none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Pisa
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Pontasserchio, 11 febbraio
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Ente Parco
Storico accordo col CAI: nascono i primi sentieri segnalati del Parco

4/12/2015 - 12:47


Storico accordo col CAI: nascono i primi sentieri segnalati del Parco
Obiettivo è mettere in rete gli itinerari dell'area protetta da nord a sud
Il Parco naturale Migliarino San Rossore Massaciuccoli non ha mai avuto, nei suoi oltre trentacinque anni di esistenza, un sentiero segnalato con i tipici colori del Cai (Club alpino italiano), associazione che ha per legge specifiche competenze sul tema della sentieristica: nessuna ufficialità, dunque, per i percorsi esistenti nell’area protetta regionale e, soprattutto, nessuna “riconoscibilità”.
Nei giorni scorsi l’Ente Parco ha messo fine a questo anacronismo, adeguandosi a quanto già avviene nelle altre aree protette italiane e siglando così uno storico accordo proprio col Cai grazie a finanziamenti dell’Accordo di programma per la progettazione dello sviluppo dell’area costiera Pisa-Livorno, che prevedeva anche azioni di valorizzazione ambientale ed aveva quale obiettivo la messa in rete di varie porzioni del territorio di queste due province.Il Cai collaborerà con l’Ente con la predisposizione di un progetto per larealizzazione, nella zona a sud dell’Arno, di una parte della rete di sentieri “segnalati” del Parco, con l’obiettivo di arrivare, in quella porzione di area protetta, ad un vero e proprio piano regolatore della sentieristica e della viabilità minore con indicazione dei percorsi escursionistici meritevoli di segnatura, che tenga conto delle valutazioni ambientali in merito all’apertura di un sentiero ed alla posa in opera dei segnavia.
Le attività si concentreranno in particolare a Coltano, dov’è già possibile ipotizzare, sfruttando i sentieri già esistenti e riaprendo quelli poco battuti, un unico itinerario in direzione nord-sud con varie diramazioni, per il quale l’Ente sarà in grado di garantire nel tempo un’adeguata manutenzione, e a Tombolo, dove dove il Parco gestisce gli estesi boschi di proprietà dell’Università di Pisa.
Intenzione dell’Ente è infatti permettere in futuro l’attraversamento nord-sud del Parco regionale, che vada da Viareggio fino alla provincia di Livorno, e ancora dai Monti pisani fino al mare. Nel progetto saranno incluse eventuali proposte di fruizione e di posizionamento di strutture utili agli utenti (come panchine, aree picnic, etc.), ed è previsto un collegamento con Collesalvetti, nella più ampia prospettiva che si è aperta nei mesi scorsi con la presentazione della rinnovataproposta di estensione della Riserva della biosfera ai comuni esterni all’area protetta.Nel frattempo, in queste settimane l’Ente Parco sta procedendo all’adeguamento ai requisiti Cai dei cinque sentieri già presenti nella Tenuta di San Rossore, così da compiere un ulteriore passo nella direzione di una rete di sentieri completa e ben identificabile: l’ultimo tassello riguarda l’individuazione di finanziamenti per uniformare alle direttive Cai anche i sentieri nella parte a nord del Serchio.
La rete sentieristica italiana, ricchissima di storia e di vita, è una delle più ampie d’Europa; il Cai ha riconosciuto, con la sua tipica segnaletica bianca e rossa, circa 60mila chilometri di itinerari di questo immenso patrimonio culturale che attraversa e accomuna montagne, pianure e coste, e che confluirà nel Catasto nazionale dei sentieri, la cui nascita è stata ufficializzata nel mese di novembre con il “Protocollo di intesa per la valorizzazione della rete sentieristica e dei rifugi montani per un turismo sostenibile e responsabile”, firmato dal ministero dei Beni culturali e del Turismo e, appunto, dal Cai.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/12/2015 - 15:28

AUTORE:
Nichiren

'l’ultimo tassello riguarda l’individuazione di finanziamenti per uniformare alle direttive Cai anche i sentieri nella parte a nord del Serchio.'

La parte dimenticata e considerata meno nobile del Parco, quella sempre in biblico fra protezione della natura e sfruttamento.
Mentre la parte di S.Rossore appare più protetta quella a nord del Serchio sembra vulnerabile, dove gli esercizi commerciali, la speculazione edilizia e le amministrazioni confinanti non abbandonano l'idea di eroderla, di utilizzarla ai propri fini, non certo in difesa della natura.