none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Ripafratta 14 giugno
Festa della Rocca 2015: centinaia di presenze in due giorni di festa per le bellezze di Ripafratta

15/6/2015 - 19:11

È stata l'edizione della Festa della Rocca più partecipata in assoluto. Ripafratta si è animata con la presenza di centinaia di persone nell'arco di quasi due giorni di iniziative culturali, ricreative, conviviali. Escursioni alla Rocca e sui sentieri del monte (di cui una straordinaria, organizzata sul momento per sopperire alla richiesta), visite al borgo, mercato contadino, biciclettate e traversate del monte, gara di orientamento, e poi gli aperitivi, le rievocazioni storiche, le grigliate nel vicolo medievale, la cena e la chiusura finale sul fiume.

Sono tanti i motivi di soddisfazione, ma ne citiamo due: il primo è il grande interesse mostrato dal pubblico per le nostre bellezze storiche, ambientali, culturali, che abbiamo cercato di illustrare con passione e competenza. L'altro è la bellissima collaborazione di tutte le associazioni che hanno organizzato le varie iniziative, dei nostri straordinari volontari e dei cittadini di Ripafratta che hanno aperto le loro porte, fatto da ciceroni, organizzato piccoli rinfreschi per i visitatori. Il modello è doppiamente vincente, secondo noi. Da una parte, mettere a frutto tutti i tesori che il nostro territorio ha la fortuna di possedere (a volte, “nascosti” o “sconosciuti”) a servizio di un turismo sostenibile ma intenso. Dall'altra, fare tutto questo con le risorse che già ci sono e che vanno solo messe in rete: associazioni di escursionismo e di tutela del paesaggio, di mobilità sostenibile, di sport fluviali, di promozione del buon cibo, storiche, ricreative, culturali e sociali. Sono loro, insieme con i cittadini che si rimboccano le maniche, il nostro vero tesoro.

E già si pensa all'edizione dell'anno prossimo. Non neghiamo di volerci consolidare e ingrandire. Vogliamo diventare un punto di riferimento, coinvolgere tante altre associazioni, inserirci in circuiti come quello di Archeo Slow promosso da Slow Food, nel giugno Pisano, o nel circuito delle rievocazioni storiche. Le strade sono tante, e per Ripafratta l'avventura verso un futuro turistico potrebbe essere appena iniziata.
Ass. Salviamo la Rocca
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: