Un grazie davvero a tutti voi per la bella serata e per l'affetto dimostrato a nome di tutta l'AtTieSse - Associazione Teatro Spettacolo

8/12/2013 - 22:00

AUTORE:
Gabriella Tozzi

Desidero ringraziare calorosamente tutta la redazione della VdS per la bella iniziativa e realizzazione del libro "Verso la foce del Serchio" che ha dato la possibilità a tante persone di esprimere la loro passione per questo territorio.
Essendo una Migliarinese all’estero ogni giorno ritrovo le mie radici leggendo La Voce del Serchio che mi tiene compagnia e mi informa.

Complimenti, grazie ancora e continuate così.

Gabriella Tozzi

8/12/2013 - 12:19

AUTORE:
Ovidio Della Croce

È stata una serata serena e virtuosa. Incastonate tra i dipinti di Daniela Sandoni e accolte da tante belle persone che si sono ritrovate al teatro del popolo di Migliarino, anche questo "un posto che uno sente suo", le memorie paesane del piccolo libro “Verso la foce del Serchio” sono giunte come un dono inatteso.

Quasi tutti gli interventi erano apparsi sul giornale on-line “La Voce del Serchio”, ma sentire le voci di Jacopo, Federico e Simone leggere questi racconti nostrani è stata un’esperienza nuova, così come rileggerli in questa deliziosa edizione. Se hanno qualche importanza, almeno per chi li ha scritti, questa dipende dal fatto che un’attenta osservazione delle contrade che attraversiamo ci offre la possibilità di viverci meglio e forse di essere meno soli.

Ora gustiamoci le feste, ma non vedo l’ora di ricominciare con “Un posto che uno sente suo. Fotografare la Valdiserchio”.

8/12/2013 - 11:08

AUTORE:
Sonia

Cibo genuino, persone amichevoli, emozioni autentiche, atmosfera familiare...una serata di cui ogni tanto se ne sente il bisogno.
C'è sempre una prima volta e spero non sia l'ultima. Grazie a tutti coloro che l'hanno programmata e realizzata...prosit!

8/12/2013 - 10:13

AUTORE:
Giulia Baglini

La presentazione del libro Verso la foce del Serchio è stata una serata costruita dalla base dell'associazione e del giornale. Gli autori del libro hanno portato le proprie emozioni e le proprie storie di vita. In particolare per me che sono figlia di uno degli autori e' stato emozionante ascoltare la storia del mi' babbo, Bruno. Ed emozionante è stato vederlo con gli occhi lucidi e guardarlo mentre alza il bicchiere di vino rosso verso Jacopo che aveva appena magistralmente letto la sua testimonianza e di rimando vedere Ovidio ripetere il gesto verso Bruno. Ecco, in quei gesti ci ho visto una versione nostrana di quel comunismo che, è vero, ormai non c'è più ma che ci ha insegnato che esistono dei beni comuni che vanno amati e conservati, come il paesaggio e il territorio, sostanza del nostro vivere con la nostra identità personale e la nostra dignità dentro una comunità e vera chiave di volta di un'autentica ricchezza. Buona vita a tutti