none_o

La Sanità Toscana sta vivendo un periodo di grande crisi e i Pronto Soccorso sono prossimi al collasso. Paramedici che fuggono e medici che non si trovano rendono la situazione drammatica a cui si aggiunge il ricorso improprio ad una struttura d’urgenza per cause banali e la nuova maleducazione dei pazienti.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . si agghengano alle comunali e vincono sempre .....
A vendere fandonie a chi vota in una certa maniera .....
. . . . il comune pagasse la manutenzione della Via .....
. . . un caso. Le rotonde sono a carico di Anas, .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
di
Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
Di Umberto Mosso (a cura di BB Red, VdS)
none_a
di Michele Curci - Coordinatore comunale Forza Italia Cascina
none_a
di Umberto Mosso (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
SAN GIULIANO
Oggi più che mai: “Si scrive acqua, si legge democrazia”

19/3/2016 - 15:25

Stravolta la legge sull'acqua pubblica e il referendum del 2011

 

La via (d'acqua) che porta dal referendum per l'acqua pubblica del 2011 allo scempio della volontà popolare che si fa in questi giorni è lunga e tortuosa.

Ma il punto, ovvero il problema non è questo. Il problema è il senso di smarrimento, di ubriachezza, che lega molti attori politici capaci di trovarsi nel volgere di qualche anno da una parte all'altra dello steccato. Votare ieri per il Sì, per la difesa del bene comune ACQUA, e determinarne oggi democraticamente la svendita (col significato triviale che hanno lasciato assumere all'aggettivo democratico). Quell'apertura alla partecipazione privatistica (di quei privati-squali che puntano all'acqua in Italia come altrove nel modo fregandosi le mani e pregustando lauti guadagni) inserita quasi distrattamente negli emendamenti presentati presso la Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera ha il sapore autentico del tradimento, del sabotaggio.
 
Eppure non spaventa. Almeno fino a quando l'attenzione mediatica attorno al tema saprà convogliare la forza di quegli elettori referendari a una strenua difesa di un bene che è anche un principio di vita. 

Spaventa invece la rassegnazione con cui si accetta e giustifica il voltagabbana in questione. Ne abbiamo sentite di tutti i colori; dal classico "è l'Europa che ce lo chiede" al più ilare "l'affidamento andrà prioritariamente al Pubblico".

Spaventa registrare che in comuni virtuosi, sedi della cittadinanza e del diritto, le società private che gestiscono il servizio (ma che in soldoni maneggiano il grande rubinettone della fornitura) continuano imperterrite a piombare i rubinetti dei morosi ignorando le leggi sul quantitativo minimo e smantellano le fontane pubbliche (proprio quelle usate dai più poveri e dagli ultimi).

Si potrebbe cogliere un segnale nefasto da tutto questo. Il segnale che nemmeno più la democrazia diretta è degna di essere rispettata e presa in considerazione, quando non direttamente e supinamente rispettata!

Cos'altro dovrebbero fare i cittadini per esprimere con chiarezza la loro volontà e vederla esaudita?

Non è forse l'ora di tornare sui propri passi e imparare a farsi servizio e sostegno a tutti?

L'auspicio è quello di tornare ad inquadrare, con lungimiranza, i campi dove la difesa e il sostegno del "pubblico" sono risultati imprescindibili e tornare a mettere davanti ad ogni cosa l'interesse collettivo come motore delle scelte politiche più disinteressate.

 

Michele Antognoli, consigliere comunale L'Altra San Giuliano

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

19/3/2016 - 16:34

AUTORE:
Nannetti

Io voglio il vino pubblico Michele. Puoi farci qualcosa?