none_o


Ho risistemato la mia vespa PX 150 a miscela. Mi porto sempre dietro l'olio in una tanichetta; vivo come un atto d'eroismo miscelare artigianalmente benzina e olio. Vedessi come i benzinai mi aiutano nel "fabbricare" il carburante. Sono solidali, romantici, tornano anche loro più giovani. Il mezzo è del1982. Un ex meccanico che sapeva dove mettere le mani l'ha rimessa al pezzo e poi è stata tirata al lucido. Ritinta rosso fuoco....

Quando nel / 72 il PCI prese nelle due sezioni migliarinesi .....
Ovviamente è una mia personalissima opinione, contestabilissima, .....
Ecco degli indizi utili: https:/ / youtu. be/ LqezUyIUngw
Li .....
Una cosa non si può dire della nuova legge elettorale .....
Serravezza, 24 gennaio
none_a
San Giuliano
none_a
Domenica 21 Gennaio
none_a
“Agorà

RACCONTARE
none_a
Pisa, 18 gennaio
none_a
Vecchiano
none_a
CSI Pisa
none_a
CSI
none_a
Vecchiano
none_a
Tornando vella sera dalla fiera
La mì moglie a casa mi viense a mente
Grassa pallata dice brutta gente
Linguacce malidette da galera

Certo pasta .....
IL GIORNO 18 GENNAIO DALLE ORE 16. 30 ALLE ORE 18. 30 LE INSEGNANTI ACCOGLIERANNO TUTTI I GENITORI PER VISITARE LA SCUOLA IN OCCASIONE DELLE ISCRIZIONI .....
Bocca di Serchio dai belli e brutti colori
il blu della bandiera, il bianco e nero del giocatore e il rosso del sole e del fuoco

15/8/2017 - 11:46

A completezza della fdg dove è possibile inserire solo “la” foto, ecco un breve viaggio di ieri sulla  “spiaggia di là”, quella ora raggiungibile anche a chi vien camminando camminando da Marina di Vecchiano, come ha fatto Daniele Rugani, il difensore della Juventus, insieme ad una eterogenea squadra di amici, snobbando la partenza della sua vera squadra in quel d’America. Ora gioca a pallavolo, con il cane, con le onde, con i tuffi in Serchio, con i bambini, come un “normale” lucchese qual veramente è. Il bello è che ha preso anche un’oratella con la lenza!
Attenzione!
Siamo contenti, sono contento perché bianconero, ma che non si sparga tanto la voce sennò il ritiro lo verranno a fare tutti qui e noi dovremmo farne un altro di ritiro!
Chicca fra le chicche è l’altissimo pennone, un bacchiolone, che qualche scherzoso campanilista paesano amico ha innalzato nel mezzo alla spiaggia: la bandiera con l’impronta di “Ezio” (di Nisitte non c’entrava), la grande lisca che forma il mitico nome, blu, tanto blu che qualcuno ha detto “Bocca di Serchio ora ha la sua bandiera blu!”
Dietro questo però c’è stata la brutta visione e percezione dell’incendio che stava cominciando a devastare le pendici del Matanna. Sempre più vasto, sempre più sanguinoso e non potevi non guardare il sole che tramontava e non dirti che da una parte la Natura “spengeva” un Fuoco in Mare e dall’altra che l’Uomo (andrebbe scritto minuscolo) accendeva un fuoco in Monte.
Il viaggio di ritorno in barca traballante mostrava dagli alberi della riva ancora le fiamme sempre più alte e alle spalle la bandiera di Ezio salutava dicendoti che non c’è speranza di aver un mondo migliore.

Facciamo le corna!

Fonte: fra la prima foto dell'incendio e l'ultima sono passati 32 minuti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/8/2017 - 11:06

AUTORE:
scorrego

quello era la notizia e no un compito di geografia e poi cosa c'incastra il giovedì?. era lunedì

17/8/2017 - 23:43

AUTORE:
Amico del fotografo (mai visto alle gite QdG)

Alto Matanna Monte Prana

L'escursione ha inizio nel prato dell'albergo alto Matanna mt 1030 s.l.m., il quale si raggiunge percorrendo la strada Provinciale Lodovica, fino al Paese di Diecimo dove si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per il paese di Pescaglia .
Da qui si seguono le indicazioni per S Rocco in Turrite, Pascoso, Foce di Bucino, successivamente per Matanna.
Giunti nel grande piazzale si segue l'unico sentiero che svolta sulla sinistra e cioè il sentiero numero 3 che dopo averci fatto attraversare i pascoli , e il lago detto il Bozzone ci porta sul sentiero 101 che ci conduce in circa quaranta minuti alla foce del Termine o del Crocione, da qui un sentiero abbastanza pianeggiante taglia notevoli prati fino ad arrivare ai caratteristici terrazzamenti di Campo all'Orzo, situati sotto il monte Prana.
Qui a inizio la facile ascesa al monte Prana che in circa quaranta minuti ci consente di arrivare in vetta regalandoci un magnifico panorama.

17/8/2017 - 22:41

AUTORE:
Corrego

È facile scrivere quando le persone non conoscono le montagne che ci contornano
Ma l incendio era sul prana e non sul matanna
Bona
E sì che ci andate il giovedì