none_o

 

 

 

Contro la pandemia Jacinda Arden, premier della Nuova Zelanda, ha scelto la via più drastica: lockdown generale e chiusura delle frontiere. Con empatia, pragmatismo e coraggio ha fermato il covid-19, sconfitto la destra populista e vinto le elezioni. Bruno Ferraro, da Auckland, ritrae Jacinda come una leader che può dare una lezione magistrale ai politici occidentali su come gestire una crisi.

. . . detto tra noi sono solo un brigante, non un .....
. . . non immaginerebbe mai.
Ho sentito un "uccellino" .....
. . . si assuma la responsabilità di esporsi con nome .....
Delle idee di questa signora non mi interessa granchè. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Marco Galice, insegnante
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Poste Italiane comunica
none_a
Primo corso online di scrittura per la scena
none_a
San Giuliano Terme
none_a
A breve in libreria
none_a
di Lorenzo Tosa
none_a
Per effetto del DPCM del 3 novembre 2020
none_a
Quarantesimo della morte del Cav. Vittorino Benotto
none_a
Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 14 novembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Prima strillano che va riaperto tutto, contestano l'emergenza, negano la pandemia, gridano al complotto! . . . poi, QUANDO ESPLODE LA SECONDA ONDATA, .....
E' semplice: positivo al 1° e 2° tampone. . dopo 21 gg la asl mi dà la liberatoria. Al 23° giorno, per mio scrupolo, e da privato. . effettuo 3° .....
none_o
Malala
Le Madamadorè

12/10/2014 - 14:47

Questa settimana sembra non finire mai, c’è dentro dolore e disperazione, rabbia e senso di impotenza. Una settimana segnata da eventi diversi tra loro, ma forse uniti da un filo che disegna un punto interrogativo gigantesco, perché non si capisce più niente, tra le mani ci rimane solo il nostro quotidiano e forse è da lì che dobbiamo ripartire? Forse il vero cambiamento che tutti proclamano a gran voce parte proprio da ognuno di noi? Non lo sappiamo ce lo domandiamo, guardandoci intorno smarrite e spiazzate.


La prima notizia è quella del fallimento del tentativo, tra governo, azienda e parti sociali, di risollevare il destino dell’acciaieria di Terni e così altri 550 operai saranno messi in mobilità, che se non cambia niente, diverrà licenziamento. Non è certo la prima ed unica triste vicenda del siderurgico italiano: la Ilva di Taranto, la Lucchini a Piombino e purtroppo il fenomeno non riguarda solo questo settore, ma tanti altri…ci vengono in mente Termini Imerese, con il suo tavolo di trattative lungo 5 anni e per ora senza soluzione, se non lo spettro del licenziamento per 1100 lavoratori, compreso l’indotto; leggiamo e rileggiamo i dati di un importante quotidiano… Nel 2013 in Italia hanno chiuso in media 54 imprese ogni giorno, due ogni ora. Lo scorso anno su tutto il territorio nazionale si sono registrati 14.269 fallimenti, in crescita del 54% rispetto al 2009; di fatto in cinque anni sono sparite dalla mappa nazionale 59.570 imprese………(cit.)
Rimbalza alla mente  la parola “jobs act”, sarà che l’abbiamo sentita tanto in questi giorni, un vero tormentone che tradotto alla lettera, dovrebbe significare: piano per il lavoro, in pratica una presunta riforma sul mondo dei lavoratori e sulla loro pelle, tanto che la votazione  al senato è stata fatta sulla “fiducia” e pare che ciò avverrà pure alla Camera.
Così è ridotta oggi la nostra democrazia, così è il livello di coinvolgimento e partecipazione di tutte le parti interessate.
 
Poco importa se l’articolo 1 della Costituzione italiana recita: “L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro …”. Il lavoro vi è assunto, cioè, come valore costituzionale essenziale. La Costituzione ne riconosce, ne tutela e ne indirizza: il valore economico (il lavoro inteso come mezzo di soddisfazione dei bisogni umani) negli articoli. da 35 a 40; il valore sociale (il lavoro inteso come ambito nel quale contribuire al bene comune e ottenere un riconoscimento sociale) nell’articolo 4, che sancisce il diritto/dovere al lavoro; il valore personale (inteso come spazio per la valorizzazione del talento individuale e per la realizzazione personale) ancora nell’articolo 4 che tutela le scelte del lavoratore e la sua elevazione formativa e professionale.
Il lavoro è dunque il fondamento del nostro vivere civile, il fondamento della realizzazione personale di ciascuno di noi, il fondamento e la fonte principale per la soddisfazione dei nostri bisogni.


Ma è ancora così?  Si dice che siamo ancorati ad un vecchio mondo, dobbiamo lasciare gli ormeggi e andare …ma dove? Alla cieca? E intanto giocando con le parole ricordiamo che precario deriva  etimologicamente da prece (preghiera) e significa ottenuto per preghiera, per grazia dunque e non per diritto.
 
La seconda notizia è quella del ragazzo di Napoli…non riusciamo neanche a scrivere cosa è accaduto, tanto è lo sgomento per lui in ospedale, la vittima, ma di più per i suoi carnefici. E da genitori, da educatori a diversi titoli ci domandiamo come sia possibile dire che era un gioco? E di nuovo tornano le parole e il loro significato, un gioco è qualcosa di divertente, questo non è un gioco, è una crudeltà, è anaffettività. Fa paura e vergogna questo episodio, fa paura pensando ai nostri figli, pensando a noi come genitori, ci richiama alle nostre responsabilità.
Ti spacco in due perché sei grasso.
Faccio la sentinella perché sei gay.
Ti apro la pancia perché sei donna.
Ti taglio la testa perché sei il nemico.
Ti cavo gli occhi perché sei matto.
Ti strappo le braccia perché sei disabile.
Ti strappo il cuore perché sei umano.
Ti strappo il cuore perché sono morto dentro e devi morire anche tu.
(Barbara Garlaschelli)


non ci siamo fatti mancare neanche le sentinelle in piedi... ma non dovevamo lasciare gli ormeggi e navigare verso il nuovo mondo? Sarà mica finita l'acqua?


E la battuta sull'acqua ci richiama Genova e quello che sta passando in questi giorni, si è già scritto qui poche settimane fa delle bombe d'acqua e del rischio idrogeologico, della mancanza di tutela dei nostri territori, e siamo ancora qui, coi piedi nel fango.
Genova 2011/2014: in mezzo, il blocco, da parte della burocrazia, dei soldi già stanziati per i lavori di prevenzione.


L’unica buona notizia è quella del Premio Nobel a Malala Yousafzai, e all'attivista indiano Kailash Satyarth. "Il premio Nobel per la Pace - dice Malala - non credo che sia stato dato solo a me, ma a tutti i bambini che non hanno voce, ecco perché parlo a nome loro"… “Nessun bambino dovrebbe impugnare mai uno strumento di lavoro. Gli unici strumenti di lavoro che un bambino dovrebbe tenere in mano sono penne e matite.”… Un bambino, un insegnante, un libro, una penna possono cambiare il mondo.
Ecco il vero filo rosso da annodare, tessere e usare per tramare e disegnare mondi nuovi, scenari futuri…il filo dell’educazione e della formazione personale.
 
“I cittadini di un Paese democratico non sono l’effetto del caso ma sono il risultato di un processo educativo”.

Non serve a nulla dunque affermare che questi episodi sono una vergogna perché questa vergogna l’abbiamo provocata noi, dice Lorella Zanardo…e le vergogne sono tante, ma le soluzioni hanno un solo comun denominatore la formazione, l’educazione e l’istruzione, la ricerca…per attrezzarci, per essere consapevoli, per difendere e difenderci, per chiedere ed esigere, per lottare, per vivere...

le vergogne ci sono, le soluzioni vanno cercate e costruite e servono pensieri e idee per farlo, persone e idee che viaggiano su persone, su esseri umani…l’umanità, appunto, declinata in tutti i suoi versi. Questa è la meta del viaggio.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/10/2014 - 9:38

AUTORE:
Ultimo.

........... il commento di P.G_ ........ e aggiungerei il termine " semplificazione " perchè sono anche i troppi passaggi burocratici ....... dicevo ... troppi e troppo lenti a scoraggiare molte iniziative ...... e che rendono complicate le cose semplici. ........ Ultimo.

13/10/2014 - 9:20

AUTORE:
P.G_

L’episodio di Napoli ci fa sperare che queste persone esistano soli li, in quell’ambiente degradato e sfortunato, e che non siano invece il prodotto di tutta la nostra società che ha perduto ogni valore, ogni rispetto per l’individuo anche nella sua diversità.
Ma io vorrei fare un’osservazione sul primo tema, quello del lavoro, e vorrei farlo con un esempio. La Nokia licenza in Italia operai e ingegneri e, come tante industrie e multinazionali delocalizza. Ma non in Indonesia o in Polonia ma delocalizza in Germania. Non perché il lavoro costi meno, e nemmeno perché gli ingegneri siano migliori dei nostri (conosciuti come i miglioro del mondo), ma solo perché probabilmente le condizioni generali per un’ attività produttiva sono migliori. Non è certo l’articolo 18 e nemmeno i sacrosanti diritti dei lavoratori che determinano questo abbandono, ma semplicemente la presenza di uno Stato con maggiori certezze, governi più stabili, energia a costo inferiore, infrastrutture migliori, giustizia più rapida. E’ su questo che bisognerebbe discutere ed intervenire, tutto il resto, compreso l’articolo 18, sembra una discussione semplicemente ideologica che fa perdere molto tempo ed energie, mentre il paese va in malora. Tutta questa interminabile discussione fa un po’ venire in mente il Titanic, dove gli ospiti ballavano mentre la nave andava a fondo.