none_o


Una vicenda tutta personale viene descritta in questo nuovo articolo di Franco Gabbani, una storia che ci offre un preciso quadro sulla leva per l'esercito di Napoleone, in grado di "vincere al solo apparire", ma che descrive anche le situazioni sociali del tempo e le scorciatoie per evitare ai rampolli di famiglie facoltose il grandissimo rischio di partire per la guerra, una delle tante. 

La carriera politica personale dell’Onorevole Mazzeo .....
Bonaccini ha dato le dimissioni da presidente della .....
. . . c'è più religione ( si esce un'ora prima). .....
. . . uno sul web, ora, che vaneggia che la sua .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
NEL PISANO CRESCE IL RISPARMIO POSTALE
Attivi oltre 181 mila libretti di risparmio postale

18/7/2017 - 13:46

Pisa , 18 luglio 2017 – Per i pisani il libretto postale resta la forma di risparmio e investimento più semplice e soprattutto sicura poiché garantita dallo Stato. Anche in condizioni di mercato complicate come quelle attuali, infatti, i prodotti di Poste Italiane emessi da Cassa Depositi e Prestiti continuano ad essere percepiti come una delle forme più competitive di “risparmio prudenziale”, un risparmio, cioè, che presuppone in qualsiasi momento l’immediata disponibilità del capitale investito senza perdite o penalizzazioni.
 
Il successo risiede nelle sue stesse caratteristiche: senza spese di apertura e di gestione, possibilità di accredito gratuito per i pensionati, rendimenti più vantaggiosi per i minori, possibilità per i titolari di associare il libretto, sempre gratuitamente, alla carta libretto postale per versamenti e prelevamenti più comodi e veloci in tutti gli uffici e sportelli ATM Postamat sul territorio nazionale.
 
LA CARTA LIBRETTO POSTALE: LA TRADIZIONE ABBINATA ALLA TECNOLOGIA
L’utilizzo delle “carte” in questi anni è aumentato notevolmente non solo su quelle fasce di popolazione che per caratteristiche generazionali, professionali, culturali hanno più dimestichezza con gli strumenti digitali ma anche tra coloro che, per oggettive difficoltà legate all’età o per un approccio più tradizionale alle transazioni di tipo economico, hanno mostrato più resistenza al cambiamento delle abitudini come ad esempio la categoria dei pensionati.
 
I PRELIEVI AUTOMATICI DI CONTANTE
L’operazione può essere effettuata agevolmente presso tutti gli sportelli gli sportelli automatici del circuito Postamat fino a 600 euro al giorno, oppure direttamente all’interno di tutti gli uffici postali senza limiti di importo e senza la necessità di compilare alcun modulo, dimezzando i tempi dell’operazione.
 
LA CAPILLARITA’ DEGLI ATM POSTAMAT
A Pisa e provincia gli ATM Postamat disponibili sono 49. Oltre ai prelievi di contante, gli sportelli automatici consentono altre numerose operazioni, tra cui il pagamento dei bollettini di conto corrente postale. Nell’ultimo anno Poste Italiane ha avviato un piano di interventi straordinari che in tutta la provincia ha previsto la sostituzione dei vecchi ATM Postamat con sportelli automatici di ultima generazione, in grado di garantire elevati standard di sicurezza e prestazioni tecnologicamente avanzate.
 
I VANTAGGI DELL’ACCREDITO SUL LIBRETTO POSTALE
Significativo anche il dato dei pensionati pisani che hanno scelto di accreditare, gratuitamente, il rateo mensile sul proprio libretto di risparmio. L’accredito offre la possibilità di ritirare la propria pensione in circolarità, ovvero in tutti gli uffici postali del territorio nazionale, senza la necessità di recarsi nel proprio ufficio di radicamento. A Pisa, su un totale di 52mila pensionati che scelgono Poste Italiane per ritirare la loro pensione, 22mila (43%) hanno scelto l’accredito sul libretto di risparmio. I restanti hanno optano per l’accredito su conto corrente BancoPosta (28mila, il 54%) oppure per il ritiro a sportello con il libretto di pensione (3%).
 
IL LIBRETTO DI RISPARMIO
Emessi dalla Cassa depositi e prestiti e garantiti dallo Stato Italiano, i libretti di risparmio postale sono una forma di risparmio collocata da Poste Italiane sin dal 1875. Sono disponibili in diverse tipologie, per meglio rispondere alle varie esigenze e si possono aprire presso qualsiasi ufficio postale, semplicemente presentando un documento d’identità valido e il codice fiscale. Non prevedono spese di apertura, chiusura e gestione, eccetto gli oneri di natura fiscale. Sono esenti dall’imposta di bollo di 34,20€ i libretti di risparmio con una giacenza media annua non superiore ai 5.000€. Le operazioni di versamento e di prelievo di contanti possono essere effettuate in tutti gli uffici postali.
 
L’EVOLUZIONE DEL LIBRETTO DI RISPARMIO
Il Libretto Smart è una nuova soluzione dinamica che arricchisce le caratteristiche classiche del libretto con una serie di funzionalità, sia informative che dispositive, al passo con le nuove tecnologie.
 
Grazie ai servizi messi a disposizione è infatti possibile operare sia tramite il canale internet (con il servizio RPOL) sia attraverso smartphone o tablet (con l’AppRisparmioPostale).
Inoltre, in alternativa alla tradizionale forma cartacea, il Libretto Smart può essere aperto anche in forma dematerializzata e utilizzando la Carta Libretto Postale effettuare tutte le operazioni senza più la necessità del titolo cartaceo.
 
Richiedendo l’abilitazione presso l’Ufficio Postale, si possono anche trasferire somme dal proprio conto corrente bancario al proprio Libretto Smart mediante bonifico bancario, disporre girofondi dal conto corrente BancoPosta o Libretto Nominativo Ordinario al Libretto Smart e viceversa (tramite l’App Risparmio Postale, BPOL, RPOL, ATM oppure in Ufficio Postale), sottoscrivere o rimborsare Buoni Fruttiferi Postali dematerializzati regolati sul tuo Libretto Smart, da RPOL dall’App Risparmio Postale o in Ufficio Postale, richiedere la Nota Informativa con Riassunto scalare e consultare, anche dall'App RisparmioPostale, le operazioni effettuate negli ultimi 36 mesi (fino ad un massimo di 40 operazioni).
 
 

 

 

Fonte: Ivan Domenico Lorusso
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri