none_o


Una chiacchierata col neo-presidente Paolo Burba in questa fase di avvio di una nuova gestione. Alcune linee di indirizzo sono già ben chiare in attesa di valutare i documenti e proporre strategie per una nuova conduzione che molti sperano si discosti dalla precedente. Gli auguri della Redazione al nuovo Comitato.


*«e dicesi di coloro, che, dopo 'l fatto, dicono .....
Finalmente, con oltre un mese di ritardo, è stato .....
. . . che Cris. . . to sei?
Se le amministrazion facessero i controlli dovuti le .....
VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA

NON ABBIATE PAURA DI AVERE CORAGGIO

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


2 associazioni che vedono le donne protagoniste di molte iniziative e attività, in modo discreto e silenzioso. Un'operosità importante per tanti in maniera diretta, e indirettamente per tutta la comunità, perchè la loro presenza è un monito importante per tutti a non girare la testa e a non restare indifferenti. 

VECCHIANO E' VOLONTARIATO
#TANTIFILIUNASOLAMAGLIA


E’ compito di tutti battersi per salvare l'ambiente e rendere la terra un posto migliore per le generazioni future.

Dante, una terzina per volta
di Stefano Benedetti
none_a
Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Alessandro Trocino
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Dal Giovedì alla domenica zona San Giuliano Terme
none_a
Roma, 23 aprile
none_a
Domenica 11 aprile ore 19.15
none_a
Libreria Civico 14, Marina di Pisa
none_a
RAI Storia, 5 aprile
none_a
Migliarino Volley
none_a
Accordo di tre anni raggiunto con la società
none_a
Migliarino Volley
none_a
La forza di Elisa, l’avvocata-pugile
none_a
l accompagnai al suo portone
A passi lenti ed ingombranti
Senza quei baci ne un saluto
Già la sentivo più distante

Con nessun gesto né emozione
Il .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
"I Segreti di Ripafratta"
di Sandro Petri

29/5/2017 - 10:21

Mancano poco più di due settimane alla Festa della Rocca di Ripafratta, un evento che anno dopo anno cresce nell'interesse di chi ama il nostro territorio, l'ambiente, la storia.
Un interesse che vede presenti gli organizzatori (Salviamo la Rocca, l'Ass. La Voce del Serchio, la Pro Loco di San Giuliano, Slow Food Pisa e Monte Pisano), tante associazioni locali, e anche organismi nazionali come Italia Nostra, che sta studiando un percorso ciclabile da Pisa a Lucca tra Rocche e Torri.
Ma Ripafratta non è solo un luogo emblematico della storia tra il XIV° e il XIX° secolo.
Nelle sue stradine che si inerpicano verso la Rocca e tra le sue case sono tanti i segreti nascosti, raccontati quasi con pudore dai cultori delle vicende locali.
Non è stato facile arrivare a queste note, e il merito va tutto al gruppo di Salviamo la Rocca, che tanto si batte per il ripristino e la salvaguardia di un fantastico castello. 
 
E iniziamo il racconto.
 
Siamo a Ripafracta, sul finire del 1300.
Nella piazza che costeggia la via, nei pressi della piccola chiesa romanica costruita da poco (una sessantina d’anni) un bambino gioca da solo.
È vestito bene, taciturno, tenuto d’occhio da un drappello di tre o quattro donne.
Si chiama Lorenzo, è il figlio dei Da Ripafratta, i nobili del posto.
Secondo la leggenda, il piccolo è nato proprio all’interno della Rocca di San Paolino.
Mentre gioca e si impolvera i vestiti tra i rimproveri delle donna addette alla sua custodia, in lontananza la strada risuona di zoccoli.
Alcuni si affacciano dalle povere case del borgo.
Una carrozza, scortata, si fa largo sull’acciottolato. Una bella carrozza chiusa, non ricca, ma solenne. Procede di fretta, le ruote schioccano tra le buche della via, attraverso le case di Ripafracta.
Il bambino alza lo sguardo, distogliendolo dai disegni che stava facendo nella polvere.
La carrozza transita davanti a lui e fa una cosa che non ci si aspetterebbe. Si ferma.
D’improvviso. Lorenzo lascia il bastone con cui stava disegnando e si alza in piedi.
La carrozza è ferma davanti a lui, le tende che riparano gli occupanti dal sole sono tirate, e non si vede niente dell’interno.
Poi, la porta si apre. La piazzetta è ormai gremita di gente, soprattutto donne, e qualche uomo di ritorno dai campi.
Dalla carrozza scende una suora, e c’è un mormorio generale. La suora è alta e magra, coperta da un bel panneggio scuro.
Si avvicina al bimbo, non guarda nessun altro, e sorride. Solleva una mano e gli carezza una guancia.
Poi, senza dire altro, nello stupore generale, sale di nuovo sulla carrozza e il corteo riparte.
Il piccolo Lorenzo resta di sasso, così come le donne che avevano il compito di badare ai suoi giochi.
I villici rientrano piano piano nei loro tuguri. Qualcosa è cambiato per sempre nella vita di quel bambino.
 
Quando Lorenzo Da Ripafratta morirà, vecchissimo, a Pistoia nel 1456, il Comune pagherà interamente per i suoi funerali, e gli saranno tributati onori mai visti.
Lorenzo era diventato frate domenicano, uno dei campioni della riforma dell’Ordine, un instancabile confessore anche durante l’epidemia di peste. Sarà considerato protettore di Pistoia, e proclamato Beato qualche secolo più tardi.
 
Quella della misteriosa carezza di Santa Caterina da Siena al giovane Lorenzo Da Ripafratta e della sua vocazione nata da quell’incontro, è una leggenda.
Una delle tante che animano, a saperle leggere, il borgo di Ripafratta, storico presidio di confine tra Pisa e Lucca, sede della possente Rocca, della dogana, del controllo sul Serchio.
Per raccontarle tutte, in occasione della Festa della Rocca (10-11 giugno 2017, programma su www.salviamolarocca.it) si terranno alcune passeggiate nel borgo, accompagnate dai volontari dell’associazione Salviamo La Rocca, che racconteranno i segreti che si nascondono dietro ogni pietra, ogni iscrizione, ogni simbolo, ogni vicolo del piccolo paese.
 
Per esempio: sapevate che il fosso dei mulini, che nasce proprio a Ripafratta con una presa nel Serchio, passa quasi interamente sotto l’abitato? E che molte case avevano piccoli attracchi per le “gondole” che navigavano il canale (da cui il nome “Piazza delle gondole”, a Pisa, luogo in cui il nostro fosso conclude il suo percorso).
Uno degli affacci su questo “misterioso” canale sotterraneo sarà visitabile proprio durante la festa.
 
E ancora: sapevate che il campanile della chiesa era anticamente una torre militare?
Si tratta dell’edificio più antico che si trovi in paese, e richiama anche nella fattura la sua antica funzione di difesa del borgo.
Con una particolarità: una lapide che ha incisa una croce a 8 punte e un piccolo taglio sotto di essa; un simbolo templare, dice qualcuno.
Di sicuro una stranezza. Cosa ci fa lì?
In occasione della festa, sarà possibile salire per la prima volta proprio sullo storico campanile, grazie alla gentile concessione della parrocchia.
 
Ogni casa, ogni muro riserva sorprese. Lungo la trafficata via statale che attraversa il paese, ad esempio, chi si accorge delle lapidi in pietra serena che ricordano sia la casa del podestà (“Al tempo di Bastiano di Lorenzo Borgiani Podestà…”) sia le adiacenti prigioni (“carceres et squallido loco…”)?
E chi si accorge, lì nei pressi della fonte, delle antiche fondamenta della chiesa trecentesca, quella in cui andava a messa Lorenzo Da Ripafratta, abbattuta dal terremoto nel 1846?
Lo stesso terremoto che non fece – miracolosamente – alcuna vittima a Ripafratta: circostanza che fece gridare al miracolo, perché i danni agli edifici, invece, erano stati devastanti.
Così, da quel 1846, ogni anno il 14 agosto i ripafrattesi salgono a Rupecava per ringraziare la Madonna in quella che è conosciuta come la “Festa del Voto”.
Cantando un’antica laude composta all’epoca degli eventi, e che inizia con strofe possenti e terribili:
 
D’insolito fragore
Scossa tremò la terra
Gravida in sé sotterra
Schiudendo i suoi vapor
 
Lode a Maria che volse
In allegrezza il pianto
E sotto il suo bel manto
Ci accolse e ci salvò.
 
E per essere più “materiali”, invece, sapete che uno dei mulini quattrocenteschi più grandi e produttivi d’Europa sorse proprio a Ripafratta, azionato dalle acque del Serchio, e costruito per volere di Lorenzo il Magnifico come dote per la figlia Maddalena?
Seppure in parte, quell’edificio oggi c’è ancora, convertito in attività commerciale, proprio nel cuore del paese.
E si potrebbe andare avanti a lungo.
Tanti sono i nomi illustri e curiosi che vengono fuori passeggiando tra le vie del borgo: il Sangallo, Leonardo Da Vinci, Sant’Agostino, Uguccione della Faggiola, Andrea Pisano, Carlo Goldoni, Carlo Biscaretti, Matteo Gambacorti.
Insomma, una storia che “pesa”, soprattutto per come è trattata oggi.
Ma per due giorni, tutti avranno la possibilità di riscoprirla e riviverla.
 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri