none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
di:Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio di Bonifica Toscana Nord
Grazie al consorzio 1.300 quintali di rifiuti all'anno non finiscono sulle spiagge

6/9/2014 - 22:46

Grazie al consorzio 1.300 quintali di rifiuti all'anno non finiscono sulle spiagge

 
Tirato in causa da più parti, Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio di Bonifica Toscana Nord, spiega il grande lavoro preventivo che l’ente svolge durante tutto l’anno per evitare che enormi quantità di vegetali e rifiuti abbandonati lungo i corsi d’acqua, vadano a finire sulle spiagge della Versilia. In evidenza i dati relativi allo smaltimento: in media 1300 quintali di materiale viene trattenuto ogni anno dalle griglie degli impianti idrovori e dalle barriere galleggianti che il consorzio ha posizionato in prossimità di tutte le nostre foci.
Gran parte del materiale infatti non arriva al mare perché circola nei canali di bonifica interni, che non hanno appunto alcuno sbocco. La rete idraulica della Versilia, realizzata circa cento anni fa per drenare le zone depresse, venne studiata in modo di recapitare l’acqua agli impianti idrovori. Ad ogni impianto sono presenti delle griglie,  che hanno il compito di trattenere il materiale galleggiante per evitare che finisca nelle pompe di aspirazione. Tutto questo materiale viene dunque levato dal circuito dei corsi d’acqua e poi smaltito in discarica.
“Gli sfalci delle manutenzioni che eseguiamo non possono finire in mare – spiega Ridolfi – e la riprova è che il consorzio ha tagliato l’erba a fine aprile e che il secondo taglio stagionale è in corso in questi giorni. I tempi non coincidono minimamente con quelli del lavarone di questa estate e nemmeno con il materiale da cui è composto”.
I tecnici spiegano che la vegetazione viene prima tagliata sulle sponde e nell’alveo, poi adagiata a seccare sugli argini e quindi triturata in minuscoli pezzi col tagliaerba. Così sminuzzata nel giro di pochi giorni l’erba si decompone e fertilizzando anche i terreni. I residui grossolani di canne non possono perciò essere residui dei tagli effettuati dal consorzio e nemmeno la vegetazione verde che si trova nel lavarone che è fresca, quindi alghe o erba strappata dai fiumi durante le piene. Per non parlare delle potature di alberi e siepi di privati, che invece di essere portate al deposito del verde, spesso vengono nottetempo abbandonate nei corsi d’acqua.
“Non possiamo essere responsabili del materiale che viene incivilmente gettato nei canali. I rifiuti che arrivano agli impianti sono di tutti i tipi: copertoni, bottiglie, polistirolo, perfino giocattoli, ma  sono soprattutto il triste segnale di quanto poco rispetto ci sia per il territorio – conclude Ridolfi – Senza la loro rimozione da parte del Consorzio ne dovremmo contare 1300 quintali in più ogni anno.”

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri