none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
Il Gruppo di San Rossore
Riserva della Biosfera
di Carlo Galletti

24/3/2016 - 12:08

Riserva della Biosfera “SELVE COSTIERE DI TOSCANA”:
l’UNESCO premia la nostra costa ma la Regione se n’è accorta?
 
Giornata di festa oggi a San Rossore dove nove comuni appartenenti a 3 province si sono riuniti insieme al Parco Migliarino – San Rossore – Massaciuccoli per annunciare e commentare il rinnovo – con consistente ampliamento della superficie – della Riserva della Biosfera da parte dell’UNESCO, l’agenzia ONU per l’Educazione, la Scienza e la Cultura.
Un rinnovo per nulla scontato, per il quale altre realtà regionali stanno faticando, ottenuto grazie al lavoro del Parco e dei comuni, metà dei quali: Lucca, Capannori, Collesalvetti e Calci, non fanno parte del Parco, a differenza degli altri 5: Pisa, Viareggio, Vecchiano, Massarosa e San Giuliano Terme, che sono già compresi nell’area protetta regionale, e in alcuni casi hanno notevolmente ampliato il territorio destinato a Riserva della Biosfera.
Dato importante non solo quello tecnico, con un lavoro approfondito di documentazione svolto dagli uffici coordinati dal Parco, ma al contempo quello politico, con un’adesione alla richiesta di rinnovo/ampliamento discussa e approvata nei vari Consigli Comunali e nelle Giunte che stamani hanno fatto sentire una voce concorde e appassionata per la difesa e il rilancio del territorio nel nome della conservazione delle emergenze ambientali e storico-culturali, del turismo, dell’agricoltura di qualità.
Grande assente invece il livello politico della Regione Toscana che non ha sentito il bisogno di far partecipare nessun Assessore, Consigliere o rappresentante della Presidenza, né di inviare messaggi di solidarietà o incoraggiamento di qualsiasi tipo. La stessa Regione che, nel riorganizzare le aree protette le sta dimezzando grazie all’abolizione delle ANPIL (mentre a livello internazionale, con la convenzione sulla Biodiversità, se ne chiede il raddoppio); Regione che non ha ancora definito neppure un budget minimo per la Aree Protette che sopravvivranno alla sua riforma (Parchi e Riserve Naturali), mentre alcuni assessori dichiarano guerra a queste istituzioni promettendo di consegnarle in mano ai cacciatori; Regione infine che sta smantellando la vigilanza ambientale volontaria delle associazioni ambientaliste, con un progetto di destinazione dei fondi alle associazioni venatorie.
Chiare scelte di campo, in cui sembra che lo spazio per la valorizzazione del territorio stia solo in qualche isolato proclama e nel denunciare emergenze fittizie: cinghiali, nutrie o piccioni, rinunciando a quel ruolo organizzativo e propulsivo che ormai è un ricordo di qualche legislatura – e presidenza – passata.
L’augurio è che questa sia solo una sensazione, dovuta a un caos legislativo e amministrativo momentaneo, e che il ruolo che in altre epoche ha visto la nostra Regione protagonista di un sistema originale di governance delle emergenze naturalistiche del territorio, possa essere presto recuperato e rilanciato.


Pisa, 23 marzo 2016

 
Carlo Galletti, rappresentante uscente delle associazioni ambientaliste nel Consiglio del Parco Migliarino – San Rossore - Massaciuccoli

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: