none_o

 Alcuni mesi fa, durante una assemblea dell'associazione La Voce del Serchio, fu proposta l'idea, da parte di alcuni soci cicloamatori, di fare qualcosa per la pista ciclabile Puccini, cercando di sollevarla dalle condizioni di oblio e degrado in cui versa attualmente, dopo esser stata molto decantata e utilizzata per varie inaugurazioni in tempi propizi. L'origine del progetto....

Anniversario
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Per non dimenticare
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Ebbene si! Prima del Job's Act i lavoratori delle aziende .....
Prima del Job's Act i lavoratori delle aziende sotto .....
comincia il mondiale!

che strana sensazione di lutto!

non .....
Mi dici quali erano le tutele crescenti per i lavoratori .....
Esperienze di viaggio
none_a
La Natura vista da Simona Tedesco
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 22 aprile
none_a
Agrifiera di Pontasserchio, 21 aprile
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


  • GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE

      Una domenica un poco strana il 25


    Anche per quest’anno la GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA LINGUA MADRE, evento che il G.U.T. (Gruppourturatoscana) porta in giro nella zona pisana, ed oltre, sarà ospite dell’ASBUC di Migliarino 


COME UN SASSO NEL FIUME


Resto in silenzio ad aspettare te,
a contemplare il tuo tenero viso,
i tuoi occhi candidi, dolcissimi,
semplici che .....
A Migliarino Pisano Viale dei Pini lato Salviati affittasi appartamento arredato di 90 mq. sviluppato su unico piano composto da Ingresso indipendente .....
Libri
Le emozioni letterarie di Lily

4/4/2017 - 21:24

Il nostro vivere emozionale con i cani, compagni del nostro percorso esistenziale, si trova in molti libri. Da quelli mirati al facile successo editoriale come “Io e Marley”, che si basa sulla tenerezza suscitata dalle imprese del grosso labrador, protagonista assoluto del libro (questa razza tra l’altro è diventata un vessillo del “possedere umano“) e quelli in cui i cani sono invece parte di una storia, fatta di esseri viventi, di scelte, di dolori, di guerra e di pace. Del nostro stare con i piedi e con le zampe in questo mondo e condividerne il fluire. Il primo cane che si trova nel mezzo di una storia è Immacolatella dell’ “L‘isola di  Arturo“.

Arturo Gerace condivide con lei la solitudine dell’abbandono parentale e quel suo crescere inquieto. Imma rappresenta l’abbraccio consolatorio quasi materno. Poi ci sono i cani di Romana Petri. Quelli che mi appartengono idealmente. Duarte che annusa il vento sotto la porta, riconoscendovi l‘odore sconfinato della libertà. (Donna delle Azzorre) e Vinciguerra, sfrenato e selvaggio, furioso con il mondo come se prevedesse l’alito violento che investirà la sua famiglia. (Per tutta la vita). Infine il racconto che per primo mi ha fortemente emozionato “Padrone e cane“ di Thomas Mann. Sembra la descrizione di un rapporto rigidamente padronale ma fra le pieghe il cane Bauchan viene fuori con tutte le sue sfaccettature animali, quelle che lo rendono unico, irripetibile, in completa autonomia dall’uomo, dal suo volere assoggettante. Io sono così, veniamoci incontro.

 

Se il mio cane potesse esprimersi anche con le parole mi direbbe:

Non mi esibire e quando ti chiedono di che razza sono digli “cane” e a quel tuo conoscente che ti ha detto che hai fatto un’opera buona a prendermi digli che eri tu ad aver bisogno di me. Certo l’opera buona non l’ha fatta lui che si è allevato un cane “educato“ alla completa sottomissione. La storia del capobranco lasciamola alla natura. Io e te camminiamo insieme nel nostro vivere comune. La mia libertà di cane mi dice di fare le buche, sotterrare le mutande se ci riesco, e ringhiarti se mi fai incazzare. Poi ti voglio bene perché te lo meriti. Naturalmente ne voglio di più a tua figlia perché so che è la persona più importante per te. Ti lascio passare il fatto che non mi permetti di leccare i bambini e che non rispondi mai al tuo amico veterinario che dice che sono un cane difficile e fa le battute sul fatto che sono sempre vivo. Tanto lo sa anche lui che è meglio farmi il vaccino fuori dall’ambulatorio, perché altrimenti come minimo gli ci piscio dentro. Anche il guinzaglio ti concedo, per la salute degli altri cani e poi via, mica tutti vogliono animali tra i piedi! Sono il tuo cane ideale, senza dubbio!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: