none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
I noti problemi legati al coronavirus hanno acceso .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
PONTASSERCHIO
Casa del Popolo di Pontasserchio: Una mostra e un dibattito per riscoprire la storia locale

30/11/2014 - 17:28


CASA DEL POPOLO DI PONTASSERCHIO: UNA MOSTRA E UN DIBATTITO PER RISCOPRIRE LA STORIA LOCALE

Ieri, sabato 29 novembre, si è conclusa la piccola mostra ospitata nei locali della Casa del Popolo di Pontasserchio, dal titolo Pontasserchio Com’Era: un’esposizione di fotografie e cartoline storiche, oggetti del passato e alcuni vestiti di scena gentilmente concessi dalla Fondazione Cerratelli.
A chiusura della mostra, nel tardo pomeriggio si è tenuto, sempre presso la Casa del Popolo, un dibattito aperto sul medesimo tema: Le Origini di Pontasserchio, dal Miracolo del SS. Crocifisso all’Agrifiera.
Viola Fiorentino, guida turistica abilitata di Pisa e pontasserchiese di adozione, e Don Antonio Ratti, parroco dell’unità pastorale e pievano della chiesa di San Michele Arcangelo, hanno raccontato alcuni aspetti della storia del paese: dal castello di Pons ad Serclum, fortezza medievale oggetto di aspre contese tra pisani e lucchesi, al miracolo del Santissimo Crocifisso, alla conseguente nascita della chiesa di San Michele nonché della fiera di paese, evolutasi fino a diventare oggi la famosa Agrifiera.

Si è parlato poi del mucco pisano, razza bovina locale legata indissolubilmente all’Agrifiera, e dei Prini Aulla Mazzarosa, blasonata famiglia pisana che per lungo tempo abitò la bella villa settecentesca al centro dell’attuale Parco della Pace, distrutta dai tedeschi in ritirata alla fine della seconda guerra mondiale.

E non si poteva non alludere alla torta co’ bischeri, dolce pontasserchiese la cui ricetta è gelosamente custodita dalle signore del paese. A questo proposito,
la Pasticceria Artigiana Dolci ha dato il suo contributo offrendo un generoso assaggio di torta a tutti i partecipanti. La risposta all’iniziativa è stata sorprendentemente positiva, sia per l’affluenza che per l’intervento attivo dei presenti al dibattito.

L’esposizione dei relatori ha così potuto essere arricchita di particolari, approfondimenti, aneddoti, racconti in prima persona di chi magari a Pontasserchio vive ormai da generazioni. Si è così appreso di un ospite illustre del paese, Giuseppe Mazzini, e di un insolito palio che ha avuto ben quattordici edizioni, quello dei ciui.

Abbiamo intrapreso un viaggio a ritroso nel tempo, ricordando una borgata lastricata, un parco non ancora sventrato da strade asfaltate, una Pontasserchio meta di eleganti passeggiate domenicali, grazie al suo teatro e al suo prestigioso caffè.
È stato così raggiunto l’obiettivo primario dell’evento, quello cioè di creare un momento di maggregazione, di confronto, di condivisione di saperi e di esperienze, di una memoria storica che parli sia dei grandi che dei piccoli eventi.
L’auspicio è che altre iniziative del genere seguano quella di ieri, affinché si continui a tramandare la storia e l’identità di Pontasserchio, affinché si torni a porre l’accento su ciò che sta dietro agli stand e alle bancarelle dell’Agrifiera

 


Viola Fiorentino

Fonte: Viola Fiorentino
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/12/2014 - 10:26

AUTORE:
Viola Fiorentino

mi spiace aver appreso proprio il giorno del dibattito della possibilità di scriverne, altrimenti sarei stata più che felice di poter sponsorizzare un evento, oltre che riportare delle informazioni. Informazioni che comunque, anche se in formato pillola, possono costituire perlomeno uno spunto per un approfondimento personale.
Se è interessato, sono ben lieta di fornirLe della bibliografia.
Con l'augurio che quella di sabato non costituisca un'opportunità isolata di riscoprire la storia di Pontasserchio, Le porgo i miei saluti.

30/11/2014 - 19:14

AUTORE:
deluso

cara Viola e cara Redazione, oh che bello venire a sapere ORA che IERI si è svolta una manifestazione...
oh che bello!