none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . . . È ad emettere la sentenza "inappellabile" .....
vivi solo il presente dei tuoi interventi sulla VdS, .....
Quando io da buon soldatino ed iscritto al partito .....
Leggo ora di questa polemica su Bersani e dico la mia. .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Associazione culturale "Nati per scrivere"
none_a
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Sopralluogo!
di Trilussa

13/8/2017 - 17:16


I giornali riportano notizia di un’importante riunione avvenuta nel mese di luglio fra l’assessore regionale Federica Fratoni, il sindaco di Viareggio Giorgio Del Ghingaro e il presidente del parco Gianni Maffei Cardellini.
Alcuni stralci delle loro dichiarazioni.


Poi la “questione movida”-dice Del Ghingaro-, la marina di Torre del Lago, per tornare ad essere attrattiva, non può sottostare ai vincoli di orario e di decibel e del Parco. Infine rimane il tema della permanenza di Viareggio dentro all’Ente Parco».
«È gravissimo che Viareggio non sia rappresentata nel Cda del Parco considerando che oltre il 35% del nostro territorio è di fatto dentro al Parco: da oggi avremo finalmente la sicurezza che anche noi parteciperemo alle riunioni, già un primo passo che sono certo porterà a nuovi sviluppi e collaborazioni».

 
«Da parte della Regione e del Parco c’è grande attenzione verso le problematiche che questa mattina il sindaco Del Ghingaro ci ha rappresentato – ha detto l’assessore regionale Federica Fratoni -. È necessaria un’opera di rilancio e riqualificazione, che deve vedere uno sforzo corale da parte di tutte le Amministrazioni per far sì che questa parte della Versilia, e più in generale della Toscana, possa tornare a nuova vita, sia dal punto di vista turistico che naturalistico, con il recupero del patrimonio boscato. Un sopralluogo importante, quindi, quello di stamani, da cui sono certa nasceranno collaborazioni e progetti con il massimo impegno da parte di tutti».

 
«È stata una mattinata improntata sulla collaborazione – conclude il presidente del Parco Maffei Cardellini -. Abbiamo innanzitutto raggiunto l’accordo di invitare in maniera permanente ai consigli direttivi del Parco un rappresentante del Comune di Viareggio. Non solo, anche in funzione dell’entrata del nuovo direttore Giunta, organizzeremo un incontro per pianificare gli interventi necessari sia sulla Marina di Torre del Lago che al porticciolo. Qui in particolare si concentrano le attività sportive veliche e di canottaggio che, insieme a quelle artistiche legate al Festival Pucciniano rappresentano un elemento identificativo della storia e della natura di questi luoghi».

 
Che il Comune di Viareggio possa essere rappresentato da un suo rappresentante all’interno del Consiglio del Parco mi pare una richiesta sensata, mentre meno chiare, o almeno meno certe, sono le motivazioni di fondo specialmente rispetto ai “nuovi sviluppi e collaborazioni”. Molto bene la tutela della flora e del bosco in generale, meno bene altre richieste più o meno esplicite.

 

La prima esplicita di Del Ghingaro è quella di permettere il mancato rispetto del regolamento del Parco per la parte a mare di Torre del Lago, un modo per lasciare mano libera ai tanti locali posizionati lungo l’arenile. Locali comunque traboccanti di gente che non sembrano soffrire eccessivamente delle attuali limitazioni. Nella richiesta traspare con grande evidenza la visione, da parte del sindaco Del Ghingaro,  del Parco inteso non come una importante risorsa da utilizzare come fonte di sviluppo turistico ma essenzialmente come una limitazione e un freno ad una crescita turistica di ben altro tipo e di ben altro impatto ambientale e culturale. Il Parco visto come una limitazione, dunque, e non come un’opportunità.


Lo stesso Del Ghingaro, che non fa mistero di questa sua opinione, giorni fa è stato oggetto di un curioso fatto di cronaca per essere stato allontanato dal Club nautico perché indossava i bermuda. Per la cena il regolamento prevede, infatti, l’uso esclusivo dei pantaloni. Lo stesso primo cittadino ha contestato la decisione dicendo che i suoi bermuda costavano ben 250 euro, soffermandosi poi sul costo degli altri capi di vestiario (tipo camicia da 200 euro eccetera) per un totale di circa 2000 euro di abbigliamento (parole sue). Già questo episodio, non la cacciata ma l’ostentazione, non lo mette proprio in una buona luce e lascia almeno un piccolo sospetto sulle sue “attenzioni” al Parco. Personalmente preferirei che le sue attenzioni fossero rivolte ad altro, ma spero naturalmente di sbagliarmi e che la sua prima preoccupazione (la seconda, la prima è per la Marina di Torre del lago) fosse rivolta veramente al Matsucoccus dei pini.


Belle invece le parole dell’assessore sul rilancio e la riqualificazione della Versilia e del Parco, che non può naturalmente che passare attraverso un’ opera di bonifica del malaffare che continua ad imperversare nella parte a est della pineta, quella dopo la linea ferroviaria. Speriamo davvero in questa “nuova vita” del Parco e di tutto il litorale versiliese, auspicata dallAssessore, sia dal punto di vista sia turistico che naturalistico.
 
Il Presidente Cardellini non si è smentito e si è dimostrato, come sempre, disponibile e conciliante. Non si può non essere d’accordo sull’accoglimento di un rappresentate del comune di Viareggio alle riunioni del Consiglio, mentre per un commento sulla pianificazione degli interventi necessari per la Marina di Torre del lago non ci resta che aspettare le conclusioni delle riunioni già in programma.

 

Foto.

Marina di Torre del Lago quando la movida era libera.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




3/5/2018 - 22:58

AUTORE:
Ccp

Provo a fare una considerazione: l’unica strada di accesso a Marina di vecchiano è una strada stretta che per lunghi tratti passa in mezzo alla pineta. Possiamo considerarla sicura in caso di incendio con necessità di evacuazione di migliaia di persone? Avere una strada di collegamento con Torre del Lago e l’ Aurelia non minimizzerebbe il rischio è l’accessib Ai luoghi? Per molti questa è speculazione, a mio avviso è sviluppo sostenibile.
Saluti

20/8/2017 - 10:34

AUTORE:
Paolo

La sua osservazione è giusta ma....

19/8/2017 - 23:32

AUTORE:
Filippo

Lasciamo perdere le sterili polemiche. nel forum i cittadini possono esprimere i propri pensieri, pensieri che possono essere utili agli amministratori.
Suggerisco di rimanere sul tema.

19/8/2017 - 20:50

AUTORE:
Maunvorpiove

Si toglie il voto segreto? e addio massima curiosità per i "curiosi".
Il Sindaco ed i suoi delegati Assessori non rispondono solo a chi ha appalesato a chiacchiere il proprio voto a favore o contro.
Ma...stiamo scherzando? non siamo mica all'anno zero della democrazia rappresentativa ed il Sindaco di Vecchiano non pagherà nessuna penale se prende una decisione sua e non concordata nel blog (?) come la sig.ra. Raggi in quel di Roma.
Il rapporto di fiducia è cosa seria ed il dubbio può rimanere a chi crede che le scie chimiche siano causa di asciuttore prolungato, che la sorella del Ministro Boschi sia "assistemata" con 25.000 euro mensili come direttrice generale del centro coordinamento delle regioni (?) e che Samuel lee jackson e Magic Johnson siano arrivati con un barcone traballante a Forte dei Marmi.

nb;
Noto bene uno sfondone in epoca democratica:

rispondere ai cittadini che hanno votato questa maggioranza; sostiene "il curioso"!?!?

e gli altri che non han votato "questa maggioranza" son figli di un dio minore? Mavvia!

19/8/2017 - 20:26

AUTORE:
Curioso

Il Comune non deve rispondere al curioso perchè glielo chiede e nemmeno rispondere sulla Voce ma ai cittadini che hanno votato questa maggioranza. Un commento su un argomento così importante era dovuto. Considerazioni che sfuggono al cittadino amministrato.

19/8/2017 - 19:47

AUTORE:
Cittadino amministrato

...vada di persona nelle ore di ricevimento sia del Sindaco ed Assessore, li nel palazzo comunale vecchianese; oppure si rechi all'URP (Ufficio Rapporti con il Pubblico) con propria carta di identità (non quella della zia) e li si fa consegnare un modulo da riempire con domande (se le vorrà fare, anche curiose) e riceverà subito una copia delle sue domande scritte e protocollate ed entro un mese riceverà la risposta a casa per posta con ricevuta di ritorno.
La Voce del Serchio non è "organo dei comuni della Val di Serchio" così ho sentito dire...

19/8/2017 - 18:08

AUTORE:
Curioso

Comune di Vecchiano dal Sindaco all'assesore all'ambiente cosa dicono?

13/8/2017 - 23:41

AUTORE:
lo sgambetto

Le perplessità di Trilussa sulle ragioni di Del Ghingaro sono più che condivisibili.
Sentire e leggere che Del Ghingaro, di mestiere Sindaco a vita, non ritiene Viareggio rappresentato nel Consiglio del Parco quando il suo Presidente Maffei Cardellini è nato e cresciuto a Viareggio è ridicolo.
Siccome Del Ghingaro fa i capricci e paventa di far uscire Viareggio dal Parco gli si da il contentino di far partecipare alle riunioni di Consiglio un rappresentante dell'amministrazione viareggina. Il Presidente è generoso! Ma forse gli girano parecchio per questa imposizione venuta da Firenze.
Gli invitati viareggini avranno diritto di parola e anche di voto nel consiglio?
L'ex plurisindaco di Capannori oggi sindaco di Viareggio, Comune a tratti commissariato con un buco di bilancio indicibile, riterrà di essere stato simpatico per essere balzato alle cronache per non aver rispettato le regole di un locale, per aver dettagliato il suo abbigliamento griffato.
Povera Italia e povero Parco.