none_o

Una quarantina di anni fa, rientrando sporadicamente dalla residenza in nord Italia, per visite parentali e reimmergermi nelle acque locali, dove un grande Alessandro sciacquava solitamente i panni il secolo precedente, non appena valicato l’Appennino, mi rendevo conto di quanto siamo “ghiozzi”, pesanti, a volte grevi, blasfemi, volgari, bischeri e sciamannati noi toscani! Man mano che mi avvicinavo a Vecchiano, avvertivo sempre più chiaramente ....

Il Diario di Trilussa
none_a
Storia
none_a
Compleanno
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
Vorrei ringraziare pubblicamente i Senatori che con .....
. . . . buona Pasqua a Riccardo Maini.
Quest'anno .....
Ringrazio affettuosamente Giò per il particolare pensiero .....
la tmm chiude e molte famiglie avranno grossi problemi .....
Migliarino
none_a
Soci Unicoop
none_a
Primaziale Pisana, conf stampa
none_a
di Rosanna Betti
none_a
Pisa, 14 dicembre
none_a
Che fai bambina mia
su quella porta
guardando da lontan
per quella via?
Ah, se sapessi,
quando la fu morta
se la portaron via
di là la mamma .....
Causa trasferimento abitazione, vendiamo mobili usati in ottimo stato.
Visibili a Nodica, comune di Vecchiano.

cinzia. mantellassi@ virgilio. .....
none_o
Caro Silvano...

8/8/2017 - 18:15


Una piccola perla di rara dolcezza: 'Le svedesi' di Silvano Ambrogi.
[…] La storia si svolge in una terra che Ambrogi conosceva bene: la provincia pisana. Nonostante fosse nato a Roma, lo scrittore passò gran parte della sua giovinezza proprio in Toscana e in terre dove già si viveva di turismo balneare - Viareggio soprattutto - e in altre che, per una serie di circostanze, avrebbero aspettato ancora un po' la grande stagione delle vacanze - Marina di Pisa, Migliarino e Bocca di Serchio.
E proprio a Bocca di Serchio, dove il fiume si congiunge al mare, che questo manipolo di giovinastri attende, come fossero animali in calore, il rito dell'accoppiamento e quello ancora più esotico, e maledettamente auspicato, del confronto con altre realtà geografiche. […]
[…] Le svedesi è un libricino c he andrebbe conservato gelosamente, come quelle vecchie foto di famiglia che mostrano gli anni solo perché sbiadite, ma che mantengono la struggente capacità di abbandono.

 

 
Caro Silvano, è un po’ di tempo che non ti vengo a trovare dove stai comodamente adagiato nel luogo in cui hai sempre sognato di stare: “di qua dal Serchio”. Sei accanto a mio padre, in “terra”, e ambedue avete così l’umore del Vostro Fiume lì, a due passi.
Ti ricordi di quando sei venuto a casa mia a prendere il mio libro delle antiche parole dialettali e abbiamo riso sulle mie “parapotte”, le ninfee e la tua “pottapia”, la porta della breccia?
E giù ricordi e battute goliardiche come due vecchi amici anche se con diversi anni di differenza, ma uno sviscerato comune amore per “Bocca di Serchio”.
Ma lo sai Silvano che a Marina di Vecchiano ti hanno dedicata una piazza che è un parcheggio e che perde continuamente il cartello segnaletico?
Ma te, te ci sei mai stato a Mucchioni, come si chiamava il luogo ai tuoi tempi?
Te, Pindaro, Aureliano, Guglielmo, Palledoro, Telemaco, Ilio, Vasco, Annibale, Salvatore, Narciso e Arruffamerde (perché lo hai chiamato così?) avete vissuto la vostra magnifica giovinezza a BOCCA DI SERCHIO, iocristo!
Non a MARINA DI VECCHIANO!
Ma lasciamo stare, è acqua passata e a proposito di acqua passata o meglio di passà l’acqua, ma lo sai Silvano che le vostre svedesi ora a Bocca di Serchio ci sono davvero?
Nate d’un cane, ora vengano?
 A dir la verità vanno alla tua piazza di Montioni, ma poi, spinte da un misterioso inspiegabile magnetismo o istinto si incamminano verso la Bocca, guadano facilmente, con quest’asciuttore, la foce e vanno a calpestare la rena, la VOSTRA rena e si sdraiano sulla VOSTRA battigia, belle, bionde voluttuose.
Non lo fanno per prendervi in giro, lo fanno perché c’è Qualcuno che vuol farvi omaggio.
Poi attraversano anche scorfani e rospi, ma quelli ‘un contan!
Ciao Silvano, te la bado io la Bocca, te badami il Cuore!

 

Aspetta ce ne un’altra!
Come li chiamavi te quelli che non “beccavano”?
Non mangiatori!
Ora ce ne sono tanti di non masticatori, di cosa te lo immagini, e infatti di seguaci di topa-no-mastica ce n’è a sfà, sia di quella detta all’inizio e di quella geografica.
Ora i toponomastichesi chiamano la Nostra Spiaggia, quella di là: penisola dei gabbiani!
Mah! Sarà!
Io ora ti lascio perché vado a cena (panini e famiglia) e a vedere il tramonto che sfiora e colora la Tua Spiaggia, vado sulla

Penisola Ambrogi, anche detta

Penisola delle Svedesi!
Tiè!  
Ciao, anche se è impossibile vederci, sentiamoci!
 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/8/2017 - 17:18

AUTORE:
Silvano A.

Caro amico,
scusa se non ti ho risposto prima ma la Voce del Serchio quassù si vede un po' male. Ci sono interferenze di altri giornali online (ce n'è uno di Nodica, ad esempio, che si infila sempre) e poi ho un po' da fare. Scrivo boutade per San Pietro che è sempre troppo serio e i nuovi arrivi ne hanno soggezione, allora lui sciorina una battutina delle mie e quelli si avviano tranquilli al loro posto. Insomma,secondo dove vanno, non è che ci vadano tanto tranquilli (detto fra noi, il caldo si sente anche da qui dove sto io!).

Sono stato contento che dopo tanti anni mi abbiano intitolato una rotonda. Beh, avrei preferito che mi avessero intitolato la Bocca, ma Bocca di Ambrogi non tornava troppo bene e poteva anche creare degli equivoci. Magari Penisola di Ambrogi poteva anche andare ma sai, io non ho mai avuto grandi pretese. Mi accontento della Rotonda anche se forse avrebbe bisogno di una sistematina e anche del cartello col mio nome, magari non di legno come quello fatto dal Peretti (che saluto e aspetto....quando sarà il momento, naturalmente!). Ma soprattutto saluto tutti voi migliarinesi, quelli andati e quelli ancora presenti, per la meravigliosa gioventù che mi avete regalato tanti anni fa. E' il miglior ricordo della mia giovinezza, quella vostra amicizia sincera in un mondo tanto diverso, dove anche le cazzate facevano da contorno ad una vita felice. Non vi affrettate a venire a trovarmi, tanto io sono qua. Magari cercate di non sbagliare girone, quello sì che sarebbe un guaio.
Con affetto
Silvano

9/8/2017 - 13:18

AUTORE:
Fabio Ceccherini

Un brandello di storia vera che un fa una grinza!! Da oggi chiamerò quel paradiso di Bocca...Penisola Ambrogi.

9/8/2017 - 8:28

AUTORE:
Gnocco

Caro Sirvano un gli dà retta ar Chiube, siccome enno tutte bionde tinte sembrino svedesi ma enno gnocche nostrane o giù di lì, ma poi 'na vorta la gnocca potea fà gola, e infatti mi pà dicea che tira più un pelo di topa che un carro di buoi ma oggidì con tutti i vizi chenno venuti fori er terzo genere che impera a gogò sommato al narcisismo e a la mania di smutandassi...luilì piglia lucciole pe' lanterne te lo dio io!