none_o


Dopo l'articolo incentrato sugli avvenimenti dell'inizio del 1800 e sugli adempimenti che Napoleone chiedeva al territorio della Comune di San Giuliano, in cui Vecchiano era stata inclusa da Pietro Leopoldo nel 1776, insieme con tutte le 31 Comunità della precedente Podesteria di Ripafratta, arriviamo ora alle vicende al tramonto dell'Impero napoleonico.Nel 1808 Vecchiano era stata separata, sempre dai francesi, dai Bagni di San Giuliano, dividendo le Comunità a destra e a sinistra del Serchio, ma la procedura fu molto ostacolata dall'amministrazione di San Giuliano. 

Ma il silenzio di un popolo …
A volte scrivere per .....
Stamattina per cause da stabilire c’è stato un incendio .....
. . . come tanti "noialtri autoctoni" a 4 (quattro) .....
Che bellezza il 2 giugno: 10. 000 auto a 10 euro/ cadauna .....
Di Mattia Feltrio
none_a
di Roberto Sbragia - Capogruppo Vecchiano Civica
none_a
Di U M (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Fabio Poli
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Ar vernàolo, a questa lingua antìa,
io provo a fanni ‘na radiografia.
Per noi pisani, tanto pe’ chiarì,
è la parlata ‘he si parla ‘vi
inventata .....
A me, come a tanti altri hanno rubato il vaso portafiori in bronzo al cimitero di Pontasserchio, è troppo abbandonato. Anche i defunti meritano rispetto .....
SAN GIULIANO
Presentata l'Agrifiera 2014 di Pontasserchio, domani 24 (16.30) l'inaugurazione ad ingresso gratis

23/4/2014 - 8:41

E' stata presentata ieri mattina la 106ma edizione dell'Agrifiera di Pontasserchio che quest'anno verrà inaugurata, con ingresso gratuito, il 24 aprile alle ore 16.30 e durerà sino al 4 maggio. Patrocinato da Regione Toscana, Provincia di Pisa, Federparchi, Parco Nazionale di Migliarino e Camera di Commercio di Pisa rappresenta un appuntamento ormai consolidato che promuove il settore agricolo, la valorizzazione del territorio, della qualità della vita, della genuinità dei prodotti agroalimentari ed enogastronomici anche attraverso degustazioni gratuite, proponendo diverse novità e consolida alcuni dei punti forti.

Nel padiglione commerciale di Agrifiera, più di 8.000 metri quadri di superficie coperta, sui 35.000 complessivi, saranno collocate oltre 120 aziende selezionate, mentre lungo le aree esterne saranno oltre 150 le aziende aderenti. A cornice del padiglione commerciale e collocate in area esterna, non mancheranno i tradizionali settori legati al florovivaismo, alla zootecnia, all’arredo giardino alle piccole macchine per il giardinaggio oltre ovviamente ad una vasta rappresentanza di prodotti e macchine per l’agricoltura, delle concessionarie auto dei mezzi per l’edilizia ed il tempo libero.

Come ogni anno spazio dedicato anche alle associazioni di volontariato tra cui gli stand della consulta comunale del volontariato e dell'associazionismo. “Dobbiamo innanzitutto ringraziare le componenti che permettono la realizzazione di questo evento – ha dichiarato il Sindaco di San Giuliano Terme Paolo Panattoni - quindi grazie alla capacità organizzativa dell'Amministrazione, di GeSTe e di Alterego.

Così come Provincia di Pisa e Regione Toscana che ci accompagnano in questo percorso L'Agrifiera guarda alle eccellenze del territorio, confermandosi una fiera che non si rivolge solo agli operatori commerciali, fondamentali ed essenziali, ma lancia anche messaggi importanti riguardanti la storia e la tradizione. Mi auguro che in questi 10 giorni ci sia la possibilità di aumentare il gradimento espresso dalla cittadinanza nelle edizioni scorse e che l'Agrifiera sia ancora di più la fiera della famiglia con spazi sia per i più piccoli che per gli adulti. Agrifiera che – conclude il Sindaco Panattoni - guarda al passato per consolidare la tradizione ma soprattutto che guarda al futuro per dare delle prospettive per uscire da un periodo di crisi che prosegue ormai da 7-8 anni”.

Soddisfazione espressa dalla Vice Sindaca Fortunata Dini: “Abbiamo voluto puntare su tutte quelle caratteristiche che ci contraddistinguono e ci danno una forte identità arrivando a proporre un offerta varia che ci auguriamo ci faccia proseguire il trend in continuo aumento degli anni scorsi. Ci saranno iniziative per bambini e bambine ed anche per gli anziani senza dimenticare lo spazio per i più giovani con eventi ed appuntamenti molto interessanti. Inoltre seminari, workshop, il museo contadino, il museo della garfagnana, la presenza delle Terme di San Giuliano e la possibilità ogni pomeriggio di effettuare un'esperienza guidata di assaggi a cura di Slow Food con alcuni ristoranti della zona. 5 giorni saranno gratuiti ed inoltre a tutte le famiglia sangiulianesi è stato inviato un biglietto omaggio per una delle giornate a pagamento”.

 

L'organizzazione per il quarto anno consecutivo è stata affidata a GeSTe: “Anche quest'anno abbiamo avuto idee ambiziose – afferma Alfio Coli, amministratore unico della società in-house del Comune - continuando a rispondere alle caratteristiche del territorio dando il meglio di noi stessi. Da un punto di vista strutturale ci sono due elementi che ci sono stati affidati, i lavori di ristrutturazione della Ludoteca, che verrà riaperta per l'Agrifiera, mentre dall'altro sperimentiamo la raccolta differenziata all'interno dell'evento, una novità assoluta anche guardando ad altre manifestazioni”.

“Gli operatori provengono principalmente dal territorio provinciale con un numero di adesioni però anche dal territorio nazionale e quindi – dichiara Giancarlo Scoppito di Alterego - Agrifiera si dimostra una manifestazione che interessa tutto il territorio nazionale e che è riuscita a tenere rispetto al panorama fieristico. Sono state potenziate, grazie anche al Parco di San Rossore, alcune aree riservate agli animali con alcune novità”.

Fonte: Comune San Giuliano Terme
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

23/4/2014 - 22:56

AUTORE:
Pippo l'Ortolano

Se ho ben capito, passava Giovannino il camporaiolo e hanno dato l'ordine "Facite Ammuina: tutti chilli che stanno a prora vann' a poppa
e chilli che stann' a poppa vann' a prora:
chilli che stann' a dritta vann' a sinistra
e chilli che stanno a sinistra vann' a dritta:
tutti chilli che stanno abbascio vann' ncoppa
e chilli che stanno ncoppa vann' bascio
passann' tutti p'o stesso pertuso:
chi nun tene nient' a ffà, s' aremeni a 'cca e a 'll à".
P.S. mi sa che sei poco collega, perche le giornate sono lunghe e,a voglia di piantà pomidori.

23/4/2014 - 21:03

AUTORE:
Giovannino il camporaiolo.

...scrive i libri e la Feltrinelli che le vende, c'è chi fa il pane e chi lo compra e...lo mangia; 'nsenò hai voglia di scrive libri e coce il pane se nissuno 'ompra.

...poi è anche il momento: passato il venti d'Aprile e la Pasqua, di: piantare le melanzane, i peperoni, i pumodori da 'ncanna, le zucche, poponi e cocomeri, 'nzalata e..per il basilico è prestuccio, cosi come seminà e fagioli, e la saggina, ma prima del 29 (cambio di luna) seminamo i radicchi; bianchi rossi e scureggialli, il prezzembolo,il sedano, le carote e ramamo le patate e ll'uva; perchè con le foate e la nebbia s'ammalano di bolla ed oidio; e siccome ora la tera asciuga presto, ma ha piovuto assai per fa nasce ll'erbacce, consiglio al mio collega Pippo ll'Ortolano di non perdersi in elucubrazioni poo fantastiche e dindà a zappà che le giornate èn corte (lo dio a tutti) e...quando uno c'ha da fà, c'ha da fà ed ad onni uno rsuo, poi si va ghieci giorni alla fiera pereparata da tutti per tutti.
piesse, ero li stamattina (a Pontasserchio) sembrava d'esser in un fomicaio, chi andava, chi veniva e tutti si industriavano per il meglio: vedere per credere!
..e credere che alle ore 16.00 di giovedi 24 sia tutto pronto, stamattina era cosa da non credere: eppure... come diceva Antonio Gramsci: se ognuno porta il suo mattoncino alla causa poi si compie!
..di più non sò, ma mi basta!
a me! ad altri rosiconi con il fegato picchiorellato dalla sipia non sò!
bona

23/4/2014 - 19:02

AUTORE:
Mario

Non ti preoccupare Pippo anche senza foto la sua parte gli é toccata e chi vuol capir capisca

23/4/2014 - 15:04

AUTORE:
Pippo l'Ortolano

E Baroncini che organizza tutto e si fà...... una sgobbata inumana, dov'è sulla foto? Avranno mica fatto,la loro storia ci insegna, come la fotografia di Lenin e Trotzky?