none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
. . . . buona Pasqua a Riccardo Maini.
Quest'anno .....
Ringrazio affettuosamente Giò per il particolare pensiero .....
la tmm chiude e molte famiglie avranno grossi problemi .....
Auguri a tutti i lettori e ai collaboratori, della .....
Soci Unicoop
none_a
ASBUC-Tartaruga 15 dicembre
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
di Rosanna Betti
none_a
Pisa, 14 dicembre
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Si ricerca testimoni del sinistro avvenuto presso l'incrocio semaforico via argine vecchio(fronte al bar Silvia), Vecchiano, avvenuto in data 24 novembre .....
none_o
"La grande mistificazione"
di Robinson

11/6/2017 - 11:44

 
Una foto vista alcuni giorni fa, sui principali organi di stampa, è emblematica dei tempi che corrono e delle argomentazioni radicali ed integraliste montanti nella società.
 
Sostenitori degli attuali indirizzi di governo e dimostranti scalmanati a favore dell’attuale amministrazione americana, con facce truci e mossi da chiare intenzioni e propensione alla rissa, mostrano cartelli in cui si sostiene che i “messaggi di odio, sono parole di libertà” …
 
Rivendicano il diritto di odiare, maltrattare vilipendere e neutralizzare, categorie umane, sociali e del pensiero, rifiutando la “ politically correct” in nome del diritto alla libertà di parola, con una capriola del buon senso e della ragione, talmente ovvia ed evidente, da non essere intercettata e negando diritti civili fondamentali e all’esistenza, colpiscono i target individuati, negandogli dignità in quanto colpevoli di esistere.
 
Intendiamoci, la cosa non è una novità, perché da sempre nei momenti critici di difficoltà, il potere riattizza i consensi, con slogan, rullare di tamburi e squilli di tromba, ricompattando la compagine nazionale, chiamando il popolo a raccolta contro capri espiatori, capaci di catalizzare il malcontento volgendolo in favore.
 
Quando la crisi morde più forte, le risorse scarseggiano, la miseria e la povertà incombono, il paese declina, perfino madre natura si accanisce con terremoti, alluvioni e siccità, è facile uscire dall’impasse additando presunti responsabili, incitando al linciaggio di intere categorie, accusando deboli ed indifesi, zingari e vagabondi senza dimora, minoranze etniche e religiose, dissidenti e avversari politici, di qualunque cosa.
 
Demonizzare ebrei, omosessuali, libertini, atei, rom, rifugiati, antagonisti politici, liberi pensatori, eccentrici originali, ma anche i malati, i disabili, le donne, gli schizofrenici, i malati di mente, non ha mai risolto situazioni problematiche, ma ha permesso al potere di consolidarsi e proliferare indisturbato….  
 
Fornendo comodi alibi e mischiando le carte, offrendo sollievo ingiustificato e annebbiando le menti di rancore e furore iconoclasta, spingendo a persecuzioni vessatorie e a ristabilire gerarchie di comportamento, emarginazioni preventive, missioni purificatrici, vessazioni, persecuzioni, atrocità.
 
L’efficacia nel merito, di queste strategie e tecniche di potere è ovviamente nulla, ma rivestendo la classe al potere di una sacralità di missione per giusta causa, dell’aura di salvatori della patria, estremi anche se brutali difensori dell’ordine costituito e dello “status quo”, ne legittima le politiche ed i misfatti, rinsaldandone il ruolo.
 
Con parole d’ordine e slogan ad effetto, ricette grossolane, ma condivise, proprio per questo, dichiarazioni ed intimidazioni minatorie, deliberazioni unilaterali di facile immediato impatto, si persegue la formazione e di un clima sociale deteriorato, favorevole al clamore, agli eccessi, agli abusi e alle discriminazioni, usando strumentalmente grandi principi e manipolando le regole democratiche….
 
Odiare, discriminare e isolare per vessare, incriminare, fomentare le folle, in nome di intenti comuni, aizzandole contro nemici fasulli, obbiettivi e bersagli ideali perché indifendibili e alieni alla sensibilità comune, facili da individuare e colpire per chiunque, si risolve in una catarsi,  consentendo anche a sfigati sfaccendati e mediocri nullafacenti, esimi anonimi sconosciuti e ordinari travets, di avere il riscatto di una vita incolore e omologata al grigiore del gregge, all’atto della conformazione a questi dettati.
 
Attaccare, denunciare, vilipendere e svilire, mancare di rispetto, offendere e odiare, detestare, crucifiggere ed eliminare fisicamente, ma anche negare una dignità e il diritto alla ricerca di una dimensione di serenità, negando il diritto all’esistenza e alla ricerca della felicità, diventa quindi lecito ed onorevole.
 
Rivendicare il diritto di odiare in nome della libertà, resta un paradosso inaccettabile, che diventa fattore di negazione per identità e strumento diabolico di ipocrita malafede…
 
 Milioni di esempi potrebbero essere citati in proposito, ma credo che uno basti ed avanzi, alla causa che sto propugnando, quando ricordo che Gesu’, fu oggetto di queste attenzioni ed odiato fino alla pubblica crocifissione, ma nel frattempo, non esiste più l’impero romano, né il contesto che aveva generato quella scelta.
 
In compenso sono sicuro che se dovesse tornare fra noi, sarebbe oggetto delle stesse cure… e trattamento….

 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/6/2017 - 16:40

AUTORE:
Vir

Sarò anche particolarmente impressionabile ma la violenza verbale e conseguentemente pratica mi spaventa assai!
L'umanità e la violenza hanno sempre proseguito di pari passo, ma ci eravamo illusi che la ragione fosse riuscita a prevalere sull'istinto invece è doloroso constatare che questo pullulare di idee e rivendicazione di diritti disumani e nettamente contrari alla democrazia fervono alla grande e non promettono nulla di buono!

11/6/2017 - 12:38

AUTORE:
Osservatore 1

...confutarla l'omo d'Arbavola la Grande Mistificazione...mavvedrai!

Queste non sono quisquilie (Cosa da niente, banalità di nessuna importanza) sgorgate della fonte di Travaglio Marco, l'uomo pagato euro n° 70 al minuto (anche quando ride beffardamente senza parlare) sulla TV 7 di Cairo, o di una esternazione del candidato Premier a cinque stelle, tal Gigino di Maio; l'uomo delle profezie.
...............................................................................

L’UKIP di Farage non ha conquistato nemmeno un seggio ed è uscito dal Parlamento inglese

“Farage? Ha contattato lui noi, è un uomo lungimirante rispetto agli altri leader europei”. Era maggio del 2014 e l’esponente del M5S e vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, sul leader dell’Ukip, non aveva dubbi e spiegava: “Farage sarà il futuro primo ministro inglese e con lui in Europa faremmo un gruppo federativo.