none_o


 La notizia è di pochi giorni fa e ha lasciato a bocca aperta il grande pubblico; ma non gli addetti ai lavori.  Uno studio del Centro tedesco Helmholtz per la ricerca oceanografica GEOMAR, di Kiel, pubblicato sulla rivista Science Advanced, fa sapere che il nostro Etna, il vulcano più grande d'Europa, sta scivolando lentamente nelle acque dello Ionio....

Vecchiano: Percorsi Partecipativi
none_a
Invito
none_a
Teatro del Popolo Migliarino 26 ott.
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Applicati, leggi meglio. Sono daccordo con loro per .....
. . . morire in conoscenza sia il miglior viatico per .....
Bomba I
bomba II
e giggetto pupazzo perfetto

ASPETTIAMO .....
Tiri in ballo me, ma fai cilecca. La risposta "nel .....
I luoghi dell'eccellenza gastronomica
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Ass. La Voce del Serchio
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Parrocchia Madonna dell'Acqua
none_a
Circolo Il Fortino di Marina di P.
none_a
Fiab Pisa
none_a
San Giuliano, 21 ottobre
none_a
Palaia
none_a
ASBUC Migliarino, 19 ottobre
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Pontasserchio
none_a
Pappiana
none_a
COMUNICATO MIGLIARINO VOLLEY 1984
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Il giorno sabato 22 ottobre, dalle ore 9 alle ore 12, a San Giuliano Terme, in Piazza Italia,
GAZEBO LEGA . . . per un'iniziativa veramente interessante .....
Teatro Rossini - Pontasserchio, 29 novembre
FESTA DELLA TOSCANA
in ricordo dell'abolizione della pena di morte avvenuta nel 1786

28/11/2015 - 14:28

30 NOVEMBRE 1786: LA TOSCANA ABOLISCE LA PENA DI MORTE.
AL ROSSINI LO SPETTACOLO “LA MEDICINA DEL DOTTOR GIACONI”
 
Quest’anno ricorre la quindicesima edizione della Festa della Toscana, introdotta nel 2001 come ricorrenza dell’abolizione della pena di morte avvenuta il 30  novembre 1786 ad opera del Granduca di Toscana Pietro Leopoldo.
La pena di morte venne abolita nel Granducato di Toscana con l’articolo 51 della riforma penale voluta da Pietro Leopoldo, protagonista di una stagione ricca di riforme: “Abbiamo veduto con orrore con quanta facilità nella passata Legislazione era decretata la pena di Morte per Delitti anche non gravi, ed avendo considerato che l'oggetto della Pena deve essere la soddisfazione al privato, ed al pubblico danno, la correzione del Reo figlio anche esso della Società e dello Stato, della di cui emenda non può mai disperarsi, la sicurezza nei Rei dei più gravi ed atroci Delitti che non restino in libertà di commetterne altri, e finalmente il Pubblico esempio; che il Governo nella punizione dei Delitti, e nel servire agli oggetti ai quali questa unicamente è diretta, è tenuto sempre a valersi dei mezzi più efficaci col minor male possibile al Reo ...avendo altresì considerato, che una ben diversa Legislazione potesse più convenire alla maggior dolcezza, e docilità di costumi del presente secolo, e specialmente nel popolo Toscano, Siamo venuti nella determinazione di abolire come Abbiamo abolito con la presente Legge per sempre la Pena di Morte contro qualunque Reo...” .
La Toscana conquistava così un primato che nessuno mai potrà contenderli: quello di essere stato il primo Stato ad aver abolito la pena di morte e con essa l’uso della tortura e delle mutilazioni delle membra. Pratiche al tempo applicate da tutti i governi ma che il granduca riteneva “conveniente solo ai popoli barbari”. Ricordo che pochi anni prima della riforma, nel 1864, proprio in Toscana (per la precisione a Livorno dall’editore Massimo Coltellini) era stato pubblicato per la prima volta il trattato “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria, opera che criticava appunto la pena capitale.
La Festa della Toscana vuole essere l’occasione per meditare sulle radici di pace e di giustizia del popolo toscano e per coltivare la memoria della sua storia. Tutti noi, semplici cittadini e istituzioni, dobbiamo sforzarci di attingere a quella tradizione di diritti e di civiltà che nella nostra regione hanno trovato forte radicamento e convinta affermazione e consegnare alle future generazioni il patrimonio di valori civili e spirituali che rappresentano la sua originale identità. La Toscana deve tornare protagonista e lo deve fare superando i limiti che si siamo imposti e che ci hanno imposto. Sono convinto che si debbano avviare percorsi di condivisione e compartecipazione tra amministrazioni e cittadinanza: solo così possiamo sconfiggere la sfiducia e il senso di smarrimento di questo periodo storico.
Per celebrare la Festa della Toscana l’appuntamento è domenica 29 novembre, alle ore 17.30, al teatro “G. Rossini” di Pontasserchio con lo spettacolo “La medicina del dottor Giaconi”: una rivisitazione di storie del territorio sangiulianese a cura della Filarmonica San Giulianese, dell’associazione Il Gabbiano, dell'’ASD Artistica di Pontasserchio e del circolo LaAV di Pisa. Parteciperanno allo spettacolo, con ingresso ad offerta, i bambini e i ragazzi della scuola primaria “M. D. Verdigi” di Pontasserchio.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: