none_o

La prima foto mostra l’ingresso della pista ciclabile lungo la via del Mare al podere i Leccetti. C’è uno stretto passaggio accanto al cancello chiuso e una stradina che conduce fino all’argine. Qui il ciclista che ha letto Migliarino alla sua sinistra è già in imbarazzo: portarsi sull’argine o seguire la strada a fianco sottostante? L’argine è impraticabile, solo un vialetto sconnesso centrale con erba alta ai lati.....

Le Parole di Ieri
none_a
Ricordo
none_a
Ricorrenza
none_a
Omaggio
none_a
l' altra mattina alle ore 6 ascoltavo il notiziario .....
In viaggio con il PD, dai energia al treno. Puoi .....
Legge cosa gli interessa. . . . quando e su cosa gli .....
. . . . perche? Quando comprate il Corriere della sera .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
di Carlo Delli
none_a
Come cambiano autovelox e multe con il decreto Minniti
none_a
Uno sguardo dal Serchio
none_a
Avane, 28 ottobre
none_a
Castello dei Vicari - Lari
none_a
Arena Metato
none_a
Viareggio.
none_a
Pontasserchio, 14 ottobre
none_a
L’INCIDENTE


Seduti su quei sedili lordati di sangue,
col capo chino, vidi
quella scena orrenda
che mi trafisse il cuore.
Giovani vite spezzate
da .....
Speedy Wash di Gambini Cinzia
Via Mazzini 6 Migliarino Pisano
Aperto dalle 08:00 alle 22:00 tutti
i giorni anche festivi
Tel. 328 4122388

Solo .....
Bocca di Serchio dai belli e brutti colori
il blu della bandiera, il bianco e nero del giocatore e il rosso del sole e del fuoco

15/8/2017 - 11:46

A completezza della fdg dove è possibile inserire solo “la” foto, ecco un breve viaggio di ieri sulla  “spiaggia di là”, quella ora raggiungibile anche a chi vien camminando camminando da Marina di Vecchiano, come ha fatto Daniele Rugani, il difensore della Juventus, insieme ad una eterogenea squadra di amici, snobbando la partenza della sua vera squadra in quel d’America. Ora gioca a pallavolo, con il cane, con le onde, con i tuffi in Serchio, con i bambini, come un “normale” lucchese qual veramente è. Il bello è che ha preso anche un’oratella con la lenza!
Attenzione!
Siamo contenti, sono contento perché bianconero, ma che non si sparga tanto la voce sennò il ritiro lo verranno a fare tutti qui e noi dovremmo farne un altro di ritiro!
Chicca fra le chicche è l’altissimo pennone, un bacchiolone, che qualche scherzoso campanilista paesano amico ha innalzato nel mezzo alla spiaggia: la bandiera con l’impronta di “Ezio” (di Nisitte non c’entrava), la grande lisca che forma il mitico nome, blu, tanto blu che qualcuno ha detto “Bocca di Serchio ora ha la sua bandiera blu!”
Dietro questo però c’è stata la brutta visione e percezione dell’incendio che stava cominciando a devastare le pendici del Matanna. Sempre più vasto, sempre più sanguinoso e non potevi non guardare il sole che tramontava e non dirti che da una parte la Natura “spengeva” un Fuoco in Mare e dall’altra che l’Uomo (andrebbe scritto minuscolo) accendeva un fuoco in Monte.
Il viaggio di ritorno in barca traballante mostrava dagli alberi della riva ancora le fiamme sempre più alte e alle spalle la bandiera di Ezio salutava dicendoti che non c’è speranza di aver un mondo migliore.

Facciamo le corna!

Fonte: fra la prima foto dell'incendio e l'ultima sono passati 32 minuti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/8/2017 - 11:06

AUTORE:
scorrego

quello era la notizia e no un compito di geografia e poi cosa c'incastra il giovedì?. era lunedì

17/8/2017 - 23:43

AUTORE:
Amico del fotografo (mai visto alle gite QdG)

Alto Matanna Monte Prana

L'escursione ha inizio nel prato dell'albergo alto Matanna mt 1030 s.l.m., il quale si raggiunge percorrendo la strada Provinciale Lodovica, fino al Paese di Diecimo dove si svolta a sinistra seguendo le indicazioni per il paese di Pescaglia .
Da qui si seguono le indicazioni per S Rocco in Turrite, Pascoso, Foce di Bucino, successivamente per Matanna.
Giunti nel grande piazzale si segue l'unico sentiero che svolta sulla sinistra e cioè il sentiero numero 3 che dopo averci fatto attraversare i pascoli , e il lago detto il Bozzone ci porta sul sentiero 101 che ci conduce in circa quaranta minuti alla foce del Termine o del Crocione, da qui un sentiero abbastanza pianeggiante taglia notevoli prati fino ad arrivare ai caratteristici terrazzamenti di Campo all'Orzo, situati sotto il monte Prana.
Qui a inizio la facile ascesa al monte Prana che in circa quaranta minuti ci consente di arrivare in vetta regalandoci un magnifico panorama.

17/8/2017 - 22:41

AUTORE:
Corrego

È facile scrivere quando le persone non conoscono le montagne che ci contornano
Ma l incendio era sul prana e non sul matanna
Bona
E sì che ci andate il giovedì