none_o

Se la guerra si dovesse decidere in televisione probabilmente sarebbe una guerra infinita, stante le diverse e spesso divergenti opinioni. Su tutto, sulle cause, le strategie, le soluzioni. Ma ogni opinione è di per sé, per definizione, rispettabile, se non presa per interesse personale o strategia politica. Ognuno ha il diritto costituzionale di esprimere la sua evitando sempre di offendere gli altri.

La saluto affettuosamente senza improperi…non mi .....
. . . . . . . . . . . . . . . tu sia indottrinato .....
. . . . trovatene uno bono, ne hai immensamente bisogno. .....
Apprezzo l’impegno, ma il risultato è scarso, .....


Quando la poesia chiama bisogna rispondere.

(di Nadia Chiaverini)


Credo che nascondere o modificare il proprio corpo che invecchia, faccia parte di un agire - imparato - che non vuole farci accedere con agio alla saggezza dell'invecchiamento.


Quando ero bambina aspettavo con entusiasmo la seconda domenica di maggio perché era la festa della mamma e coincideva con quella del paese di Migliarino dove vivevo con la mia famiglia.

Giovanni Frullano eletto segretario all’unanimità
none_a
Sinistra Civica Ecologista–Sinistra Italiana–Europa Verde Verdi
none_a
L'opinione di LILLY CAMOLESE
none_a
dal web (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Teresa Bellanova, Senatrice della Repubblica Italiana
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
MIgliarino-Vecchiano calcio
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Sentirsi come zolla di terra appena arata e accogliere i semi portati dal vento per sperare sempre in nuove messi.
Ho apprezzato moltissimo che qualcuno abbia sentito il bisogno di far conoscere la scritta di un probabile spacciatore-tossicodipendente poeta presso la .....
Parco di San Rossore
A cura di Rifondazione Comunista Pisa e Una città in comune

6/9/2016 - 20:56


Parco di San Rossore: le dispute interne al PD lo mettono a rischio. Affrontare le vere ragioni del degrado è l’unica strada per valorizzarlo

A cura di Rifondazione Comunista Pisa e Una città in comune

 
 L’inadeguatezza della classe dirigente del PD della nostra Regione da un lato e la propensione all’uso mercantile del Parco dall’altro portato avanti in questi anni dallo stesso Partito Democratico rischiano di mettere in grave crisi, più di quanto non lo sia già, il sistema delle aree protette e in particolare il Parco Regionale di Migliarino San Rossore Massaciuccoli.
L’ennesima asprissima polemica di questi giorni scaturita dalla sciagurata gestione del rinnovo della cariche istituzionali del Parco ne è un chiaro indice, ma non l’unico.
Con la gestione appena conclusasi abbiamo avuto non pochi motivi di profondo dissenso: dalla Route nazionale dell’Agesci, alla manifestazione dell’Endurance degli sceicchi, alla recentissima e inaccettabile decisione di aumentare la militarizzazione del parco concedendo maggiori possibilità di esercitazione alla Folgore con la scusa della vigilanza. Per cui lungi da noi quindi voler difendere la gestione Manfredi-Gennai, a cui non abbiamo mai risparmiato critiche.
Ma quanto abbiamo già denunciato al momento del rinnovo del Presidente, assume oggi dei contorni ancora più chiari ed evidenti: la gestione del Parco di San Rossore viene intesa dal PD come mera riserva di incarichi da distribuire, poltrone da gestire nell’ambito degli equilibri interni su scala regionale, con modalità che speravamo ormai di aver lasciato alla Prima repubblica.
Da quanto emerge dalle varie dichiarazioni, il consiglio direttivo del Parco non è stato coinvolto nella decisione ma solo informato a giochi fatti contrariamente a quanto previsto dallo stesso statuto. Si è proceduto con una decisione improvvisa e non preparata, pregiudicando la possibilità di un passaggio di consegne nel segno della continuità amministrativa, fondamentale vista la fase di difficoltà appena attraversata.
Tutto questo dimostra l’inadeguatezza di fondo degli amministratori del PD. Quando il consigliere regionale Mazzeo dichiara: “… il nostro unico interesse è quello di avviare un percorso per permetterne la crescita e lo sviluppo nel rispetto dell’ambiente che lo caratterizza… ” dimostra di non sapere nulla degli obiettivi di un’area protetta, della storia del Parco e della sua importanza per il valore ambientale e naturalistico dei suoi ecosistemi, a prescindere dalla loro valorizzazione economica. La compatibilità ambientale dell’economia va cercata fuori, negli ambienti che il PD vuole distruggere con le sue grandi opere (Tangenziale Nord Est) mentre nel Parco l’ambiente è la ragione fondamentale e costitutiva.
Con la creazione di quest’area protetta è stata scritta una delle pagine più belle della protezione della natura in Italia: una pagina che l’incuria, l’ignoranza e soprattutto gli appetiti economici e politici vogliono evidentemente cancellare.
Quello di cui il Parco ha bisogno è una chiarezza politica nell’indirizzo strategico da parte della Regione e della Comunità del Parco. Difesa e ripristino degli ecosistemi (erosione costiera in primis),  maggiore fruizione diffusa e consapevole, serio investimento nella gestione: a distanza di vent’anni dai Piani di Gestione ancora poco di quanto previsto è stato fatto. Se non si affrontano seriamente i veri problemi dell’area protetta, tra non molto i prescelti, per curriculum o per affiliazione, si siederanno sulle macerie del parco.

 Partito della Rifondazione Comunista - Sinistra EuropeaFederazione di Pisavia Giovanni Battista Picotti, 19 - 56124 PISA

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri