none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
Ente Parco
Novità in arrivo col nuovo piano di gestione della fauna selvatica nel Parco

22/9/2015 - 12:02

Novità in arrivo col nuovo piano di gestione della fauna selvatica nel Parco

 


Il Consiglio direttivo dell'Ente Parco ha appena aggiornato le direttive del Piano di gestione della popolazione di ungulati (cinghiali e daini) che dovrà essere attuato tra la fine di quest'anno e i primi mesi del 2016.
Il Parco regionale Migliarino San Rossore Massaciuccoli non si è fatto trovare impreparato di fronte alle recenti polemiche sulla gestione degli ungulati che hanno investito l'intero territorio nazionale: sin dalla sua istituzione, l'Ente ha infatti sempre stabilito, attuato e aggiornato periodicamente misure di contenimento che oggi vengono richieste a gran voce da associazioni e politica.Le politiche dell'Ente Parco in materia sono peraltro del tutto conformi a quelle di alcune associazioni ambientaliste, tra cui il WWF Italia, che ha di recente divulgato alcuni orientamenti che vanno nella direzione da sempre intrapresa all'interno dell'area protetta.
Il Parco è una di quelle amministrazioni che hanno cominciato per prime a gestire correttamente la fauna selvatica giacché quest'ultima, quando è in sovrannumero, può arrivare a minacciare la biodiversità, l'integrità degli ecosistemi e i delicati equilibri ambientali.Da anni, pertanto, daino e cinghiale vengono contenuti numericamente nelle varie aree del Parco, con risultati straordinari; quella realizzata all'interno del Parco, nel cuore della Tenuta di San Rossore, è stata inoltre la prima esperienza in Toscana di realizzazione in loco di un centro di lavorazione dei capi abbattuti.
In un contesto già consolidato, la delibera approvata nei giorni scorsi dal Consiglio direttivo del Parco introduce comunque alcune novità non di poco conto rispetto agli anni passati.
Innanzitutto l'organo collegiale di indirizzo e programmazione dell'Ente ha dato mandato al Direttore diintegrare i sistemi di gestione attuati fino ad oggi – ovvero catture ed abbattimenti, che sono effettuati dal personale del Parco – con un approccio innovativo, che consiste nell'affidare a ditte private altamente professionalizzate, secondo obiettivi precisi e misurabili, il controllo degli ungulati in sovrannumero, similmente a quanto già avviene nel caso della corretta gestione forestale, in cui gli enti proprietari dei boschi si affidano a soggetti privati che dispongono di apposite figure professionali ed hanno specifiche regole da seguire, attrezzature idonee e garanzie sulla sicurezza.Questa novità assoluta permetterà di raggiungere agevolmente gli obiettivi previsti – perché nel caso in cui non fossero raggiunti i risultati attesi, le ditte non saranno retribuite – a partire dalle aree a gestione militare presenti nel Parco e, allo stesso tempo, consentirà a personale del Parco di concentrarsi sulle aree più delicate e di essere utilizzato anche per azioni di tutela ambientale diretta.
In secondo luogo, il Direttore del Parco ha avuto ancora mandato dal Consiglio direttivo di valutare di affidare ad un soggetto privato la gestione del centro di lavorazione nella Tenuta di San Rossore, in modo tale da massimizzarne l'efficienza e, di conseguenza, la capacità dell'Ente Parco di dare linfa a filiere virtuose con la commercializzazione e valorizzazione della carne selvatica, di grande qualità anche dal punto di vista alimentare.
Saranno inoltre rafforzati i contatti e la collaborazione con gli enti provinciali e con gli ambiti territoriali di caccia, affinché l'attività svolta nelle aree esterne al Parco ed in quelle contigue, sortisca effetti migliori:esistono infatti punti di confine, come la zona della bonifica di Vecchiano, in cui l'eccessiva presenza dei cinghiali viene imputata al Parco laddove è invece evidente, in ragione del fatto che l'autostrada è un limite invalicabile, che questi animali provengono dalle aree collinari e montuose esterne dal Parco. Grazie ad una simile collaborazione potrebbero migliorare le condizioni in cui gli agricoltori di tali luoghi si trovano ad operare.
Sia chiaro: l'Ente non abbatte gli animali per farne un business: l'auspicio è infatti che la conservazione dell'ambiente possa garantire il ristabilirsi di una più completa catena alimentare, nella quale i predatori riescano a contribuire al controllo delle popolazioni di ungulati, come dovrebbe avvenire in tutte le aree protette. Nel momento in cui però è costretto a farlo per ovvie ragioni ambientali, è tenuto a utilizzare la loro carne conformemente alle norme in materia sanitaria e fiscale, dando quindi il giusto valore all'attività svolta e garantendo agli operatori economici grandi opportunità anche in termini di tradizione gastronomica e qualità alimentare.D'altronde, l'alternativa al quadro di legalità che l'Ente offre al consumatore, è spesso la carne dei selvatici che arriva nei ristoranti venduta al nero da cacciatori che la trattano, tra l'altro, senza alcun controllo sanitario.











Fonte: Enrico Lippi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/9/2015 - 15:40

AUTORE:
F.C.

Ogni tanto, ma per fortuna,ci sono persone come Isabella che pongono all'attenzione di tutti alcuni problemi veri che riguardano il Parco Naturale Migliarino-Massaciuccoli-San Rossore. Negativo l'atteggiamento assente di tanti forumisti su argomenti che invece dovrebbero suscitare interventi. La gestione sempre più burocratica e poco partecipata dei cittadini danno spazio a decisioni e programmi spesso non comprensibili, insomma il Parco è sempre più percepito come un grande carrozzone che consuma denaro pubblico. Sarebbe utile che Partiti, Comuni e cittadini facessero il punto partendo dalla legislazione vigente, gestione e sopratutto alle finalità a cui il Parco dovrebbe rispondere.

22/9/2015 - 16:02

AUTORE:
Isabella

"Da anni, pertanto, daino e cinghiale vengono contenuti numericamente nelle varie aree del Parco, con risultati straordinari" ecco l'auto-applauso dell'Ente Parco MSM!!!!!.Purtroppo il numero degli ungulati (daini e cinghiali) é sempre piu in aumento, lo dicono i dati e gli ingenti danni effettuati nelle coltivazioni agricole di questi ultimi anni.

Siamo arrivati al paradosso che l'Ente parco non é piu in condizione di poter gestire questa sovrapopolazione di ungulati e debba far ricorso presso aziende private per il prelievo di questi ungulati, tutto cio senza cercare un accordo o collaborazione con i proprietari e cacciatori della zona.

L'"auspicio è infatti che la conservazione dell'ambiente possa garantire il ristabilirsi di una più completa catena alimentare, nella quale i predatori riescano a contribuire al controllo delle popolazioni di ungulati, come dovrebbe avvenire in tutte le aree protette" nella stessa comunicazione l'Ente Parco si contraddice e i cosidetti "risultati straordinari" non sono forse cosi straordinari come gli piacerebbe credere.

Oltre a questa triste constatazione, sarebbe interessante sapere quanto l’Ente parco ha ricevuto in tutti questi anni come sussidi (tasse) dalla Regione Toscana, dallo Stato Italiano e dalla Comunità europea, e come questi sussidi sono stati spesi per la semplice amministrazione e quanti per i prelievi degli ungulati. Purtroppo le spese sul sistema amministrativo e burocratico del Parco non hanno fatto altro che crescere andando a scapito dei prelievi degli ungulati.