none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . di San Frediano vincitore .....
I M5S e le destre ci vogliono divisi.

E’ certo .....
. . . la stima verso se stessi lascia il tempo che .....
. . . devo ringraziare l'amico Beppe di T. che stamattina .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


. . . che restano nel porto per paura
che le correnti le trascinino via con troppa violenza.
Conosco delle barche che arrugginiscono in porto
per .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Chi lascia fare e s'accontenta...
Le Madamadorè

18/10/2015 - 12:27


Chi lascia fare e s’accontenta …gode?

In una sola frase si storpia una frase di Pavese e un vecchio adagio.

Si comincia già male.

Comunque il vecchio adagio non diceva proprio così, ma è proprio quello il punto, chi lascia fare si accontenta di cosa?

Di stare a giudicare, di fare come la civetta sull’albero a cantare, o di stare sulla riva del fiume in attesa di veder passare i danni? Certo c’è anche l’opzione, lascio fare per scelta e son davvero contento e allora è tutto a posto…o quasi. Infatti lo dice anche una canzone di Ligabue…chi si accontenta gode, così così…

Chi lascia fare e s’accontenta…beh, non guardate me, perché questa frase non mi rappresenta.

Si potrebbe dire, bene, questo vuol dire impegno, dinamismo, soddisfazione, e magari stima per quello che fai.

Si potrebbe dire…ma la realtà è ben diversa.

Se non lasci fare e quindi non ti accontenti vuol dire che ti rimbocchi le maniche e ti butti nella mischia, provi a sporcarti le mani, e che ci vuole?L’ho sempre pensato, l’ho sempre fatto…ma un conto è nella vita privata, e un conto è farlo fuori.

 

Solitamente se non ti accontenti cominci col partecipare a qualche iniziativa, a prender parte a qualche gruppo e cominci ad osservare per capire, poi inizi a parlare, magari a domandare o a proporre qualcosa…riposizionamenti, cambiamenti, aggiustamenti dal tuo punto di vista. Inizia la discussione, ma inizia anche un percorso ad ostacoli, dove non è detto tu sia apprezzata, anzi magari gli fai un regalo se stai a casa.

Come dice quel detto?

In tre si decide bene, soprattutto se uno è malato e l’altro non viene!

 

Ma voglio provare ad essere “scientifica” rispetto al percorso ad ostacoli, e ne dico quattro

 

1 non sempre si parla veramente del tema scelto, spesso è un braccio di ferro per regolare vecchie ruggini, e tu che sei nuovo non capisci niente ed è per questo che molte discussioni sono infinite e sfinenti ( tipo giorno della marmotta, si rivive sempre la stessa scena)

 

2 resti affascinato dalla capacità di qualcuno di  fare grandi discorsi senza arrivare a dire nulla di importante, come se fosse uno spettacolo, lo spettacolo dell’io ( tipo la supercazzola)

 

3 c’è sempre un equilibrio che il nuovo entrato rompe, nel vero senso del termine, anche a sua insaputa, perché spesso è un equilibrio fragile, che maschera insoddisfazioni inespresse o sopite, che non aspettano altro che un piano inclinato per prendere la forza di scivolare, e di solito il nuovo entrato fa proprio quello, rende il piano inclinato

 

4 in ogni posto c’è un capo, un leader, chiamatelo come vi pare, che ha lavorato molto per costruire un equilibrio e vede ogni nuovo entrato come una risorsa/pericolo. Una risorsa se sta dalla sua parte, se entra leggero senza inclinare il piano dalla parte opposta alla sua, se non ha una personalità forte, se non gioca a mettersi in mostra, se non si frappone, e se non si contrappone.

È un pericolo se dice pane al pane e vino al vino, se parla in maniera diretta, se fa domande impertinenti, se ingenuamente svela qualche falla del sistema, se resiste e insiste, se non ha niente da pretendere o da ambire, se ti mette in crisi ricordandoti quello a cui hai rinunciato e dimenticato in un angolo. Se ti ricorda di ricordarti chi eri.

 

Mi fermo qui. Mi accontento di quello che ho detto. Certo è, che purtroppo questo non è solo e soltanto frutto di una mia avventura, è frutto anche di analisi di sociologia dei gruppi.

 

Il punto 1 risente della difficoltà di tenere separati i piani della discussione  a favore del raggiungimento dell’obiettivo che unisce le persone, sia quello che sia. Risente della capacità di passare oltre, di non legarsi tutto al dito, di non far passare l’obiettivo prefissato in secondo piano.

Il punto 2 è difficilmente modificabile dato che risente della personalità del singolo, dalla capacità che ognuno ha di gestire il proprio ego. E mentre lo scrivo mi accorgo che questa capacità inficia tutti i punti e che è una capacità sempre meno curata.

I punti 1 e 2 sono anche quelli che possono far desistere il nuovo arrivato, chi si affaccia per la prima volta ad una discussione e pensa subito di essere fuori luogo e fuori posto, ascolta ma non comprende, intuisce che nel dire si voleva intendere altro ma non capisce che cosa. Si sente goffamente parte di un insieme preciso, ordinato, in cui ognuno sa precisamente cosa dire, idee chiare…c’è tutto un implicito che nessuno ti svelerà mai.

Il punto 3 è praticamente inevitabile.

Il punto 4 è quello più denso, parla di potere, piccolo o grande che sia poco importa, suscita le stesse dinamiche, cambiano i pesi. Parla del potere che accumula chi occupa posti per anni e anni, provocando distorsioni … quel posto diventa casa tua, le cose che maneggi diventano come di tua proprietà. Una giusta alternanza, farsi da parte, occupando altri ruoli, restando una risorsa, sostenendo e aiutando a crescere altri che dopo di te proseguiranno su quel sentiero, quello è il vero obiettivo.

Moltiplicare la sensibilità per quel tema specifico, tenere viva la cultura della partecipazione ad un bene sociale, costruire una comunità viva e attiva, dare fiducia e aprire spazi alla libera espressione di tutti, creare esempi concreti di cooperazione e inclusione, di condivisione e  costruzione di un NOI vero e autentico.

Tutto questo non è un dato scontato, né tantomeno esiste in natura, né può essere una eredità da raccogliere e basta. Tutto questo fa parte di un progetto da costruire e far crescere attraverso tanti  nuovi entrati e tanti nuovi inizi.
La partecipazione è fatica perché impegna tempo e risorse, richiede sforzo di comprensione ed umiltà, curiosità  ed entusiasmo, passione per le relazioni umane

 

E si torna alla domanda iniziale, chi lascia fare e s’accontenta…gode? Penso che abbia ragione Liga, così così… 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: