none_o

E’ fuori di dubbio che noi tutti abbiamo una sorprendente capacità di giudicare gli altri. Lo sappiamo fare benissimo e ci viene con grande naturalezza, in maniera immediata e spontanea. Non sempre però i nostri giudizi risultano esatti, anzi spesso ci sbagliamo, per fretta o superficialità, ma mai sbagliamo tanto spesso come quando siamo condizionati da sentimenti forti. Sentimenti di natura sociale.....

Tributo
none_a
Anniversario
none_a
Le Foto
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
Caro Gio se avessi avuto un eurino me lo sarei giocato .....
Come al solito " da te, te la suoni e da te , te .....
E'proprio vero che pubblicate quello che vi torna il .....
Mi sembri un po "Orlandiano" l'altra sera gli brillava .....
Volete voi apparire in foto nel posto più bello del mondo su questa rubrica? inviatele a questo indirizzo: lavocedelserchio@yahoo.it
none_a
S.A.T.
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Vecchiano
none_a
Vecchiano, Coop Edera
none_a
Tirrenia, 27 luglio
none_a
Comunicato stampa
none_a
Avane, 26 luglio
none_a
Hockey online
none_a
Torneo San Giuliano, squadre a cinque
none_a
Pontasserchio, 13 luglio
none_a
Campi tennis dell' ASD San Giuliano
none_a
lame di luce scardinano la serratura dello sguardo
violentando inedia e pigro squallore

Sospese fragranze di ragia e umori di bosco, colanti da scorze .....
Si sta attivando nuovamente il comitato dei cittadini di via della Torraccia a Vecchiano. Anni fa abbiamo combattuto e vinto la battaglia contro l'eternit .....
Comune di Vecchiano
Una nuova vita per l’immobile comunale degli ex Spogliatoi collocato presso lo Spazio Tabucchi

12/7/2017 - 11:36


Una nuova vita per l’immobile comunale degli ex Spogliatoi collocato presso lo Spazio Tabucchi, grazie ad una convenzione tra Comune e realtà sportive locali


Vecchiano – Una convenzione tra Comune e società sportive attive sul territorio che consentirà di rendere nuovamente operativo l’immobile comunale, conosciuto come ex Spogliatoi, e collocato presso lo Spazio Culturale “Antonio Tabucchi”: è quanto è stato approvato nell’ultima seduta del Consiglio Comunale di Vecchiano, svoltosi lo scorso 6 luglio. “Già in passato, il Comune di Vecchiano ha affidato gli impianti sportivi di calcio e la palestra comunale in gestione a società sportive locali: tale scelta si è rivelata, col tempo, vincente poiché il nostro Ente ha potuto riconoscere a tali società la capacità di amministrare in maniera efficiente questi beni appartenenti alla collettività; ma non solo: da parte di questi soggetti si sono aggiunte doti straordinarie concernenti l’interazione propositiva nella promozione della pratica sportiva, favorendo così, proprio attraverso lo sport, anche valori quali l’inclusione sociale, l’integrazione e le pari opportunità”, spiega il Sindaco Massimiliano Angori.

“Per questo motivo, abbiamo deciso di valorizzare ed integrare ulteriormente questo percorso, affidando l’immobile situato presso lo Spazio Culturale “Antonio Tabucchi” ad alcune società del territorio, che sono, nello specifico: l’ASD Vecchiano Calcio, l’ASD Shingitai Pisa, l’ASD Palio Rionale e il Gruppo Ciclistico Vecchianese, tutte facenti parti della Consulta Comunale dello Sport e che hanno espresso all’Amministrazione Comunale la necessità di disporre di una sede logistica e strumentale alla gestione della loro attività sportiva. L’affidamento di questo immobile alle suddette società, peraltro, rientra a pieno nell’applicazione del principio costituzionale di sussidiarietà: lo sport, infatti, concorre, nell’accezione specifica di questa circostanza, a mettere in pratica una sussidiarietà orizzontale, poiché viene proposto un modello sociale non assistenziale, fondato sulla responsabilità di ognuno a perseguire il bene comune”, aggiunge il primo cittadino.
“La convenzione che il Comune ha stipulato con l’ASD Vecchiano Calcio, l’ASD Shingitai Pisa, l’ASD Palio Rionale e il Gruppo Ciclistico Vecchianese prevede, in primis, l’affidamento a suddette società dell’immobile degli ex Spogliatoi, ivi compresi i servizi igienici, e dell’area a verde circostante”, afferma l’Assessore allo Sport, Andrea Lelli.

“Le concessionarie sono tenute, dunque, a provvedere, in proprio, alla custodia dei locali, alla pulizia e a quant’altro occorra a mantenerli puliti ed in perfetto stato di conservazione.

Riteniamo che attraverso la stipula di tale convenzione si rafforzerà ulteriormente la sinergia tra il nostro Comune e le società sportive del territorio, andando a soddisfare le esigenze manifestate da alcune delle realtà locali ed offrendo, contemporaneamente, alla cittadinanza spazi e contesti adeguati alla pratica sportiva”, conclude l’Assessore Lelli.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




16/7/2017 - 12:54

AUTORE:
Icchise-icchise-icchise-Elle

Mi sfarti la strada con i miei/nostri euro (non soldi e lire che non costumano più) e 'ndove gliè ir confritto?
Mi/ci fai le piazze-squole nove con annessi e connessi e le fai usufruire da tutti 'nseno c'è confritto con chi non ha famiglia!?!

Disse Enzo Biagi riguardo le tavole di Mosè sceso dal Sinai: tho o quella? non desiderare la donna d'altri!? ma se "una" a 50 anni unn'ha mai desiderata nissuni, vordi che gliè un catorcio.
Ergo: un consigliere comunale e/o assessore si non l'ha mai, dico mai cercato nissuni nemmen per stare in lista nella PA (Pubblica Assistenza) nel consiglio dell'ARCI (Associazione Ricreativa Culturale Italiana) oppure come qualche "bagogo" pretende di fare/promuovere-votare amministratori e/o consiglieri chi non è iscritto ai partiti politici, ma di promuovere chi vien dalla cosiddetta "società civile" ...epperchè chi si è impegnato in un qualsiasi gruppo di sostegno e promozione sociale tipo sport - assistenza - volontariato è "incivile".
Se non ti piace la risposta "nel merito" è =

nb. il più ricco e quindi più furbo di tutti noi nel /94 e poi negli anni a seguire nonostante controllasse "sicuramente" le sue tre TV private ed in seguito come Primo Ministro, anche quelle statali ed in più: industrie, giornali, squadra di calcio di livello mondiale (Milan), sale cinematografiche, catene di distribuzione alimentare, Milano due...poi quando "tocco" al suo acerrimo (?) nemico fare il Primo Ministro (D'Alema Massimo)...non ritenne promuovere e fare approvare dal Parlamento (ir confritto d'interessi) forse xchè nissuni lo notava?....eran piccole cosette? ci sta anche che uno guardi ir dito e non la luna.
bona.

16/7/2017 - 12:25

AUTORE:
Diabolikke

Risponde ner merito è troppo caro vero?

14/7/2017 - 13:21

AUTORE:
XXXL

...dai aria alle trombette e fai pereppeppè-peppè:
oppure pè! e basta, fe' prima!

14/7/2017 - 12:47

AUTORE:
Diabolikke

... dove i conflitti d'interesse sono alla luce del giorno e tutti li accolgono senza battere ciglio!